Ogni mat­ti­na lo stes­so gior­no

Do­po un in­ci­den­te una ra­gaz­za con­ti­nua a ri­vi­ve­re le stes­se co­se. Un po’ ver­sio­ne teen di un me­mo­ra­bi­le «gior­no del­la mar­mot­ta», PRI­MA DI DOMANI ha mol­to da in­se­gnar­ci

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - di ENRICA BROCARDO

Co­me vor­re­sti es­se­re quan­do muo­ri?». Se pen­sa­te che que­sto dub­bio esi­sten­zia­le non do­vreb­be nep­pu­re pas­sa­re per la te­sta di un’ado­le­scen­te, pren­de­te­vi un mo­men­to per ri­flet­te­re me­glio. Se non al­tro per­ché è que­sta la do­man­da che si fa­ran­no tut­ti i ra­gaz­zi e, so­prat­tut­to, le ra­gaz­ze do­po aver vi­sto il film Pri­ma di domani. Trat­to dal ro­man­zo teen del­la scrit­tri­ce Lau­ren Oli­ver (ap­pe­na pub­bli­ca­to in Ita­lia da Piem­me), il film – al ci­ne­ma dal 19 lu­glio – è am­bien­ta­to in un li­ceo ame­ri­ca­no ai gior­ni no­stri. È il 12 feb­bra­io, man­ca­no quin­di due gior­ni a San Va­len­ti­no e, co­me da tra­di­zio­ne, ogni ra­gaz­za ri­ce­ve sul ban­co di scuo­la una ro­sa dal pro­prio boy­friend, ma an­che dai va­ri «pre­ten­den­ti». Sam è tal­men­te abi­tua­ta a ve­der­se­ne re­ca­pi­ta­re ab­ba­stan­za da tor­na­re a ca­sa con un in­te­ro maz­zo da non far­ci più ca­so. Quel­lo che con­ta per lei so­no le sue tre ami­che del cuo­re – an­che lo­ro tan­to po­po­la­ri fra i ma­schi quan­to in­vi­dia­te dal­le com­pa­gne – e il fat­to che ab­bia de­ci­so che è ar­ri­va­ta l’ora di fa­re ses­so con il suo fi­dan­za­to Rob. Quel mo­men­to, pe­rò, non ar­ri­ve­rà mai per­ché, do­po un ter­ri­bi­le in­ci­den­te d’au­to, Sam con­ti­nua a ri­sve­gliar­si il 12 feb­bra­io, mat­ti­na do­po mat­ti­na. E a ri­vi­ve­re più o me­no esat­ta­men­te le stes­se co­se. La sto­ria, lo avre­te ca­pi­to, non è mol­to diversa da quella del film Ri­co­min­cio da ca­po, nel qua­le Bill Mur­ray si tro­va­va in­trap­po­la­to nel gior­no del­la mar­mot­ta. Co­sì co­me si­mi­le è l’ipo­te­si di ba­se. Ov­ve­ro che ri­vi­ve­re le stes­se espe­rien­ze può in­se­gnar­ci di più che at­tra­ver­sa­re gior­ni uno di­ver­so dall’al­tro (co­sì co­me c’è chi so­stie­ne che per sco­pri­re con­ti­nua­men­te co­se nuo­ve si po­treb­be ri­leg­ge­re lo stes­so li­bro o per­lu­stra­re il pro­prio quar­tie­re tut­ta la vi­ta in­ve­ce che viag­gia­re chis­sà do­ve). A in­ter­pre­ta­re la pro­ta­go­ni­sta è Zoey Deut­ch. Gio­va­ne (22 an­ni), quan­to lan­cia­tis­si­ma nel fir­ma­men­to hol­ly­woo­dia­no. Con quat­tro film in usci­ta nei pros­si­mi me­si, tra cui Re­bel in the Rye sul­la vi­ta di Sa­lin­ger (ne­gli Usa al ci­ne­ma dal 15 set­tem­bre) e The Di­sa­ster Ar­ti­st, di­ret­to da Ja­mes Fran­co, in ar­ri­vo a di­cem­bre. E pro­prio la sua agen­da su­per af­fol­la­ta sa­reb­be la cau­sa del suo man­ca­to ar­ri­vo al Gif­fo­ni Film Fe­sti­val – an­nun­cia­to e da­to per cer­to fi­no a po­chi gior­ni fa – per la pre­miè­re del film.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.