DEN­TRO UN BU­CO NE­RO

Vanity Fair (Italy) - - #vanitysocial -

o sem­pre di­fe­so la leg­ge 194, ma pen­sa­vo che a me non sa­reb­be mai ser­vi­ta per­ché so­no una che pia­ni­fi­ca ogni co­sa. Que­sto pri­ma di sco­pri­re di es­se­re af­fet­ta da una di quel­le ma­lat­tie ra­re (nuo­ve mu­ta­zio­ni, le chia­ma­no, co­me se po­tes­se es­ser­ci una con­so­la­zio­ne nell’es­se­re «nuo­vi»), dia­gno­si ca­pa­ce di spie­ga­re in un col­po tut­te le stra­nez­ze che nes­su­no spe­cia­li­sta ave­va mai mes­so in­sie­me. Do­ma­ni un me­di­co met­te­rà fi­ne al­la mia gra­vi­dan­za: non me la sen­to di ca­ri­ca­re un fi­glio di un far­del­lo di sof­fe­ren­ze di cui non ha nes­su­na col­pa se non quel­la di aver «scel­to» la ma­dre sba­glia­ta. Ho at­tor­no a me mol­tis­si­mo af­fet­to, i po­chi che san­no mi so­sten­go­no, ep­pu­re a me sem­bra di es­se­re den­tro un bu­co ne­ro. For­se ho sbagliato a cre­de­re di po­ter ave­re più for­tu­na di quel­la che ho già avu­to nel­la vi­ta. For­se ognu­no di noi ha un cre­di­to da estin­gue­re. V.

H

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.