De­ve usci­re dal­la nic­chia»

«do­po rio tan­ti si so­no ap­pas­sio­na­ti al­la pal­la­vo­lo, ma spes­so gio­chia­mo e nessuno lo sa, il vol­ley

Vanity Fair (Italy) - - Time Out -

ut­te le vol­te che lo lan­cio in aria vo­la dav­ve­ro in al­to, ma lui non ha pau­ra, ri­de co­me un paz­zo». Un gio­va­ne pa­dre che lan­cia il fi­glio pic­co­lo ver­so il cie­lo, nien­te di più nor­ma­le. Ma se a par­la­re è Ivan Zaytsev le co­se un po’ cam­bia­no. Due me­tri e 4 cen­ti­me­tri di sta­tu­ra, tan­to al­to che per fo­to­gra­far­lo ab­bia­mo do­vu­to por­ta­re una sca­let­ta sul set, due ma­ni che sem­bra­no i can­no­ni dell’Ar­ma­ta Ros­sa, quan­do pas­sa all’azio­ne e lan­cia Sa­sha in aria chiu­den­do le ma­ni co­me sot­to­re­te mi scap­pa un ur­lo di pu­ra ap­pren­sio­ne. Giu­sti­fi­ca­ta: il suo ser­vi­zio a Rio nel quar­to di fi­na­le olim­pi­co con­tro l’Iran, 127 chi­lo­me­tri ora­ri di ve­lo­ci­tà, è re­cord: la bat­tu­ta più po­ten­te mai re­gi­stra­ta in un’Olim­pia­de. For­se per que­sto il bam­bi­no pri­ma di ri­pren­de­re for­ma tra le brac­cia di Zaytsev per un at­ti­mo sem­bra al­lun­gar­si co­me le pal­le dei car­to­ni giap­po­ne­si di Mi­la e Shi­ro. Ma due cuo­ri nel­la pal­la­vo­lo po­treb­be es­se­re an­che la di­da­sca­lia del­la sto­ria per­so­na­le del­lo «Zar del vol­ley»: sua mo­glie Ashling, ex mo­del­la e un pas­sa­to nel­la coo­pe­ra­zio­ne in­ter­na­zio­na­le Onu, lo se­gue co­me un’om­bra, a bor­do cam­po, sem­pre in ma­glia az­zur­ra e con Sa­sha ac­can­to. Bel­li, bion­di, ro­man­ti­cis­si­mi (lei è 1,84), ce­le­bra­no il lo­ro amore an­che su In­sta­gram e dall’ac­count Twit­ter (enig­ma­ti­co: @1v4n0t7o, «sta per il mio nic­k­na­me, Iva­not­to»). Do­po due an­ni di tra­sfer­ta in Rus­sia con la Di­na­mo Mo­sca so­no tor­na­ti in Ita­lia, il 2 ot­to­bre «lo Zar del­la pal­la­vo­lo» ri­par­ti­rà nel cam­pio­na­to ita­lia­no, con la Sir Sa­fe­ty Pe­ru­gia. Men­tre lui si pre­pa­ra per le fo­to, par­lo con lei. Do­po che gli az­zur­ri han­no con­qui­sta­to l’ar­gen­to nel­la fi­na­lis­si­ma con­tro il Bra­si­le e una fa­ma qua­si im­prov­vi­sa da 5 mi­lio­ni di spet­ta­to­ri, la vi­ta, ov­vio, un po’ è cam­bia­ta. «Ci sia­mo do­vu­ti com­pra­re un’agen­da». Ar­ri­va lui, sen­za le ca­te­ne, i gio­iel­li, le bor­chie e l’ab­bi­glia­men­to un po’ rock­star con cui è ar­ri­va­to, ma con la cre­sta mo­hi­ca­na in te­sta che è il suo mar­chio di fab­bri­ca. «Sa­sha mi ri­co­no­sce dai ca­pel­li. Per lui le par­ti­te di pal­la­vo­lo so­no co­me i car­to­ni di Ma­sha e Or­so: guar­da la par­ti­ta, mi ri­co­no­sce in cam­po e sta buo­nis­si­mo. L’uni­co pro­ble­ma è che an­che il ten­nis gli fa que­sto ef­fet­to, ogni vol­ta che ve­de Ro­ger Fe­de­rer gri­da “pa­pà!”». Di­ca la ve­ri­tà, l’ar­gen­to dei se­con­di l’ha fat­ta ar­rab­bia­re? «Un po’ sì, il le­gnac­cio non mi pia­ce co­me me­da­glia». Il le­gnac­cio? Si di­ce co­sì? «No, cre­do di aver­lo in­ven­ta­to io, ma ren­de l’idea. Lo­gi­ca­men­te è sta­to fan­ta­sti­co, per­ché ar­ri­va­re co­sì in al­to non ce l’aspet­ta­va­mo pro­prio. Pe­rò una vol­ta lì, ca­vo­lo, io so­no uno che non sa per­de­re. Ok, for­se me­glio co­sì, ci ri­ma­ne un po’ di quel­la “fa­me” di vit­to­ria da te­ne­re per To­kyo 2020». Di re­cen­te ha det­to in mo­do ab­ba­stan­za chia­ro che la pal­la­vo­lo de­ve fa­re un sal­to di qua­li­tà, usci­re dal­la nic­chia. Al ri­tor­no da Rio ha an­che po­le­miz­za­to un po’ con la sua fe­de­ra­zio­ne na­zio­na­le. «Non ho po­le­miz­za­to, era una cri­ti­ca: mi sem­bra as­sur­do che con tan­ta gen­te che si è ap­pas­sio­na­ta a noi ai Gio­chi, que­sta onda di en­tu­sia­smo non ab­bia crea­to al­cu­na ini­zia­ti­va per far­ci co­no­sce­re an­co­ra me­glio an­che a ca­sa. Il vol­ley è il secondo sport in Ita­lia per nu­me­ro di tes­se­ra­ti, ep­pu­re noi gio­chia­mo e la gen­te a vol­te nem­me­no lo sa. Per esem­pio, han­no in­vi­ta­to tut­ta la Na­zio­na­le al­la pre­sen­ta­zio­ne dei cam­pio­na­ti che stan­no per par­ti­re, pe­rò da­van­ti ai so­li­ti 3 o 4 gior­na­li­sti, a por­te chiu­se. Ma non sa­reb­be me­glio far­lo do­ve può ve­ni­re an­che la gen­te, aper­to a tut­ti?». Ha avu­to reazioni al­le sue cri­ti­che? «Zero. Nem­me­no una pa­ro­la, sa­reb­be sta­to già un se­gna­le. Pe­rò quan­do ab­bia­mo fat­to qual­che vi­deo scher­zo­so con gli al­tri in ri­ti­ro per met­ter­lo su In­sta­gram, mi han­no in­vi­ta­to a smet­te­re. Ma non ha sen­so che il vol­ley re­sti un cir­co­lo chiu­so. Non sfrut­ta­re que­sto mo­men­to è co­sì stu­pi­do. An­che per que­sto so­no tan­to sui so­cial, in con­tat­to con gli ap­pas­sio­na­ti, che so­no abi­tua­ti a ve­der­ci da vi­ci­no. In pra­ti­ca mi sto muo­ven­do da so­lo». Il vol­ley è mol­to se­gui­to dal­le ra­gaz­ze: ca­pi­ta­no fan trop­po pres­san­ti? «Ma­ga­ri qual­che ci­to­fo­na­ta di trop­po, nien­te di in­ge­sti­bi­le». Il pal­la­vo­li­sta è il ti­po di spor­ti­vo pie­no di donne che può far in­ge­lo­si­re una mo­glie? In­ter­vie­ne Ashling. «La fi­si­ci­tà nel vol­ley non man­ca, so­no bei ra­gaz­zet­ti in ef­fet­ti, ma io co­me si di­ce “dor­mo su set­te cu­sci­ni”, il gio­ca­to­re di vol­ley non rap­pre­sen­ta cer­to il gan­cio per un sal­to so­cia­le, e poi le fan spes­so so­no dav­ve­ro gio­va­nis­si­me». Ivan, lei con­cor­da? Zaytsev ri­dac­chia. «In real­tà tut­to di­pen­de da te, se te la vai a cer­ca­re o no... Io co­mun­que so­no mol­to più ge­lo­so di lei, è una don­na de­ci­sa­men­te fuo­ri del co­mu­ne». Voi tre sem­bra­te l’em­ble­ma del­la fa­mi­glia fe­li­ce, per lei è sta­to sem­pre co­sì? «As­so­lu­ta­men­te no. Ve­de que­sto ta­tuag­gio che ho sul pet­to? È una ron­di­ne con una te­sta di pas­se­rot­to, l’ho fat­to a 18, 19 an­ni e rap­pre­sen­ta la te­sta che non ave­vo sul­le spal­le. Di­cia­mo che me ne fre­ga­vo del­le con­se­guen­ze». Che co­sa si po­trà fa­re mai a 18 an­ni? «Be’, si può fa­re. Io a 18 an­ni ho fir­ma­to il mio pri­mo con­trat­to a Ro­ma, usci­vo la se­ra, fa­ce­vo tardi». Era un po’ «cal­cia­to­re»? «Ec­co sì. Mi ero com­pra­to una macchina che era co­sta­ta tut­to l’in­gag­gio di un an­no». In­som­ma si è per­du­to? «Be’, od­dio... un po’ sì». E co­me si è sal­va­to? «So­no sta­to cam­bia­to dall’amore. Quan­do ho co­no­sciu­to Ashling». Oh fi­nal­men­te. Lei par­la um­bro ma qual­co­sa di rus­so ce l’ha: è sen­ti­men­ta­le. Ha un ta­tuag­gio che ce­le­bra an­che que­sto? «Sì, ho que­sta pa­ro­la lun­go il brac­cio, mia mo­glie ne ha una ugua­le sul­la schie­na. È scrit­ta al con­tra­rio, “al­la Leo­nar­do da

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.