Die­tro le quin­te

Al ci­ne­ma di Ta­ti e al cor­so di mi­mo con Mar­cel Mar­ceau il fo­to­gra­fo AR­MIN LIN­KE de­ve (qua­si) tut­to: lì ha im­pa­ra­to a muo­ver­si nel­lo spa­zio. Per rom­pe­re ar­ti­sti­ca­men­te le re­go­le

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di ANNAMARIA SBISÀ

ntria­mo nel mu­seo Pac di Mi­la­no, nell’uni­ver­so fi­lo apo­ca­lit­ti­co e iper det­ta­glia­to del fo­to­gra­fo Ar­min Lin­ke, per cam­mi­na­re tra i pan­nel­li che non toc­ca­no le pa­re­ti – un mec­ca­ni­smo da back­sta­ge di tea­tro – per le im­ma­gi­ni del la­bi­rin­to in­ti­to­la­to L’ap­pa­ren­za di ciò che non si ve­de. Scat­ti com­pre­si di vo­ce nar­ran­te de­gli scien­zia­ti e teo­ri­ci in­vi­ta­ti a com­men­ta­re il la­vo­ro dell’ar­ti­sta do­mi­ci­lia­to a Ber­li­no ma spes­so in viag­gio, per fo­to­gra­fa­re cam­bia­men­ti – eco­no­mi­ci, am­bien­ta­li e tec­no­lo­gi­ci – nel suo spe­cia­le e im­ma­ne ar­chi­vio del con­tem­po­ra­neo. Non ba­sta­va­no le im­ma­gi­ni? «Le vo­ci met­to­no in dub­bio la fo­to­gra­fia stes­sa e in­vi­ta­no a leg­ge­re di­ver­sa­men­te la sce­na». Pro­spet­ti­va e di­stan­za: «Quan­do scat­ti una fo­to­gra­fia de­vi già ave­re co­strui­to un rap­por­to con il luo­go, in ba­se al tem­po che ti sei po­tu­to o vo­lu­to da­re. So­lo al­lo­ra, puoi improvvisare». Un’an­tro­po­lo­gi­ca cu­ra del det­ta­glio che mol­to de­ve a dan­za e mi­mo e al ci­ne­ma di Jac­ques Ta­ti, pre­ci­sa­men­te al suo film Play­ti­me: «So­no mon­di do­ve la pa­ro­la non esi­ste. So­lo spa­zio e tem­po, con cui pren­de­re le mi­su­re». In qual­che mo­do è esat­ta­men­te quel­lo che Ar­min fa, nel suo la­vo­ro. Sce­na­ri mo­nu­men­ta­li in cui un fil­tro tea­tra­le è in­di­scu­ti­bi­le. Un sen­so che Ar­min eser­ci­ta op­pu­re as­se­con­da su­bi­to, quan­do, a vent’an­ni, co­min­cia a fo­to­gra­fa­re pal­co­sce­ni­ci e back­sta­ge: «Tem­pi e co­reo­gra­fie di­ven­ta­no le tue coor­di­na­te». Fuo­ri di lì, quan­do il suo la­vo­ro pas­sa ai mo­nu­men­ta­li edi­fi­ci e al lo­ro spa­zio, il pun­to di vi­sta non è for­se mai cam­bia­to.

GI­RO DEL MON­DO

Fi­no al 6 gen­na­io al­la gal­le­ria Pac di Mi­la­no la mo­stra L’ap­pa­ren­za di ciò che non si ve­de: ol­tre 170 fo­to scat­ta­te in tut­to il mon­do ac­com­pa­gna­te da un au­dio rac­con­ta­no i cam­bia­men­ti che eco­no­mia, cul­tu­ra e tec­no­lo­gia han­no por­ta­to a li­vel­lo glo­ba­le (pac­mi­la­no.it).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.