CER­CHI DI CA­PIR­LO»

«VEN­GO DA UNA RE­GIO­NE DE­GLI STA­TI UNI­TI DO­VE IL SO­STE­GNO A TRUMP È FOR­TE: NA­TU­RA­LE CHE IO

Vanity Fair (Italy) - - Copertina Vanity -

Brad Pitt è un as­sas­si­no di pian­te.

E del peg­gior ti­po: l’uo­mo che le la­scia mo­ri­re di fa­me e di se­te. In bel­la mo­stra in due an­go­li del suo stu­dio di Be­ver­ly Hills, la pro­va del de­lit­to: re­sti sche­le­tri­ci che han­no per­so da mol­to tem­po la spe­ran­za di es­se­re in­naf­fia­ti. Lui mi spie­ga di es­se­re sta­to via per die­ci me­si. Una spie­ga­zio­ne, se non una ve­ra scu­sa. Ma de­ci­do co­mun­que di rac­con­ta­re quel­lo che ho vi­sto. Il pub­bli­co ha di­rit­to di sa­pe­re. Sia­mo negli uf­fi­ci di Plan B, la com­pa­gnia di pro­du­zio­ne di cui Pitt è sta­to nel 2001 co-fon­da­to­re e di cui è og­gi pro­prie­ta­rio. Ci ter­rei a fa­re col­po su di lui con le mie co­no­scen­ze di ar­chi­tet­tu­ra – pas­sio­ne che a quan­to ho ca­pi­to gli è ri­ma­sta da quan­do ha aiu­ta­to a ri­co­strui­re il Lo­wer Nin­th Ward di New Or­leans can­cel­la­to dall’ura­ga­no Ka­tri­na – e ho pen­sa­to di rac­con­tar­gli la sto­ria di Shi­ge­ru Ban, fa­mo­so, tra le al­tre co­se, per la Cat­te­dra­le di Car­to­ne che ha co­strui­to a Ch­rist­chur­ch, Nuo­va Ze­lan­da, al po­sto di quel­la di­strut­ta dal ter­re­mo­to. Ma ec­co che ve­do sul­lo scaf­fa­le l’in­te­ra mo­no­gra­fia del­le sue ope­re. Ac­can­to al suo gi­ra­di­schi no­to gli al­bum di Joe Strum­mer and the Me­sca­le­ros – nul­la di sor­pren­den­te. Sor­pren­den­ti, in­ve­ce, so­no cer­ti li­bri ra­ri di cul­tu­ra al­ter­na­ti­va, co­me The Bi­ke­ri­ders del fo­to­gra­fo Dan­ny Lyon. Sor­pren­den­ti non per­ché Brad Pitt è un di­vo – e spes­so i di­vi vi­vo­no un po’ fuo­ri dal mon­do – ma per­ché è pa­dre, e quan­do ti na­sce un fi­glio ten­di a per­de­re tut­to quel­lo che fa fi­go, e a sco­pri­re i ber­mu­da di jeans. E quan­do so­no en­tra­to e si è al­za­to a strin­ger­mi la ma­no – in T-shirt bian­ca co­me i jeans e il bor­sa­li­no – tut­to mi ha fat­to me­no che l’ef­fet­to del pa­pà sfi­ga­to.

Brad Pitt sa che i sol­di non fan­no la fe­li­ci­tà.

Stan­no per usci­re due suoi film. Al­lied — Un’om­bra na­sco­sta di Ro­bert Ze­mec­kis, th­ril­ler ro­man­ti­co trat­to da una vi­cen­da real­men­te av­ve­nu­ta du­ran­te la Se­con­da guer­ra mon­dia­le, è la sto­ria di due agen­ti, lui ca­na­de­se e lei (Ma­rion Co­til­lard) fran­ce­se, che si in­con­tra­no e si in­na­mo­ra­no men­tre so­no in mis­sio­ne in Nor­da­fri­ca per as­sas­si­na­re un pez­zo gros­so del Rei­ch. War Ma­chi­ne è in­ve­ce trat­to dall’esplo­si­vo li­bro-in­chie­sta di Mi­chael Ha­stings su un ge­ne­ra­le ame­ri­ca­no tan­to po­ten­te quan­to av­ven­ta­to (in­ter­pre­ta­to da Pitt) e sull’in­cre­di­bi­le spre­giu­di­ca­tez­za del­le al­te ge­rar­chie mi­li­ta­ri ame­ri­ca­ne: «È una sa­ti­ra sul si­ste­ma che man­da in guer­ra i no­stri gio­va­ni uo­mi­ni e le no­stre gio­va­ni don­ne, sull’as­sur­di­tà del mec­ca­ni­smo, sul suo egoi­smo», spie­ga l’at­to­re, «ed è mol­to di­ver­ten­te, fi­no che a un cer­to pun­to non lo è più per nien­te». Par­te dal sot­ti­le con­fi­ne fra tra­ge­dia e com­me­dia una di­scus­sio­ne più in ge­ne­ra­le sul­la tri­stez­za e la fe­li­ci­tà. Nei suoi tan­ti viag­gi in gi­ro per il mon­do, mi spie­ga Pitt, ha spes­so in­con­tra­to per­so­ne che non avreb­be­ro mo­ti­vo di es­se­re fe­li­ci, per­so­ne che quel­li co­me lui – quel­li con i mez­zi e il tem­po a di­spo­si­zio­ne – si sen­to­no in ob­bli­go di aiu­ta­re, e che pe­rò, sep­pu­re nel­la si­tua­zio­ne di gran­de dif­fi­col­tà in cui si tro­va­no, in qual­che mo­do rie­sco­no a sem­bra­re le più con­ten­te. «Ho vi­si­ta­to zo­ne del Ter­zo Mon­do do­ve la po­po­la­zio­ne ave­va co­no­sciu­to sof­fe­ren­ze atro­ci, ep­pu­re ri­de­va co­me ra­ra­men­te si sen­te ri­de­re nel­le no­stre cit­tà». Da gia­mai­ca­no, aven­do vi­sto più vol­te ar­ri­va­re ric­chi oc­ci­den­ta­li in mis­sio­ne per sal­var­ci dal­la po­ver­tà, gli con­fi­do che spes­so se ri­dia­mo è pro­prio per quel­li co­me lui, che vo­glio­no fa­re del be­ne ma non han­no la più pal­li­da idea di co­me ri­sol­ve­re i no­stri pro­ble­mi. «È ca­pi­ta­to an­che a me», am­met­te, «ma da qual­che par­te de­vi pur co­min­cia­re. Par­ti con le mi­glio­ri in­ten­zio­ni, ba­san­do­ti su quel­lo che sai del mon­do. Poi ar­ri­vi e ti ren­di con­to che tut­to è mol­to più com­pli­ca­to di quan­to im­ma­gi­na­vi. L’er­ro­re di noi ame­ri­ca­ni in po­li­ti­ca este­ra è sem­pre sta­to quel­lo di pen­sa­re che po­tes­si­mo im­por­re i no­stri idea­li a un’al­tra cul­tu­ra, sen­za ca­pir­la». Brad Pitt con Ma­rion Co­til­lard, 41 an­ni, in una sce­na di Al­lied Un’om­bra na­sco­sta. L’at­to­re in­ter­pre­ta un uf­fi­cia­le dei ser­vi­zi se­gre­ti ame­ri­ca­ni.

Brad Pitt sa quan­to pos­sa­no es­se­re ir­ri­tan­ti le opi­nio­ni dei fa­mo­si.

Ma io con que­sta in­ter­vi­sta non vo­glio cer­to rac­con­tar­vi che lui è l’ec­ce­zio­ne, lui è nor­ma­le, lui è co­me tut­ti noi. Del re­sto, co­me po­trei? Di­gi­tan­do il suo no­me, Goo­gle re­sti­tui­sce 90 mi­lio­ni di ri­sul­ta­ti, e ol­tre 15 mi­lio­ni an­che scri­ven­do­lo con l’or­to­gra­fia sba­glia­ta, «Brad Pit» con una «t» so­la. Que­sto, non di­men­ti­chia­mo­lo, è il ti­po ca­pa­ce di di­mo­stra­re agli ini­zi del­la sua car­rie­ra – nei pan­ni del la­dro play­boy di Thel­ma & Loui­se – che le «par­ti­ci­ne» non esi­sto­no. Qual­cu­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.