BIONDE D’ASSALTO

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Al Rimorchio - di SIMONA SIRI

So­no tut­te bel­le, so­no tut­te mil­len­nial. Dal­le 10 di sera in­va­do­no i lo­ca­li del MEAT­PAC­KING DI­STRICT, l’ex quar­tie­re dei ma­cel­lai di New York di­ven­ta­to il cuo­re del­la vi­ta by night. Cer­ca­no uo­mi­ni, al­col e di­ver­ti­men­to, ma spes­so all’alba tor­na­no a ca­sa da so­le. Per­ché più del ses­so, quel­lo che le ec­ci­ta dav­ve­ro è il gio­co del­la con­qui­sta

Broo­ke ha 25 an­ni, ma po­treb­be di­mo­strar­ne tran­quil­la­men­te 16. In­dos­sa un abi­ti­no ela­sti­ciz­za­to blu co­bal­to con un oblò nel cen­tro, pro­prio sot­to il se­no, e ha ai pie­di scar­pe co­sì al­te che quan­do at­tra­ver­sa la stra­da per ve­nir­mi in­con­tro te­mo che, se in­ciam­pas­se, si spez­ze­reb­be la ca­vi­glia in più pun­ti. «Ma nel­la bor­sa ho le in­fra­di­to», di­ce men­tre con la ma­no apre la po­chet­te da cui spun­ta­no del­le cia­bat­te bian­che. Ac­can­to a lei c’è Sa­rah, stes­sa età e look pra­ti­ca­men­te iden­ti­co, so­lo di co­lo­re di­ver­so. Po­co più avan­ti ci so­no Han­nah, Vic­to­ria e April. So­no le die­ci di sabato sera e stan­no fa­cen­do la co­da per en­tra­re da 1 OAK, fa­mo­so per i dj set e le bot­ti­glie di li­quo­re da 400 dol­la­ri. So­no tut­te ven­ten­ni, bel­le, bionde. So­prat­tut­to, so­no tut­te in­ten­zio­na­te a spas­sar­se­la. Sia­mo nel Meat­pac­king Di­strict, il quar­tie­re di Ma­n­hat­tan di­ven­ta­to cen­tro del di­ver­ti­men­to gio­va­ne ed ete­ro, luo­go di caccia do­ve don­ne in grup­pi di cin­que o più si ag­gi­ra­no già dal­le quat­tro del po­me­rig­gio ca­ra­col­lan­do su tac­chi proi­bi­ti­vi al­la ri­cer­ca di di­ver­ti­men­to, al­col e uo­mi­ni, spes­so non in que­sto or­di­ne. I ma­schi in due, tre, mai di più per­ché «se si è in trop­pi è più dif­fi­ci­le en­tra­re nei lo­ca­li», mi spie­ga più avan­ti Brian, si at­teg­gia­no da pre­da­to­ri, guar­da­no le ra­gaz­ze, le fer­ma­no, spes­so so­no lo­ro a of­fri­re i drink e ad at­tac­ca­re di­scor­so, ma è chia­ro che il gio­co lo gui­da­no le fem­mi­ne, se non al­tro per una ma­ni­fe­sta su­pe­rio­ri­tà nu­me­ri­ca: nel­le ore che pas­so da­van­ti a Ba­ga­tel­le, uno dei lo­ca­li più fa­mo­si del quar­tie­re, mi ren­do con­to che la pro­por­zio­ne uo­mi­ni-don­ne è di 1 a 5. Stret­to tra Chel­sea, a nord, e il We­st Vil­la­ge, a sud, do­ve abi­ta la più al­ta quan­ti­tà di ce­leb, il pic­co­lo trian­go­lo co­no­sciu­to co­me Meat­pac­king Di­strict è il quar­tie­re che più di ogni al­tro ha su­bi­to, ne­gli ul­ti­mi 40 an­ni, una stra­bi­lian­te tra­sfor­ma­zio­ne so­cioe­co­no­mi­ca. Mer­ca­to del­la car­ne e se­de di ma­cel­li fi­no agli an­ni Set­tan­ta, pie­no di se­xy shop e ri­tro­vo di tra­ve­sti­ti, pro­sti­tu­te e spac­cia­to­ri du­ran­te gli an­ni No­van­ta (in una pun­ta­ta di Sex and the Ci­ty Sa­man­tha, ap­pe­na tra­sfe­ri­ta­si, fi­ni­sce a li­ti­ga­re con un grup­po di trans che fan­no bac­ca­no sot­to la sua fi­ne­stra), nei 2000 il Meat­pac­king è cam­bia­to pia­no pia­no, gra­zie an­che all’aper­tu­ra del­la Hi­gh Li­ne, la vec­chia fer­ro­via di­ven­ta­ta pro­me­na­de, una del­le più fre­quen­ta­te at­tra­zio­ni tu­ri­sti­che di New York. Luo­go di shop­ping su­per lus­so di gior­no – Stel­la McCart­ney, Dia­ne von Für­sten­berg, Ale­xan­der McQueen han­no bou­ti­que qui – di not­te di­ven­ta l’equi­va­len­te ur­ba­ni­sti­co di Tin­der: una enor­me piaz­za do­ve si va per in­con­tra­re, guar­da­re, ri­mor­chia­re e do­ve è pos­si­bi­le as­si­ste­re, in tem­po rea­le, al­la ri­de­fi­ni­zio­ne dei mo­der­ni ri­tua­li del­la se­du­zio­ne e dell’ac­cop­pia­men­to. Che è poi il mo­ti­vo che ha spin­to la fo­to­gra­fa Di­na Li­to­v­sky a im­mor­ta­la­re, per tre esta­ti con­se­cu­ti­ve, le stra­de di que­sto quar­tie­re nel mo­men­to in cui or­de di gio­va­ni uo­mi­ni e don­ne vi si ri­ver­sa­no, di pas­sag­gio da un club a

un al­tro, in quella che lei stes­sa chia­ma «un di­ver­so ti­po di rap­pre­sen­ta­zio­ne del mer­ca­to del­la car­ne». Al­le set­te di sera l’aspet­to è an­co­ra quel­lo di un po­sto nor­ma­le. Col­le­ghi che si di­ri­go­no ver­so uno dei tan­ti ri­sto­ran­ti – Cat­ch, Fig & Oli­ve, pur­trop­po non più Pa­stis, chiu­so per sem­pre l’anno scor­so –, tu­ri­sti con le scar­pe da gin­na­sti­ca che cam­mi­na­no con il na­so all’in­sù per guar­da­re la Hi­gh Li­ne e il gi­gan­te­sco Stan­dard Ho­tel, cop­pie che all’ora del tra­mon­to ap­pro­fit­ta­no del­la lu­ce ros­sa per po­sa­re per le foto uf­fi­cia­li di fi­dan­za­men­to in uno de­gli an­go­li più sug­ge­sti­vi di Ma­n­hat­tan, tra bro­wn­sto­ne che sem­bra­no fin­te (e che co­sta­no sva­ria­ti mi­lio­ni di dol­la­ri) e ciot­to­la­ti che fan­no tan­to vec­chia Europa.

Al­le die­ci la sce­na è già diversa: grup­pi di don­ne sca­te­na­te, ru­mo­ro­se e spes­so po­co ve­sti­te si ag­gi­ra­no al­la ri­cer­ca del po­sto giu­sto do­ve tra­scor­re­re la se­ra­ta. Al­cu­ne so­no in bal­lo dal po­me­rig­gio: Ba­ga­tel­le, uno dei lo­ca­li me­glio fre­quen­ta­ti, tan­to da es­se­re sta­to ac­cu­sa­to di met­te­re in at­to una se­le­zio­ne al­la por­ta ba­sa­ta sull’este­ti­ca e quin­di di­scri­mi­na­to­ria, è fa­mo­so per il brun­ch del sabato al­le 3 del po­me­rig­gio, even­to che si tra­sfor­ma, sen­za so­lu­zio­ne di con­ti­nui­tà, in un par­ty not­tur­no ve­ro e pro­prio. Co­sì di­ven­ta una ma­ra­to­na al­co­li­ca di ol­tre ot­to ore fi­la­te. È per que­sto che, dall’una in avan­ti, l’im­ma­gi­ne dei grup­pi di don­ne da fe­sta­io­la di­ven­ta qua­si apo­ca­lit­ti­ca: scal­ze, con il truc­co sfat­to, mol­to spes­so ubria­che. Per chi reg­ge c’è an­che Cie­lo, un lo­ca­le che si riem­pie quan­do gli al­tri si svuo­ta­no e che tie­ne aper­to fi­no al­le 7 del mat­ti­no, quan­do per le stra­de vec­chie si­gno­re che por­ta­no a spasso il ca­ne si mi­schia­no con chi è ap­pe­na usci­to dal club. «I ma­schi lo fan­no spes­so, per lo­ro è la pras­si ri­mor­chia­re le clien­ti, ma noi ba­ri­ste don­ne non lo fac­cia­mo qua­si mai, sia­mo mol­to più pro­fes­sio­na­li». Quella di Ja­mie è la vi­sio­ne dall’altra par­te del­la bar­ri­ca­ta, die­tro il ban­co­ne del bar da do­ve – dal­le 20 fi­no al­le 4 del mat­ti­no – ser­ve al­co­li­ci e spes­so li ne­ga a chi è già trop­po su di gi­ri. «Con le man­ce gua­da­gno an­che 1.200 dol­la­ri a set­ti­ma­na. E ho l’as­si­cu­ra­zio­ne sa­ni­ta­ria pa­ga­ta. Non è ma­le: mol­ti miei col­le­ghi ar­ri­va­no so­lo a 800, ma io ho espe­rien­za», mi di­ce. «Nel Meat­pac­king ven­go­no ra­gaz­zi con i sol­di, ca­pa­ci di spen­de­re 300 dol­la­ri a te­sta per be­re. E poi un sac­co di uo­mi­ni spo­sa­ti, cer­to. Tra le don­ne ci so­no an­che le pro­sti­tu­te. Co­me le ri­co­no­sco? Tra un ra­gaz­zo con in ma­no una bir­ra (il drink me­no co­sto­so del lo­ca­le, so­lo 6 dol­la­ri, ndr) e uno con in ma­no un whi­sky, lo­ro van­no sem­pre a col­po si­cu­ro dal se­con­do, san­no ri­co­no­sce­re i sol­di. Quan­do tor­no a ca­sa, ver­so le 4 del mat­ti­no, fuo­ri per stra­da ci so­no grup­pi di ra­gaz­ze sen­za scar­pe, il truc­co sfat­to. Al­cu­ne ur­la­no, al­tre vo­mi­ta­no. A vol­te tor­na­no a ca­sa in com­pa­gnia, ma più spes­so da so­le. Al­la fi­ne di ses­so se ne fa po­co, ma tan­to il ve­ro di­ver­ti­men­to è quel­lo che c’è pri­ma, è so­lo nel gio­co del­la con­qui­sta, no?». TEM­PO DI LETTURA PRE­VI­STO: 8 MINUTI

foto DI­NA LI­TO­V­SKY

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.