CRE­SCE­RE MA­SCHIO

Vanity Fair (Italy) - - Week -

Ve­ner­dì 7 ot­to­bre il Wa­shing­ton Po­st ha pub­bli­ca­to un vi­deo del 2005 su Do­nald Trump, e que­sto lo sap­pia­mo pra­ti­ca­men­te tut­ti, co­me è chia­ro più o me­no a tut­ti che co­sa mo­stri quel vi­deo. Ma la co­sa gros­sa è suc­ces­sa sa­ba­to 8, e quel­la non è al­tret­tan­to chia­ra: co­me mai quel vi­deo ha ge­ne­ra­to le più este­se e de­va­stan­ti rea­zio­ni ne­ga­ti­ve con­tro Trump dall’ini­zio del­la sua cam­pa­gna elet­to­ra­le, du­ran­te la qua­le era­no emer­se ogni set­ti­ma­na co­se con­tro di lui di gra­vi­tà pa­ra­go­na­bi­le, e che sem­bra­va­no non scal­fi­re i suoi elet­to­ri e so­ste­ni­to­ri? An­che sol­tan­to sul suo di­sprez­zo esi­bi­to e di­mo­stra­to nei con­fron­ti del­le don­ne, sa­pe­va­mo già tut­to. E le vol­ga­ri­tà, e il ses­so, at­ti­ra­no at­ten­zio­ni e clic, di cer­to: ma non ne­ces­sa­ria­men­te dis­sen­si e in­di­gna­zio­ne, spes­so. Cos’ha quel vi­deo, in più?

Par­tia­mo dal­le co­se più fa­ci­li: ha il vi­deo, e l’au­dio. Non è un’in­chie­sta gior­na­li­sti­ca che re­ga­la ri­ve­la­zio­ni a li­mi­ta­te éli­te di let­to­ri, e che ge­ne­ra dif­fi­den­ze e com­pat­ta­men­ti tra i fe­de­li di Trump. È pro­prio Trump, in per­so­na, la sua vo­ce, che fa il gi­ro di In­ter­net – con nu­me­ri da re­cord per il si­to del Wa­shing­ton Po­st – e rag­giun­ge chiun­que. Un uo­mo ce­le­bra­to per­ché «par­la chia­ro» par­la, in quel vi­deo, chia­ris­si­mo. Poi c’è un’al­tra co­sa, sot­to­li­nea­ta da di­ver­si com­men­ta­to­ri: non è più un ma­schio vi­tel­lo­ne che fa bat­tu­te scon­ce da bar, co­me tan­ti ma­schi. È un ma­schio che esi­bi­sce la sua ag­gres­si­vi­tà vio­len­ta Ac­cess Hol­ly­wood nei con­fron­ti del­le don­ne: ha det­to il vi­ce­pre­si­den­te Bi­den che non si trat­ta di «fra­si vol­ga­ri e ses­si­ste», ma di «un’ag­gres­sio­ne». Non è più un «por­co» – ter­mi­ne am­bi­guo, quan­do si par­la di gu­sti ses­sua­li – ben­sì un pos­si­bi­le stu­pra­to­re, uno che pro­cla­ma di es­se­re abi­tua­to a ba­cia­re e met­te­re le ma­ni ad­dos­so a chi vuo­le, per­ché non pos­so­no dir­gli di no. Ed è in­te­res­san­te che a pren­de­re le di­stan­ze più se­ve­ra­men­te da Trump sia­no sta­ti in que­sto ca­so i po­li­ti­ci uo­mi­ni: le don­ne, nel­la gran par­te dei ca­si, lo ave­va­no già fat­to. Co­me se in quel­le fra­si gli uo­mi­ni ri­co­no­sces­se­ro qual­co­sa di fa­mi­lia­re, qual­co­sa di ma­schi­le, da cui la ma­tu­ri­tà e l’eti­ca al­lon­ta­na­no a un cer­to pun­to cer­ti ma­schi e cer­ti al­tri no.

Sa­reb­be in­te­res­san­te par­la­re con Edoar­do Al­bi­na­ti, che in­tor­no al­la cen­tra­li­tà del ses­so pre­da­to­re nell’edu­ca­zio­ne dei ra­gaz­zi ma­schi ha scrit­to il ro­man­zo che ha vin­to il pre­mio Stre­ga, di che co­sa rac­con­ti quel­la con­ver­sa­zio­ne tra il 59en­ne Do­nald Trump e il suo gio­va­ne vas­sal­lo Bil­ly Bu­sh. Non rac­con­ta nien­te di nuo­vo, di­reb­be pro­ba­bil­men­te. E non rac­con­ta qua­si nien­te di nuo­vo nean­che agli ame­ri­ca­ni. Qua­si. Uno dei te­mi di La scuo­la cat­to­li­ca è ap­pun­to co­me per al­cu­ni quel­le cre­sci­te ma­schi­li­ste e igno­ran­ti (igno­ran­ti del­le don­ne) si sia­no tra­dot­te in vio­len­za, e per al­tri in una par­te co­no­sciu­ta e do­ma­ta, o go­ver­na­ta, del pro­prio es­se­re ma­schi. Quel vi­deo rac­con­ta che Trump non so­lo non l’ha do­ma­ta, ma ne va mat­to e fie­ro: e che que­sto ti­po di ma­schio, nel 2016, può di­ven­ta­re fi­na­li­sta per il ti­to­lo di ca­po del mon­do. Poi me­ra­vi­glia­te­vi che «stai per Hil­la­ry per­ché è una don­na».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.