SEN­ZA CIN­TU­RA»

«STO SFREC­CIAN­DO IN AUTOSTRADA, GUAR­DO NEL­LO SPEC­CHIET­TO: MIA FI­GLIA È NEL SUO SEG­GIO­LI­NO,

Vanity Fair (Italy) - - Santa Pazienza Vanity -

E me­no ma­le che è an­da­ta be­ne. Giu­ro che ap­pe­na ho par­cheg­gia­to do­ve la­vo­ra­va Ash­ton so­no scop­pia­ta a pian­ge­re». Quan­do ha vi­sto il film, lui co­me ha rea­gi­to? «È ve­nu­to al­la pro­ie­zio­ne per il ca­st, do­ve c’era­va­mo tut­ti, e gli è pia­ciu­to pa­rec­chio. E co­mun­que, se non gli fos­se pia­ciu­to men­ti­rei, le di­rei che non l’ha vi­sto». Com­men­ti sul­la sua in­ter­pre­ta­zio­ne? Non ha mai det­to: «Od­dio, tu sei ugua­le»? «No, per­ché mi ama e cer­te co­se non ose­reb­be mai dir­le. An­che per­ché, se le di­ces­se, ri­schie­reb­be co­me mi­ni­mo la se­pa­ra­zio­ne, e ma­ga­ri an­che il di­vor­zio. Scher­zi a par­te, Ash­ton è sta­to dol­cis­si­mo. Die­tro di noi c’era­no Kri­sten Bell e suo ma­ri­to Dax, e an­che Ch­ri­sti­na (Ap­ple­ga­te, ndr) è ve­nu­ta con il suo. Era­va­mo tut­te lì coi no­stri bei ma­ri­ti­ni. È sta­ta una se­ra­ta mol­to ca­ri­na». Lei è una di quel­le pa­zien­ti con i bam­bi­ni o in­ve­ce si in­fu­ria? «Le di­co qual è sta­ta la ri­ve­la­zio­ne più gran­de. Al­me­no per me, che nel­la vi­ta di tut­ti i gior­ni ho po­chis­si­ma pa­zien­za. Ne ho sem­pre avu­ta po­ca, ed è il mio gran­de pro­ble­ma. Ma fa­re un fi­glio, ra­gaz­zi! Quel­lo sì che ti cam­bia la pro­spet­ti­va. Nel gi­ro di un at­ti­mo ti ri­tro­vi a pen­sa­re: “Ok, de­vo im­pa­ra­re che cos’è la pa­zien­za”. Ed è il re­ga­lo più gran­de che ab­bia mai ri­ce­vu­to. Per­ché non im­por­ta se i miei ge­ni­to­ri mi chie­de­va­no di ave­re più pa­zien­za, non im­por­ta se mio ma­ri­to mi chie­de di ave­re più pa­zien­za: fin­ché non ho avu­to un bam­bi­no non me n’è mai im­por­ta­to nien­te. Poi di col­po di­ci: “De­vo ave­re più pa­zien­za”, e tut­ti che ri­spon­do­no: “Ma va? Noi te lo di­cia­mo so­lo da vent’an­ni!”. Gior­no do­po

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.