È sba­glia­to an­da­re in vacanza a Lam­pe­du­sa?

Vanity Fair (Italy) - - Week -

Se sia giu­sto o sba­glia­to fa­re tu­ri­smo su un’iso­la do­ve ar­ri­va­no per­so­ne in sta­to di estre­ma mi­se­ria e nei cui pres­si al­tre per­do­no la vi­ta è par­te di un pro­ble­ma più ge­ne­ra­le re­la­ti­vo a quan­ta di­stan­za dob­bia­mo met­te­re tra noi e le tra­ge­die del mon­do per­ché il no­stro viag­gia­re sia un’at­ti­vi­tà mo­ral­men­te le­ci­ta», spie­ga Cor­ra­do Del Bò, pro­fes­so­re di Fi­lo­soša del di­rit­to all’Uni­ver­si­tà di Mi­la­no e au­to­re del li­bro Eti­ca del tu­ri­smo. Re­spon­sa­bi­li­tà, so­ste­ni­bi­li­tà, equi­tà (Ca­roc­ci). «Cre­do che non sia mo­ral­men­te sba­glia­to fa­re tu­ri­smo se nel mon­do suc­ce­do­no tra­ge­die, men­tre lo è se que­ste si con­su­ma­no sot­to i no­stri oc­chi. La ri­chie­sta che i dram­mi sia­no fuo­ri dal no­stro cam­po vi­si­vo può cer­to sem­bra­re ipo­cri­ta, ma a me pa­re che šssi un cri­te­rio con­vin­cen­te per di­stin­gue­re quan­do il tu­ri­smo è mo­ral­men­te le­ci­to e quan­do non lo è». L’au­to­re del sag­gio ri­cor­da le im­ma­gi­ni dei tu­ri­sti ste­si a pren­de­re il so­le a qual­che de­ci­na di me­tri dai te­li bian­chi che co­pri­va­no i mor­ti del­lo tsu­na­mi che de­va­stò le co­ste del Sud-Est asia­ti­co nel 2004. «Que­sto pe­rò non è il ca­so di Lam­pe­du­sa», spie­ga Del Bò, «che è un’iso­la di cir­ca 20 chi­lo­me­tri qua­dra­ti in cui so­lo al­cu­ne aree so­no in­te­res­sa­te dai dram­ma­ti­ci even­ti che sap­pia­mo. E dob­bia­mo fa­re at­ten­zio­ne a usa­re con trop­pa di­sin­vol­tu­ra un cri­te­rio geo­grašco: nes­su­no pro­ba­bil­men­te so­ster­reb­be che dob­bia­mo smet­te­re di an­da­re in Si­ci­lia per­ché in al­cu­ni pun­ti del suo ter­ri­to­rio (di ol­tre 25 mi­la chi­lo­me­tri qua­dra­ti) si ve­rišca­no tra­ge­die ana­lo­ghe a quel­le di Lam­pe­du­sa». O in Ita­lia, in ge­ne­ra­le, per­ché ai suoi por­ti at­trac­ca­no le na­vi con i mi­gran­ti.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.