AN­CO­RA SUL TE­ST

Vanity Fair (Italy) - - #vanitysocial -

o del­la mu­ta­zio­ne del ge­ne BRCA2 nel­la mia fa­mi­glia da tre an­ni, tan­ti me ne so­no ser­vi­ti per tro­va­re il co­rag­gio di fa­re il te­st. Per­ché, an­che se ho «so­lo» 24 an­ni, non ce la fa­ce­vo più a vi­ve­re nel dub­bio che, con quel­la mu­ta­zio­ne, even­tua­li tu­mo­ri si po­tes­se­ro svi­lup­pa­re pre­co­ce­men­te. Non so de­scri­ve­re la sen­sa­zio­ne che ho pro­va­to quan­do mi han­no det­to che era ne­ga­ti­vo, ma so de­scri­ve­re mol­to be­ne il me­se e mez­zo di at­te­sa. Mi so­no chie­sta più vol­te che co­sa avrei fat­to se fos­se sta­to po­si­ti­vo, la ve­ri­tà è che non lo sa­pe­vo. Ho in­con­tra­to tan­ta igno­ran­za su un te­ma di vi­ta­le im­por­tan­za di cui si par­la trop­po po­co. Una mu­ta­zio­ne BRCA1/BRCA2 non è una con­dan­na sen­za ap­pel­lo, pe­rò chi ri­sul­ta po­si­ti­vo si tro­va ad af­fron­ta­re dif­fi­col­tà in un Pae­se in cui gi­ne­co­lo­gi e me­di­ci di ba­se so­no i pri­mi a scon­si­glia­re il te­st. Con­ti­nua­te a par­lar­ne. ELE­NA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.