PIÙ TRUMP DI TRUMP

Dal pri­mo ot­to­bre, in Ame­ri­ca, spo­po­la l’imi­ta­zio­ne del can­di­da­to re­pub­bli­ca­no fat­ta dall’at­to­re ALEC BALD­WIN. Im­pos­si­bi­le far­ne a me­no: ri­cor­da­te il Fran­ce­sco Ru­tel­li di Cor­ra­do Guz­zan­ti?

Vanity Fair (Italy) - - Week - Di GUIA SONCINI

n an­no può cam­bia­re tut­to. Il 7 no­vem­bre del 2015 il Sa­tur­day Night Li­ve, il pro­gram­ma di sa­ti­ra più no­to del mon­do (va in on­da dal 1975 sul­la Nbc), i cui sket­ch ven­go­no ogni set­ti­ma­na rac­cor­da­ti da un ospi­te fa­mo­so, ave­va co­me pre­sen­ta­to­re Do­nald Trump. Se­gui­va­no le im­man­ca­bi­li po­le­mi­che: lo sta­va­no nor­ma­liz­zan­do, usa­va­no quel tep­pi­sta aspi­ran­te pre­si­den­te co­me fos­se un’in­no­cua ce­le­bri­tà. Esat­ta­men­te un an­no do­po, lu­ne­dì 7 no­vem­bre, la se­ra pri­ma del­le ele­zio­ni, Nbc man­de­rà uno spe­cia­le SNL a te­ma elet­to­ra­le. Una di quel­le se­ra­te «Il me­glio di» che i pro­gram­mi di suc­ces­so fan­no ri­ci­clan­do ma­te­ria­le già pro­dot­to. Nes­su­no ha dub­bi su qua­le sa­rà l’imi­ta­zio­ne più usa­ta nel­lo spe­cia­le, giac­ché nell’ul­ti­mo me­se il pro­gram­ma ha ca­pi­to

Uche, per­ché tut­ti ne par­li­no, per l’ap­pa­ri­zio­ne di Trump non ser­ve in­vi­ta­re Trump. La pri­ma ap­pa­ri­zio­ne di Alec Bald­win nel ruo­lo di Do­nald Trump è del pri­mo ot­to­bre, do­po il pri­mo dei di­bat­ti­ti pre­si­den­zia­li. Non era la pri­ma imi­ta­zio­ne del Do­nald al SNL (si so­no ci­men­ta­ti in Trump al­tri due at­to­ri, ne­gli an­ni), ed era an­nun­cia­ta. Lor­ne Mi­chaels, pro­dut­to­re del pro­gram­ma, ave­va rac­con­ta­to che non sa­pe­va a chi far­lo fa­re, poi si era tro­va­to a par­lar­ne con Ti­na Fey. Ti­na Fey è sta­ta la ca­pa de­gli au­to­ri del SNL, poi è an­da­ta a fa­re al­tro, ma è sem­pre ri­ma­sta le­ga­ta al grup­po del sa­ba­to se­ra: era sua la Sa­rah Pa­lin che, pri­ma di que­sto me­se, era sta­ta la lo­ro imi­ta­zio­ne po­li­ti­ca più riu­sci­ta de­gli ul­ti­mi an­ni. Ti­na di­ce a Lor­ne: «Sai chi? Alec Bald­win». Che cos’è il ge­nio? È ri­co­no­sce­re l’idea per­fet­ta pri­ma che sia evi­den­te a tut­ti. Per­ché nean­che le fan più ac­ca­ni­te di Bald­win pen­sa­va­no po­tes­se es­se­re co­sì: più Trump di Trump. Già do­po la pri­ma ap­pa­ri­zio­ne non si riu­sci­va più a guar­da­re il can­di­da­to ve­ro sen­za ve­de­re l’imi­ta­to­re. Era tut­to per­fet­to. Le ma­ni­ne che si agi­ta­va­no spun­tan­do dai pol­si­ni del­la ca­mi­cia. Il lab­bro in­fe­rio­re pen­du­lo co­me di bam­bi­no che si por­ta via il pal­lo­ne. I tic di pro­nun­cia che non im­por­ta se ce li ab­bia dav­ve­ro: or­mai so­no suoi. È ba­sta­to me­no d’un me­se; co­me quin­di­ci an­ni fa, quan­do, in due so­le ap­pa­ri­zio­ni, Cor­ra­do Guz­zan­ti ci re­se im­pos­si­bi­le guar­da­re Fran­ce­sco Ru­tel­li sen­za sen­ti­re «Ber­lu­sco’: t’amo por­ta­to l’ac­qua co’ le ’rec­chie». Non im­por­ta che Ru­tel­li non l’aves­se mai det­to: era più ve­ro del ve­ro. Co­sì com’è iper­rea­li­sta il Trump di Bald­win, quel­lo che di­ce che ha un ot­ti­mo rap­por­to col pre­si­den­te mes­si­ca­no, «mi­ster Gua­ca­mo­le, no, scu­sa­te: señor Gua­ca­mo­le», o che ri­spon­de al­la do­man­da di un elet­to­re ne­ro (pre­sen­ta­to­si co­me «Ja­mes») «Que­sta è un’ot­ti­ma do­man­da, Den­zel», o che in­vi­ta ad an­da­re a vo­ta­re il 35 di no­vem­bre (slit­ta­men­to mi­nu­sco­lo da un ma­te­ria­le di par­ten­za già ot­ti­mo: in un ve­ro co­mi­zio il ve­ro Trump si era rac­co­man­da­to di an­da­re a vo­ta­re «il 28 di no­vem­bre»). Trump na­tu­ral­men­te ha twit­ta­to la sua di­sap­pro­va­zio­ne: «Ho vi­sto la spedizione pu­ni­ti­va del Sa­tur­day Night Li­ve con­tro di me. È ora di chiu­de­re quel pro­gram­ma no­io­so e per nien­te di­ver­ten­te. Il ri­trat­to di Alec Bald­win fa schi­fo». An­che uno dei fra­tel­li di Alec, Ste­phen, elet­to­re di Do­nald, ha twit­ta­to che l’imi­ta­zio­ne «non fa ri­de­re», fi­nen­do nell’ap­pa­ri­zio­ne suc­ces­si­va; in cui Alec, più Do­nald di Do­nald, elen­ca­va i suoi più ce­le­bri so­ste­ni­to­ri: Cha­chi di Hap­py Days, Sa­rah Pa­lin, e il mi­glio­re dei Bald­win, Ste­phen. Tut­ti e tre ve­ri, men­tre ha smes­so di es­ser­lo quel che tut­ti ri­pe­to­no: che non se ne può più di que­sta cam­pa­gna elet­to­ra­le. Io vor­rei du­ras­se un al­tro an­no, per con­ti­nua­re a ve­de­re Alec Trump. Alec Bald­win, 58 an­ni, imi­ta il Do­nald Trump del­lo scon­tro in Tv con Hil­la­ry Clin­ton, al Sa­tur­day Night Li­ve. L’idea del­la gag è del­la co­mi­ca Ti­na Fey.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.