Vo­glio una vi­ta ina­spet­ta­ta

Per scri­ve­re il suo nuo­vo al­bum, TRI­CA­RI­CO ci ha mes­so tre an­ni. Col­pa di un pe­rio­do «in­gar­bu­glia­to»

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di IRENE SOAVE

cri­va che mi han­no ar­re­sta­to». L’han­no ar­re­sta­ta? «No. Pe­rò dei fat­ti miei, so­prat­tut­to amo­ro­si, non mi va tan­to di par­la­re... E lei qual­co­sa do­vrà pur scri­ve­re. Quin­di an­dia­mo: de­lit­to pas­sio­na­le. An­zi, no, nien­te di vio­len­to. Fur­to d’ar­te. Scri­va che ho cer­ca­to di ri­por­ta­re la Gio­con­da a ca­sa sua, cioè in Ita­lia».

SUn qua­dro, nel­la copertina dell’ul­ti­mo al­bum di Tri­ca­ri­co – Da chi non te lo aspetti, da po­co usci­to –, c’è: lo ha di­pin­to lui, che ha tra­scor­so i tre an­ni dal suo ul­ti­mo al­bum «a scri­ve­re que­sto, e ci ho mes­so tan­to per­ché non vo­le­vo la­vo­ra­re da so­lo. In que­sto tem­po ho di­pin­to, e ora i miei qua­dri so­no in mo­stra (al­la Fab­bri­ca Eos di Mi­la­no, ndr). E so­prat­tut­to ho vis­su­to: ho avu­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.