Io la ma­fia non la ca­pi­sco

Nel­la serie trat­ta dal film di Pif, è un’ado­le­scen­te che del­la real­tà in­tor­no non af­fer­ra nul­la. E anche nel­la vi­ta, AN­GE­LA CUR­RI abi­ta un mon­do tut­to suo. Do­ve l’amo­re vie­ne pri­ma di ogni co­sa

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di IRENE SOAVE

icor­da­te An­ge­la, la so­rel­la del pic­co­lo Ar­tu­ro-Pif nel film La ma­fia uc­ci­de so­lo d’esta­te? No, eh? Per­ché non c’era: il per­so­nag­gio di An­ge­la, se­di­cen­ne igna­ra del cli­ma di piom­bo in cui vi­ve, è spun­ta­to nel­la serie Tv trat­ta dal film – Pif re­sta co­me vo­ce nar­ran­te, nel ca­st ci so­no An­na Fo­gliet­ta, Clau­dio Gioè e Fran­ce­sco Scian­na – in pri­ma se­ra­ta su Ra­iu­no dal 21 no­vem­bre. E il suo vol­to è quel­lo di An­ge­la Cur­ri, 23 an­ni, già co­no­sciu­ta in Brac­cia­let­ti ros­si: era la tee­na­ger Bea. E sic­co­me sta la­vo­ran­do «tan­tis­si­mo, tan­to da pen­sa­re per la pri­ma vol­ta che da gran­de fa­rò dav­ve­ro l’at­tri­ce», la ve­dre­mo an­co­ra in Dei, pro­dot­to da Ric­car­do Sca­mar­cio, nel­la fiction Chie­di­lo al ma­re con Bep­pe Fio­rel­lo e in Raf­fael­lo - Il prin­ci­pe del­le ar­ti, il quar­to film in 3D di Sky, in cui An­ge­la è la For­na­ri­na. «Di tut­ti que­sti ruo­li, il mio al­ter ego è An­ge­la. Del­la ma­fia non ca­pi­sce nul­la: non per omer­tà, ma per can­do­re. E si de­di­ca ai fi­dan­za­ti, che cam­bie­rà nel cor­so del­le sei pun­ta­te. An­ch’io so­no co­sì: per me è tut­to bel­lo. Ora, per di­re, so­no tut­ti scon­vol­ti per que­ste

Re­le­zio­ni ame­ri­ca­ne, ma non ho an­co­ra ca­pi­to il dan­no co­sì gran­de dov’è». Va a vo­ta­re? «A vol­te. Ma al­tre ero lon­ta­na da ca­sa: la mia vi­ta è sta­ta una ca­ta­pul­ta, dal­la pro­vin­cia ba­re­se a Ro­ma per stu­dia­re re­ci­ta­zio­ne a 19 an­ni. Mi sen­ti­vo pic­co­la e sper­du­ta in cit­tà, ora abi­to con ami­che». So­no le stes­se di pri­ma di Brac­cia­let­ti ros­si? «Ho avu­to un boom di po­po­la­ri­tà, ma gli ami­ci so­no sem­pre gli stes­si. In gran par­te at­to­ri gio­va­ni co­me me». Que­st’an­no il ci­ne­ma ne ha lan­cia­ti tan­ti. So­lo a Ve­ne­zia c’erano tre film ita­lia­ni con pro­ta­go­ni­sti ado­le­scen­ti... «Il mio pre­fe­ri­to è sta­to Que­sti gior­ni, di Giu­sep­pe Pic­cio­ni: il viag­gio di quat­tro ami­che. Rac­con­ta be­ne i le­ga­mi al­la no­stra età, co­sì to­ta­liz­zan­ti». Anche per lei? «Ho tan­ti ami­ci, ma so­no co­me la mia pa­ler­mi­ta­na An­ge­la: per me è più ir­ri­nun­cia­bi­le l’amo­re».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.