MI STO CALMANDO»

Vanity Fair (Italy) - - Grand Cru Vanity -

co­me una per­so­na strae­du­ca­ta, cor­ret­ta, non pen­sa­vo che avreb­be mai fat­to nul­la del ge­ne­re. La ve­ri­tà è che, fi­no a quan­do ri­ma­ni fi­glio, il rap­por­to con i tuoi ge­ni­to­ri è sem­pre al­te­ra­to». Ha esor­di­to al ci­ne­ma gio­va­nis­si­mo. Al­lo­ra si sa­reb­be aspet­ta­to una car­rie­ra di­ver­sa da quel­la che poi ha ef­fet­ti­va­men­te avu­to? «Quan­do la Co­men­ci­ni mi scel­se, a 19 an­ni, sem­bra­vo dro­ga­to: non ho mai pre­so dro­ga, ma cre­do che l’ef­fet­to sia quel­lo. Ri­cor­do che al­la te­le­vi­sio­ne sen­tii il com­pen­so di Ju­lia Ro­berts, due mi­lio­ni di dol­la­ri a film, e pen­sai: mi ba­sta fa­re un film ogni tre an­ni e so­no a po­sto per sem­pre. Non sa­pe­vo nien­te di co­me fun­zio­na­va que­sto mon­do. Do­po po­chi me­si, fe­ci un pro­vi­no per un film con An­tho­ny Ho­p­kins: tut­ti en­tu­sia­sti, an­che io ci cre­de­vo, ma all’ul­ti­mo mi dis­se­ro che do­ve­va­no pren­de­re un al­tro. Ero fu­rio­so, ma da lì è ini­zia­ta un po’ di con­sa­pe­vo­lez­za. An­che se, quan­do Baa­rìa ven­ne scel­to per rap­pre­sen­ta­re l’Ita­lia agli Oscar, fu ine­vi­ta­bi­le pen­sa­re: ades­so co­min­cia la car­rie­ra in­ter­na­zio­na­le. Ri­ve­do quel Fran­ce­sco con te­ne­rez­za. La real­tà è un’al­tra co­sa». Com’è? «De­vi con­fron­tar­ti con i tuoi de­si­de­ri ma an­che con le tue ef­fet­ti­ve ca­pa­ci­tà. In que­sto per­cor­so ho im­pa­ra­to due ve­ri­tà: ri­cor­da­ti che pri­ma di tut­to de­vi man­gia­re, e ri­cor­da­ti che è me­glio se il suc­ces­so ar­ri­va do­po i qua­rant’an­ni». La car­rie­ra in­ter­na­zio­na­le non l’ha nean­che pro­va­ta? «A Los An­ge­les ci so­no sta­to, sei me­si, ma io vo­glio la­vo­ra­re in Ita­lia, è que­sto il mio Pae­se, il ci­ne­ma che mi rap­pre­sen­ta. Det­to que­sto, quan­do c’è l’oc­ca­sio­ne di la­vo­ra­re con mo­stri sa­cri co­me Mor­gan Free­man (nel re­cen­te Ben Hur, ndr) o con Joa­quin Phoe­nix, che vie­ne in Si­ci­lia per le ri­pre­se di Ma­ry Mag­da­le­ne, è un gran­dis­si­mo ono­re e un’espe­rien­za uni­ca». Sa­prà che di­mo­stra più del­la sua età. «Se co­sì non fos­se, for­se Tor­na­to­re non mi avreb­be fat­to fa­re il set­tan­ten­ne. Fuo­ri emer­ge il mon­do in­te­rio­re che hai. Ma quan­do va­do a pe­sca­re – il ma­re è un’al­tra mia pas­sio­ne – rie­sco ad ave­re una leg­ge­rez­za da bam­bi­no». Pen­sa di aver per­so qual­co­sa del­la sua gio­vi­nez­za? «Mac­ché. Fi­no ai 25 an­ni so­no sem­pre usci­to: tut­ti i sa­ba­ti se­ra in di­sco­te­ca fi­no al­le set­te del mat­ti­no». Ades­so è sin­gle. Ha tra­scu­ra­to gli af­fet­ti? «Per ama­re un al­tro de­vi es­se­re in pa­ce con te stes­so, se no dia­lo­ga­no so­lo i bi­so­gni». Che sag­gio. «Non lo so­no sem­pre sta­to. Ci so­no ca­sca­to pa­rec­chie vol­te in real­tà, la vi­ta la fac­cio gio­ca­re al­la gran­de». Co­me il personaggio che in­ter­pre­ta a tea­tro in Tra­di­men­ti? «Il mio personaggio è un eter­no bam­bi­no, un se­dut­to­re con gran­dis­si­me fra­gi­li­tà che non rie­sce ad ama­re pie­na­men­te per­ché non è di­ven­ta­to an­co­ra uo­mo. Io in­ve­ce quan­do so­no in cop­pia so­no fe­de­le, ma è an­che ve­ro che le mie sto­rie fi­no­ra non so­no du­ra­te tan­to: in me­dia un an­no». Non cre­de si pos­sa es­se­re fe­de­li a lun­go? «La fe­del­tà non è co­sì na­tu­ra­le. Per­si­no il Pa­pa ha det­to al­le cop­pie: se aspet­ta­te un bam­bi­no non spo­sa­te­vi su­bi­to, pri­ma con­vi­ve­te. È par­ti­to da lì, chis­sà do­ve ar­ri­ve­rà. Nel­la vi­ta si fan­no tan­tis­si­mi in­con­tri e so­no tut­ti bel­lis­si­mi. Cer­to, cre­scen­do mi sen­to sem­pre più pron­to a in­con­tra­re una com­pa­gna. Mi sto calmando». Le sue fi­dan­za­te era­no ge­lo­se? «Era un pro­ble­ma so­prat­tut­to se mi at­tar­da­vo nel­le pro­ve con una part­ner di sce­na. Ma su que­sto non ci sen­to: il la­vo­ro per me è sa­cro». Mai sta­to la­scia­to? «Una vol­ta, al te­le­fo­no da Los An­ge­les. Ero a ca­sa di lei a Pa­ri­gi, non ho po­tu­to fa­re al­tro che ac­cet­ta­re la sua de­ci­sio­ne. Ma non pen­si che sia un ra­zio­na­le: in amo­re fac­cio cap­pot­to e con­tro­cap­pot­to, so­no sta­to an­che un ka­mi­ka­ze, lot­to mol­to per una don­na. Ariete ascen­den­te Acquario: ho un mon­do emo­ti­vo che mi fa vo­la­re». Rim­pian­ti? «Nes­su­no. E ho un rap­por­to bel­lis­si­mo con tut­te le mie ex». Sem­pre sta­to con at­tri­ci? «La sto­ria più lun­ga in real­tà l’ho avu­ta con una don­na che si oc­cu­pa­va di co­mu­ni­ca­zio­ne in­ter­na­zio­na­le, ma è nor­ma­le fa­re in­con­tri nell’am­bien­te che fre­quen­ti. È buf­fo per­ché, an­che quan­do fan­no al­tri la­vo­ri, poi sco­pro che in qual­che mo­men­to del­la lo­ro vi­ta han­no pro­va­to a re­ci­ta­re». A un fi­glio ci ha mai pen­sa­to? «Ci ho pen­sa­to e ci pen­so mol­to, cre­do sia so­lo que­stio­ne di tem­po. Con mio ni­po­te, che ha 4 an­ni, mi di­ver­to da mo­ri­re. Si ver­go­gna­va che lo ac­com­pa­gnas­si a fa­re pi­pì e al­lo­ra, per vin­ce­re il pu­do­re, sia­mo an­da­ti in ba­gno in­sie­me, ci sia­mo spo­glia­ti e but­ta­ti sot­to la doc­cia. Da al­lo­ra vuo­le sem­pre che stia­mo nu­di in ca­sa, con gran­de di­sap­pun­to di mio fra­tel­lo. Ma io so­no so­lo lo zio, ca­pi­sco che fa­re il pa­dre è il me­stie­re più dif­fi­ci­le del mon­do». Ora sa­reb­be pron­to? «Pri­ma de­vo tro­va­re la don­na, e non è sem­pli­ce per­ché non mi in­na­mo­ro fa­cil­men­te. Ma c’è tem­po: se os­ser­vo le co­se co­me mi so­no an­da­te fi­no­ra, tut­to è sem­pre suc­ces­so al mo­men­to giu­sto». Pagg. 110-111: cap­pot­to, Po­lo, Pan­ta­lo­ni, Pagg. 112-113: cap­pot­to, Dol­ce­vi­ta e pan­ta­lo­ni, Ha col­la­bo­ra­to An­ge­li­ca To­rel­li. Groo­ming Ma­nue­le Ma­me­li@MKS Mi­la­no using Kie­hl’s Age De­fen­der e Bum­ble &Bum­ble. Si rin­gra­zia per l’ospi­ta­li­tà L’Ara­be­sque Ca­fé di Mi­la­no (la­ra­be­sque.net).

Ze­gna. Va­len­ti­no. Sal­va­to­re Fer­ra­ga­mo. Ta­glia­to­re. Er­me­ne­gil­do Guc­ci.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.