ELI­SA­BET­TA CHIA­MA ELI­SA­BET­TA

Vanity Fair (Italy) - - #vanitysocial -

o let­to con di­sap­pun­to sul n. 42 le pa­ro­le di Eli­sa­bet­ta Gre­go­ra­ci, te­sti­mo­nial Lilt, che ha per­so sua ma­dre per un can­cro al se­no («Mia so­rel­la è più an­sio­sa di me e vuo­le fa­re un te­st ge­ne­ti­co per sco­pri­re quan­to è al­to, per lei, il ri­schio di am­ma­lar­si. La tro­vo una scel­ta estre­ma, io pre­fe­ri­sco non sa­pe­re»). Ho 36 an­ni e la mia vi­ta è sta­ta stra­vol­ta dal tu­mo­re al se­no che ha col­pi­to a di­stan­za di po­chi me­si sia me che mia mam­ma. Pro­prio il te­st ge­ne­ti­co, per in­di­vi­dua­re l’even­tua­le mu­ta­zio­ne del ge­ne BRCA, ci ha aiu­ta­te a de­ci­de­re che la ma­stec­to­mia bi­la­te­ra­le era la mi­glio­re op­zio­ne. Eli­sa­bet­ta do­vreb­be far­si spie­ga­re quan­te vi­te il te­st ha sal­va­to, e quan­te ne avreb­be po­tu­te sal­va­re. Ora ve­dia­mo la lu­ce in fon­do al tun­nel: le che­mio so­no fi­ni­te e, quan­do mi guar­do al­lo spec­chio, non ve­do la mu­ti­la­zio­ne ma il mio sor­ri­so. Gra­zie al­le dot­to­res­se che mi han­no fat­to ca­pi­re che sa­pe­re di es­se­re ge­ne­ti­ca­men­te pre­di­spo­sta non era una di­sgra­zia ma mi avreb­be sal­va­to la vi­ta e an­che quel­la del­le mie fi­glie fem­mi­ne, se mai ne avrò. E gra­zie a mio ma­ri­to, che rie­sce a far­mi sen­ti­re bel­lis­si­ma. Eh sì, so­no vi­va. ELI­SA­BET­TA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.