Va­lé­rie Mes­si­ka

All’ul­ti­mo Fe­sti­val di Can­nes siamo stati nel back­sta­ge con Va­lé­rie Mes­si­ka. Ci ha rac­con­ta­to co­me le at­tri­ci scelgono i gio­iel­li (quan­to con­ta­no le sty­li­st) e co­me cer­ca­no di ac­con­ten­tar­le. (Qua­si) sem­pre ci rie­sco­no

Vanity Fair (Italy) - - Sommario - di Pao­la Ven­ti­mi­glia

Do­po gli stu­di in mar­ke­ting e co­mu­ni­ca­zio­ne, con il suo brand por­ta avan­ti la pas­sio­ne di fa­mi­glia

Oc­chi ver­di, pelle do­ra­ta, una bel­la don­na di cir­ca 40 an­ni, spo­sa­ta e con due gli. Va­lé­rie Mes­si­ka sem­bra una mo­del­la, ma in real­tà è il di­ret­to­re crea­ti­vo del­la ca­sa di gio­iel­li che por­ta il suo no­me e che ha fon­da­to nel 2005. Fi­glia d’ar­te – il pa­dre An­dre è un com­mer­cian­te di diamanti che le ha in­se­gna­to i truc­chi del me­stie­re – di­ce che da ra­gaz­za i gio­iel­li non era­no nei suoi pia­ni: «Ho stu­dia­to mar­ke­ting e co­mu­ni­ca­zio­ne, ma es­sen­do la mag­gio­re di due gli ho poi sen­ti­to di do­ver da­re un se­gui­to al la­vo­ro di mio pa­dre, che nel frat­tem­po si era ri­spo­sa­to in Israe­le e ave­va mes­so su una se­con­da fa­mi­glia», rac­con­ta. «Con Mes­si­ka l’ho con­vin­to di­mo­stran­do­gli che, nel­la fa­scia di prez­zo in­clu­sa fra i 500 e i 100.000 eu­ro, nel­la gio­iel­le­ria con diamanti si po­te­va fa­re qual­co­sa di non con­ven­zio­na­le, più rock, in cui me­sco­la­re pie­tre più e me­no pic­co­le». Tra i suc­ces­si del mar­chio c’è la col­le­zio­ne Mo­ve, tre bril­lan­ti che si muo­vo­no e scor­ro­no in una spe­cia­le fes­su­ra di pen­den­ti e brac­cia­let­ti ri­gi­di, e gli orec­chi­ni asim­me­tri­ci. «L’an­no scor­so ab­bia­mo fat­to un bel col­po a Can­nes quan­do Kri­sten Stewart ha in­dos­sa­to i no­stri ear cu’ di bril­lan­ti, è sta­to un bel suc­ces­so», ri­cor­da Va­lé­rie. Spe­ra­va di ri­pe­ter­lo an­che que­st’an­no, da­to che le han­no pro­po­sto al­tri mo­del­li per la Mon­tée des mar­ches, la pas­se­rel­la che tut­ti gli at­to­ri per­cor­ro­no per ac­ce­de­re al Pa­lais des Fe­sti­vals do­ve pro­iet­ta­no i lm. In real­tà Stewart ha poi scel­to di in­dos­sa­re pic­co­li gio­iel­li per­so­na­li, for­se per il suo nuo­vo ta­glio di ca­pel­li. Que­ste co­se suc­ce­do­no per­ché le at­tri­ci, se non so­no le­ga­te da con­trat­ti o ac­cor­di con le mar­che o gli sti­li­sti, ven­go­no ve­sti­te dal­le sty­li­st che pre­ven­ti­va­men­te con­tat­ta­no le va­rie ca­se per sce­glie­re ca­pi e ac­ces­so­ri su book o in sho­w­room. I pez­zi ven­go­no re­ca­pi­ta­ti, ma no all’ul­ti­mo mi­nu­to, a se­con­da de­gli ab­bi­na­men­ti (in or­di­ne di pre­ce­den­za, abi­ti-pet­ti­na­tu­re-gio­iel­li) o dei lo­ro ca­pric­ci, non si sa se e co­sa uti­liz­ze­ran­no. E chi at­ten­de vi­ve un al­ta­le­na­re di spe­ran­ze e de­lu­sio­ni. «Con Eva Lon­go­ria si è crea­to un rap­por­to di ami­ci­zia an­che per­ché noi so­ste­nia­mo il suo Glo­bal Gift Ga­la per la rac­col­ta fon­di a sco­pi be­ne ci», pre­ci­sa Va­lé­rie, «lei ama i no­stri gio­iel­li, in­fat­ti l’an­no scor­so per il suo ma­tri­mo­nio ha scel­to di in­dos­sa­re uno dei no­stri pez­zi di al­ta gio­iel­le­ria. A vol­te pe­rò non ci va be­ne: sem­pre a Can­nes ave­va­mo con­se­gna­to al­cu­ni gio­iel­li a Sal­ma Hayek ma è ar­ri­va­ta in ri­tar­do e il red car­pet era or­mai sbar­ra­to», con­fes­sa Va­lé­rie. «Tra An­die Ma­cDo­well, Sve­va Al­vi­ti, Ti­na Ku­na­key e al­tre, non ci pos­sia­mo la­men­ta­re. Le ag­giun­ge­re­mo al no­stro car­net in­sie­me a Se­le­na Go­mez, Char­li­ze The­ron, Ka­te Win­slet, Beyon­cé e Ri­han­na. Nien­te ma­le, no?».

A si­ni­stra, Va­lé­rie Mes­si­ka fon­da­tri­ce e di­ret­to­re crea­ti­vo del suo mar­chio di gio­iel­li. Sot­to, Eva Lon­go­ria sul red car­pet dell’ul­ti­mo Fe­sti­val di Can­nes.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.