GIOR­NI PO­SI­TI­VI O NEGATIVI.

«ORA NON POS­SO SA­PE­RE SE DA­VAN­TI HO PIÙ POS­SO SO­LO CER­CA­RE DI REN­DER­LI PO­SI­TI­VI»

Vanity Fair (Italy) - - Punk - BIL­LIE E SO­CI

di­pen­den­za da al­col e dro­ghe, il chi­tar­ri­sta tur­ni­sta Ja­son Whi­te ha lot­ta­to con un tu­mo­re al­le ton­sil­le e il bas­si­sta Mi­ke Dirnt ha ri­tro­va­to la mo­glie Britt­ney, che ha vin­to una ter­ri­bi­le bat­ta­glia con­tro il can­cro al se­no. «In quei mo­men­ti per noi mol­to dif­fi­ci­li, ho ca­pi­to che il no­stro le­ga­me non era fon­da­to sul­la mu­si­ca ma sul­le persone. Pro­prio co­me in una ve­ra fa­mi­glia», spie­ga Arm­strong. «Le co­se brut­te del­la vi­ta ti per­met­to­no di apri­re gli oc­chi, di ave­re una pro­spet­ti­va nuo­va e ti fan­no ap­prez­za­re in mo­do di­ver­so ciò che hai», mi di­ce Dirnt quan­do lo rag­giun­go nel­la sua stan­za. «Ora se mi chie­do se da­van­ti a me ho più gior­ni po­si­ti­vi o negativi, mi ri­spon­do che non lo pos­so sa­pe­re. So so­lo che pos­so cer­ca­re di ren­der­li po­si­ti­vi. È la de­ci­sio­ne con­scia di sve­gliar­si e im­pe­gnar­si per la vi­ta, di non la­scia­re che il por­tie­re ti ro­vi­ni la gior­na­ta. Tut­to di­pen­de dal giu­sto ap­proc­cio al­la vi­ta». Lo sa be­ne an­che Tré Cool, l’uni­co a es­se­re pas­sa­to «in­den­ne» at­tra­ver­so quel pe­rio­do ma­le­det­to. Quan­do en­tro nel­la sua di stan­za, mi ac­co­glie sal­tan­do sul let­to, pro­prio co­me fa­reb­be un bam­bi­no il gior­no di Na­ta­le. «Mi so­no spo­sa­to (l’11 ot­to­bre 2014 con la mo­del­la Sa­ra Ro­se Li­pert, ndr), ho cer­ca­to di non fa­re mu­si­ca per un po’. È sta­to dif­fi­ci­le non suo­na­re, ho do­vu­to im­pa­ra­re di nuo­vo a ri­las­sar­mi, a fa­re co­se nor­ma­li. So­no sta­to an­che in Ita­lia: Cin­que Ter­re, Por­to­fi­no, Ro­ma, Mi­la­no e Fi­ren­ze, so­no ec­ci­ta­to all’idea di tor­nar­ci in tour». I Green Day in­fat­ti apri­ran­no la tour­née eu­ro­pea pro­prio nel no­stro Pae­se, con quat­tro con­cer­ti a par­ti­re dal 10 gen­na­io a To­ri­no, Fi­ren­ze, Bo­lo­gna e Mi­la­no. In­tan­to, il sin­go­lo Bang Bang – già pub­bli­ca­to dal­la band – im­paz­za tra i fan. La can­zo­ne par­la di un cec­chi­no di mas­sa e del­la sua con­tro­ver­sa re­la­zio­ne con i so­cial me­dia. Ar­mi e uso del web, due pro­ble­mi che so­prat­tut­to la so­cie­tà ame­ri­ca­na conosce be­ne. «Ri­guar­do ai so­cial me­dia, cre­do che la si­tua­zio­ne ci sia sfug­gi­ta di ma­no, ne ab­bia­mo per­so il con­trol­lo», spie­ga Bil­lie Joe. «Con Bang Bang cer­co di en­tra­re nel­la te­sta di una per­so­na paz­za ma nel­lo stes­so tem­po di col­ma­re quel di­va­rio crea­to dal ter­ro­re dei con­fi­ni, ov­ve­ro dal­la xe­no­fo­bia. Per co­me la ve­do, ciò che la gen­te scri­ve su Fa­ce­book è una sor­ta di ma­ni­fe­sto, co­me nel ca­so di quel ra­gaz­zi­no di San­ta Bar­ba­ra, qui in Ca­li­for­nia, che ha po­sta­to la fra­se: “Nes­su­na ra­gaz­za è at­trat­ta da me, quin­di qual­cu­no de­ve mo­ri­re”. Un’idea che l’ha por­ta­to a spa­ra­re e a uc­ci­de­re gen­te in­no­cen­te (si ri­fe­ri­sce al­la stra­ge nel cam­pus uni­ver­si­ta­rio di San­ta Bar­ba­ra com­piu­ta da El­liot Rod­ger nel 2014,

ndr), non cre­do vo­glia dav­ve­ro di­ven­ta­re pre­si­den­te. So­no con­vin­to piut­to­sto che vo­glia so­lo fa­re un po’ di rea­li­ty Tv, per in­cre­men­ta­re gli in­troi­ti dei suoi show. La cam­pa­gna elet­to­ra­le gli ser­ve per raf­for­za­re il suo mar­chio, con­ti­nua a di­re co­se fol­li, le persone rea­gi­sco­no e lui di­ven­ta sem­pre più po­po­la­re. Cre­do che non im­ma­gi­nas­se

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.