Quan­do il ma­le toc­ca i mi­glio­ri

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem -

Si leg­ge be­ne, ra­pi­da­men­te (no­no­stan­te le 587 pa­gi­ne)? Ha per­so­nag­gi che si ri­cor­da­no? Un mi­ste­ro, il cuo­re del rac­con­to, ap­pas­sio­nan­te? Sì sì sì. Ep­pu­re, no­no­stan­te que­ste qua­li­tà e pro­mes­se, Il li­bro dei Bal­ti­mo­re non è un ro­man­zo im­por­tan­te, se non per il for­tu­na­to au­to­re, Joël Dic­ker, e gli edi­to­ri che so­no riu­sci­ti a crea­re, at­tor­no al se­con­do li­bro dell’au­to­re del­la Ve­ri­tà sul ca­so Har­ry Que­bert, un in­te­res­se pa­ri a quel­lo su­sci­ta­to dal pri­mo, di cui que­sto uti­liz­za lo stes­so pro­ta­go­ni­sta, Mar­cus. I le­ga­mi pe­rò fi­ni­sco­no lì, i per­so­nag­gi so­no di­ver­si, le lo­ro tra­ge­die an­che, come lo sfon­do. Ma Il li­bro dei Bal­ti­mo­re è il ter­zo o quar­to ro­man­zo let­to in que­sto ini­zio sta­gio­ne che di­spie­ga stes­sa tec­ni­ca e ani­ma. Un or­ro­re an­nun­cia­to che aleg­gia su ogni pa­gi­na, non det­to e ri­ve­la­to so­lo ver­so la fi­ne, ma im­por­tan­te per tra­sci­na­re fi­no al dram­ma con­clu­si­vo que­sta gio­ven­tù do­ra­ta e poi dan­na­ta. Una lot­ta tra clan del­la «vec­chia» ric­chez­za. E la grande Tra­ge­dia: il ma­le può toc­ca­re i mi­glio­ri.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.