L’ODORE DEL­LA PELLE DI MIA MAMMA»

«LA CO­SA DI CUI SENTO PIÙ LA MAN­CAN­ZA È

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Scosse -

L

a Valentina che ama man­gia­re in un bi­strot ro­ma­no ha una dé­fail­lan­ce: ar­ri­va­ta al waf­fle con ge­la­to e sci­rop­po d’ace­ro ab­ban­do­na. È ap­pe­na ar­ri­va­ta da Pa­ri­gi, do­ve ha par­te­ci­pa­to al­la hau­te cou­tu­re di Schia­pa­rel­li. Figlia di una sar­ta, con tom­bo­lo, ma­glia e un­ci­net­to ha una lun­ga con­sue­tu­di­ne: «Ci ca­pi­sco di pin­ce e pie­ghe, a mio ni­po­te da pic­co­li­no cu­ci­vo i ve­sti­ti, pe­rò non so per­ché glie­li fa­ce­vo da fem­mi­nuc­cia, e gli met­te­vo pu­re gli orec­chi­ni, co­me fos­se una bam­bo­la». 39 an­ni, di San­se­pol­cro, un Da­vid di Do­na­tel­lo vin­to per Ben­ve­nu­ti al Sud, nel cur­ri­cu­lum film con Car­lo Maz­za­cu­ra­ti (La giu­sta di­stan­za, sto­ria di raz­zi­smo an­te lit­te­ram nel Nord-est ita­lia­no), Pao­lo Sor­ren­ti­no e mol­ti al­tri, ma an­che Tv e tea­tro, ma­dri­na dell’ul­ti­mo fe­sti­val di Ca­sti­glion­cel­lo Par­la­re di ci­ne­ma («Non­na era di Li­vor­no, ci an­da­vo d’esta­te e i cu­gi­ni mi but­ta­va­no da­gli sco­gli, sic­ché ho im­pa­ra­to a nuo­ta­re, e in­tan­to so­gna­vo di re­ci­ta­re. Poi, pas­sa­vo da­van­ti al­la vil­la do­ve, nel ga­ra­ge, Ma­stro­ian­ni gio­ca­va a car­te, lo guar­da­vo e mi ve­ni­va la pelle d’oca»): que­sta sera Valentina Lodovini non è so­lo un’at­tri­ce che rac­con­ta il pro­prio la­vo­ro.

Ter­re­mo­to e ra­di­ci

Èdal la­vo­ro pe­rò che si par­te. Dal­la se­rie in sei pun­ta­te, di­ret­ta da Mar­co Ri­si, che sta gi­ran­do a L’Aqui­la. Am­bien­ta­ta un anno e mez­zo do­po il ter­re­mo­to del 2009, L’Aqui­la - Gran­di spe­ran­ze in­trec­cia sto­rie di fa­mi­glie che so­no ri­ma­ste, con i lo­ro do­lo­ri, le lo­ro pau­re e «nel­le orec­chie sem­pre quel boa­to che pre­ce­de le scos­se e che ha in­dot­to mol­ti ad an­dar­se­ne, do­po l’ul­ti­ma vol­ta che han­no tre­ma­to, lo scor­so anno». Era ago­sto, era­no i gior­ni di Ama­tri­ce. Ma il ter­re­mo­to ha ten­ta­co­li lun­ghi. Valentina l’ha spe­ri­men­ta­to la not­te – il 6 apri­le di ot­to an­ni fa – che si è tro­va­ta but­ta­ta giù dal let­to, a Ro­ma. «Il ter­re­mo­to è una co­sa di cui ho sem­pre avu­to pau­ra, ho un pro­fon­dis­si­mo ri­spet­to per la na­tu­ra e so che al­la fi­ne vin­ce sem­pre lei. La pri­ma espe­rien­za l’ho fat­ta in Giap­po­ne: ero su un grat­ta­cie­lo al­tis­si­mo che oscil­la­va, è una ver­ti­gi­ne che il tuo cor­po av­ver­te. Ma lì era­no tut­ti tran­quil­li». A L’Aqui­la l’at­tri­ce ha in­con­tra­to mol­ti «su­per­sti­ti»: «C’è esa­spe­ra­zio­ne, rab­bia per­ché è ri­ma­sto tut­to a me­tà, ras­se­gna­zio­ne... Pe­rò c’è an­che chi è tor­na­to per lot­ta­re, co­me un ra­gaz­zo che ho co­no­sciu­to e che la­vo­ra­va a Bar­cel­lo­na, ma ha pian­ta­to tut­to per rien­tra­re nel suo pae­se. Un at­tac­ca­men­to com­mo­ven­te. Le ra­di­ci so­no ra­di­ci. An­ch’io av­ver­to re­go­lar­men­te il bi­so­gno di tor­na­re nei miei luo­ghi, lì mi ri­ca­ri­co, in mez­zo al­la na­tu­ra a cer­ca­re fun­ghi, al fiu­me, con i miei ami­ci». An­ni fa la Lodovini si è tra­sfe­ri­ta a Ro­ma, da po­co ha pre­so un nuo­vo ap­par­ta­men­to, ma «ca­sa» è là a San­se­pol­cro. E se do­ves­se crol­la­re, tre so­no gli og­get­ti che lei vor­reb­be sal­va­re a ogni co­sto. «So­no le­ga­ti a per­so­ne che non ci so­no più: la col­la­na con la fe­de di mia mamma, scomparsa nel 2011, una ca­mi­cia di mio zio Va­sco e la ma­trio­ska do­no del mio mae­stro Ni­ko­laj Kar­pov. Le fo­to­gra­fie no, ho tut­to nel­la te­sta. Ma la co­sa di cui sento più la man­can­za è l’odore di mia mamma, quel­lo del­la pelle».

Ge­ni­to­ri e fi­gli

Figlia sen­za più ma­dre, Valentina pe­rò non vor­reb­be di­ven­ta­re a sua vol­ta mamma. «Non l’ho mai de­si­de­ra­to, nean­che da ado­le­scen­te, quan­do se ne par­la­va con le ami­che. I bam­bi­ni so­no at­trat­ti da me, mi si but­ta­no ad­dos­so, io li guar­do... Cer­to, de­te­sto che ci sia­no pic­co­li che an­co­ra ri­cor­da­no il ter­re­mo­to, vor­rei crea­re lo­ro ri­cor­di fe­li­ci. Per que­sto, con Sa­ve the Chil­dren so­no sta­ta ad apri­re una scuo­la vi­ci­no ad Ama­tri­ce e ho por­ta­to un tea­tro del­le ma­rio­net­te, per­ché co­sì lo­ro in­te­ra­gi­sco­no e ma­ga­ri ti­ra­no fuo­ri le pro­prie pau­re». Co­me at­tri­ce in­ve­ce, la Lodovini ha spes­so fi­gli: tre nel­la se­rie di Ri­si, do­ve è spo­sa­ta con Gior­gio Ti­ra­bas­si, uno di 12 an­ni in Uo­mo, ope­ra pri­ma di Mat­tia Bian­chi­ni che ha ap­pe­na gi­ra­to. Men­tre in Si muo­re tut­ti de­mo­cri­stia­ni, pron­to e in at­te­sa di usci­ta, è in­cin­ta. È que­sto il pri­mo film rea­liz­za­to dal col­let­ti­vo Il ter­zo se­gre­to di sa­ti­ra, grup­po che sul web pub­bli­ca di­ver­ten­tis­si­mi fil­ma­ti su po­li­ti­ca e luo­ghi co­mu­ni (im­per­di­bi­le Il mi­la­ne­se im­brut­ti­to): una sto­ria di la­vo­ro, stu­dio, man­can­za di sol­di. «Ho det­to sì pri­ma an­co­ra di sa­pe­re che co­sa fos­se. Ho una pic­co­la par­te, ma so­no una don­na dal­la mo­ra­li­tà bel­la so­li­da, al con­tra­rio del mio com­pa­gno. Nel film, i per­so­nag­gi fem­mi­ni­li so­no pic­co­li, pe­rò so­no poi lo­ro quel­li che ri­sol­vo­no».

CA­mi­che e fi­dan­za­ti

on la pa­ro­la «com­pa­gno» si en­tra in un ter­ri­to­rio dif­fi­ci­le. «La ve­ri­tà è che un amo­re ho avu­to, dal 18-12-2010 (la da­ta non la di­men­ti­co) all’anno scor­so. Era l’amo­re in­con­di­zio­na­to, ma ades­so so che “per sem­pre” e “mai” bi­so­gne­reb­be eli­mi­nar­li dal vo­ca­bo­la­rio. Do­vrem­mo pren­de­re esem­pio da­gli ani­ma­li, che non han­no que­sto con­cet­to, né quel­lo di col­pa o fal­li­men­to. Io in­ve­ce ci pro­vo fi­no in fon­do, mi di­co­no che è il mio se­gno, il To­ro, che tra­sci­na le si­tua­zio­ni. So­no un die­sel, e a vol­te pen­so: for­se ho spre­ca­to il tem­po. Ma è la mia na­tu­ra. Og­gi pe­rò ho vo­glia di ama­re ed es­se­re ama­ta, è una co­sa fre­sca fre­sca». I po­ten­zia­li fi­dan­za­ti tut­ta­via de­vo­no es­se­re con­sa­pe­vo­li di due co­se. La pri­ma è che Valentina è abi­tua­ta a sta­re da so­la: «Il mio la­vo­ro por­ta mol­ta so­li­tu­di­ne e do­po un po’ ci si ade­gua. Co­sì, mi pia­ce viag­gia­re an­che sen­za com­pa­gnia. A vol­te ma­ga­ri sof­fren­do, mi è ca­pi­ta­to in Ar­gen­ti­na do­ve non par­la­vo mai con nes­su­no, e so­no tor­na­ta che ero in guer­ra col mon­do. Al­tre vol­te pe­rò, co­me a Pa­ri­gi l’anno scor­so a Fer­ra­go­sto, gi­ro, va­do al­le mo­stre, al ci­ne­ma, e la sera ma­ga­ri mi chiu­do in ca­me­ra mol­to pre­sto». La se­con­da av­ver­ten­za ha a che ve­de­re con una sca­la. «Nel­la mia per­so­na­le sca­la dell’amo­re, al pri­mo po­sto io met­to l’ami­ci­zia, so­no le ami­che e gli ami­ci (mai ex, pe­rò) che mi dan­no sta­bi­li­tà. Con gli uo­mi­ni a un cer­to pun­to pen­si: non è poi que­sta gran ro­ba, sì è bel­lis­si­mo e se ne sen­te il bi­so­gno, ma i mec­ca­ni­smi che le­ga­no so­no tan­ti e gli stes­si ti pos­so­no an­che far se­pa­ra­re. L’ami­ci­zia è più con­cre­ta, so­li­da, lea­le. E il tra­di­men­to di un ami­co è di gran lun­ga peg­gio­re di quel­lo di un fi­dan­za­to».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.