Vie­ta­to Phil Col­lins

Un grup­po di ra­gaz­zi met­te su una band nel­la Du­bli­no de­gli an­ni ’80. SING STREET è un film im­per­di­bi­le: ama­ro e di­ver­ten­te, pie­no di mu­si­ca. Con al­cu­ne bat­tu­te me­mo­ra­bi­li

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di PAO­LA JACOBBI

uan­do non c’era­no i ta­lent, quan­do la mu­si­ca non era di­gi­ta­le, quan­do an­co­ra si pen­sa­va che «i vi­deo­clip so­no per quel­li che non san­no suo­na­re», c’era co­mun­que tut­to il re­sto: l’ado­le­scen­za bru­fo­lo­sa e in­fe­li­ce, gli ami­ci e i ne­mi­ci di clas­se (in tut­ti i sen­si), e sboc­cia­va in fon­do al cuo­re di mol­ti il so­gno di scap­pa­re via, ma­ga­ri di­ven­ta­re fa­mo­si, ma­ga­ri at­tra­ver­so una band, la tua band. Sing Street è il set­ti­mo film dell’ir­lan­de­se John Car­ney, già re­gi­sta di On­ce e di Be­gin Again, gran­de sen­si­bi­li­tà nel di­ri­ge­re gli at­to­ri e pa­le­se fi­du­cia nel po­te­re sal­vi­fi­co del­la mu­si­ca. Qui rac­con­ta qual­co­sa di mol­to si­mi­le al­la sua gio­vi­nez­za nel­la Du­bli­no an­ni Ot­tan­ta, una cit­tà po­ve­ra, cul­tu­ral­men­te pe­ri­fe­ri­ca, scas­sa­ta dal­la di­soc­cu­pa­zio­ne. Il pro­ta­go­ni­sta Co­nor (Fer­dia Wal­sh-Pee­lo, 17 an­ni) fon­da la sua band per fa­re col­po su Ra­phi­na (Lu­cy Boyn­ton, 22), che è co­sì bel­la che sem­bra usci­ta da un vi­deo dei

QDu­ran Du­ran. È il 1985, la play­li­st che gi­ra in­tor­no è un pal­leg­gio tra Du­ran e Span­dau Bal­let e poi Joy Di­vi­sion, a-ha, The Cu­re… Co­nor si pet­ti­na co­me i suoi eroi, evol­ven­do da Nick Rho­des a To­ny Had­ley, a Ro­bert Smi­th nell’ar­co di un an­no sco­la­sti­co, com­po­ne can­zo­ni, coin­vol­ge gli ami­ci gi­ran­do dei vi­deo nei vi­co­li de­ser­ti del quartiere e se­gue i con­si­gli del fra­tel­lo mag­gio­re, mu­si­ci­sta fal­li­to che ha ri­nun­cia­to a pro­va­re ad ave­re una car­rie­ra per pau­ra di non far­ce­la o for­se so­lo per pi­gri­zia. Le mu­si­che so­no in gran par­te di re­per­to­rio, con ag­giun­ta di pez­zi ori­gi­na­li di Ga­ry Clark. Il re­gi­sta ha avu­to co­me con­su­len­ti, in ami­ci­zia, Bo­no e The Ed­ge, che han­no for­ni­to a Car­ney mol­ti rac­con­ti di pri­ma ma­no sui lo­ro esor­di. Di­ver­ten­te e ama­ro, fa ri­de­re, fa pian­ge­re e, al­la fi­ne, re­ga­la un mo­men­to di ri­scat­to per tut­ti. La sce­neg­gia­tu­ra sem­bra scrit­ta da un Nick Horn­by in pie­na for­ma. Bat­tu­ta me­mo­ra­bi­le: «Nes­su­na don­na può ama­re dav­ve­ro un uo­mo che ascol­ta Phil Col­lins».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.