VINICIO MARCHIONI MEZ­ZO NU­DO A VE­NE­ZIA

A Ve­ne­zia con un nuo­vo film, VINICIO MARCHIONI ha do­vu­to in­ter­pre­ta­re una sce­na che lo ha mol­to im­ba­raz­za­to. Ma la sto­ria lo ha «con­ta­gia­to». An­che per­ché gli ha ri­cor­da­to quel­la vol­ta che da pic­co­lo...

Vanity Fair (Italy) - - Tempo Di Lettura - di MA­RI­NA CAP­PA fo­to ALES­SAN­DRO PIZZI

Può an­da­re se cu­ci­na lui una pa­sta con il pe­sto pan­te­sco? Da be­re, va be­ne l’ac­qua che ha pre­pa­ra­to con zen­ze­ro e li­mo­ne? In un agri­tu­ri­smo del­la cam­pa­gna to­sca­na, adia­cen­te a una vil­la me­di­cea do­ve sta­not­te gi­re­rà nei pan­ni di un gran­de chef, Vinicio Marchioni si muo­ve tran­quil­lo fra i for­nel­li, for­te del­la con­sue­tu­di­ne del­la sua Ca­sa, il ri­sto­ran­te che tem­po fa ha aper­to a Ro­ma. Per lui, che con il Fred­do di Ro­man­zo cri­mi­na­le è di­ven­ta­to fa­mo­so, que­sta at­mo­sfe­ra fa­mi­lia­re re­sta la mi­glio­re del­le vi­te. Co­sì co­me la va­can­za idea­le è quel­la che ha ap­pe­na fat­to: una set­ti­ma­na in cam­per con Mi­le­na Man­ci­ni, la mo­glie an­che lei at­tri­ce, e i due fi­gli, Mar­co e Mar­cel­lo, di 6 e qua­si 5 an­ni, ab­bar­bi­ca­ti a pa­pà che ne­gli ul­ti­mi me­si han­no vi­sto po­co, per­ché ha gi­ra­to un film die­tro l’al­tro. Mar­cel­lo è an­che il no­me del per­so­nag­gio che Vinicio pre­sen­te­rà a Ve­ne­zia, nel­la se­zio­ne Gior­na­te de­gli Au­to­ri, uno dei pro­ta­go­ni­sti del Con­ta­gio. Il film, di­ret­to da Mat­teo Bo­tru­gno e Da­nie­le Co­luc­ci­ni, è trat­to dal li­bro di Wal­ter Si­ti pub­bli­ca­to nel 2008. Una sto­ria co­ra­le (nel ca­st, an­che An­na Fo­gliet­ta, mo­glie di Mar­cel­lo, e Vin­cen­zo Sa­lem­me, il pro­fes­so­re in­na­mo­ra­to di lui) di pe­ri­fe­rie ro­ma­ne, dro­ga e mol­to ses­so omo­ses­sua­le. Il per­so­nag­gio di Marchioni è un ex cul­tu­ri­sta, e per ren­der­lo be­ne gli è toc­ca­to pren­de­re un bel po’ di chi­li mu­sco­la­ri. È sta­to dif­fi­ci­le in­gros­sa­re? «Tan­te pro­tei­ne, tan­ta pa­le­stra e un bel po’ di no­ia, a do­ver al­za­re tut­ti quei pe­si. Pe­rò mi dà fa­sti­dio ve­der­mi gon­fio, co­sì ades­so sto ri­co­min­cian­do a cor­re­re la mat­ti­na per re­strin­ger­mi. Ci vuo­le un sac­co di di­sci­pli­na, per al­zar­si la mat­ti­na e fa­re 40 mi­nu­ti di cor­sa a sto­ma­co vuo­to». D’al­tra par­te, la di­men­sio­ne di Mar­cel­lo è pu­ra­men­te fi­si­ca. «Io l’ho sem­pre vi­sto co­me so­lo cor­po. All’in­ter­no non c’è nien­te, è co­me un ra­gaz­zi­no che cer­ca di so­prav­vi­ve­re co­me può ma non ha i mez­zi cri­ti­ci per sce­glie­re e al­lo­ra si fa sce­glie­re». Un’in­ter­pre­ta­zio­ne com­pli­ca­ta? «È sta­to bel­lis­si­mo. Ho cer­ca­to il suo pun­to di fra­gi­li­tà, la so­li­tu­di­ne. Poi è uno che ha enor­mi ma­nie di au­to­di­stru­zio­ne. Mi af­fa­sci­na­va­no i suoi ap­pun­ta­men­ti con il pro­fes­so­re, che fi­ni­va­no a suon di co­cai­na con un ses­so con­su­ma­to in ma­nie­ra mol­to pas­si­va, per poi chiu­der­si due gior­ni in ca­sa a smal­ti­re i do­wn». A vol­te il vuo­to to­ta­le del­la te­sta, l’as­sen­za di pen­sie­ro, può es­se­re de­si­de­ra­bi­le. «Cre­do che ognu­no ab­bia pro­prie pic­co­le ca­me­re oscu­re dell’ani­ma, che for­se è me­glio non apri­re mai». Le sue quan­do com­pa­io­no? «Quan­do la­vo­ro tan­to e ho bi­so­gno di de­com­pri­me­re. E quan­do so­no ner­vo­so, per­ché io so­no uno che im­plo­de an­zi­ché esplo­de­re. Non rie­sco a li­ti­ga­re. È una par­te di me che non mi pia­ce mol­to, ogni tan­to vor­rei scop­pia­re». In­ve­ce che co­sa fa? «Per due, tre gior­ni mi chiu­do nel­lo studio, ascol­to la mia mu­si­ca, leg­go i miei li­bri, mi cir­con­do di co­se po­si­ti­ve e ho bi­so­gno di si­len­zio». Co­me fa, con i bam­bi­ni in ca­sa? «Ho im­pa­ra­to a con­cen­tra­re: 2-3 ore, an­zi­ché gior­ni. Va co­sì an­che con lo studio dei film, de­vo re­cu­pe­ra­re spa­zio ne­gli in­ter­sti­zi. Fa­ti­co­so ma bel­lis­si­mo». Tor­nan­do al Con­ta­gio. Nel li­bro c’è mol­to ses­so... «Nel film non ci so­no sce­ne di ses­so ve­ro e pro­prio, an­che se una è mol­to espli­ci­ta». Im­ba­raz­zi? «Con Sa­lem­me nean­che mez­zo: è un gran­de pro­fes­sio­ni­sta, non a ca­so ar­ri­va dal­la scuo­la di Eduar­do». Ave­va mai gi­ra­to sce­ne omo­ses­sua­li? «In tea­tro, con Kou­ros. Ero un gio­va­ne gay, e c’era una sce­na di ses­so con un ba­cio lun­ghis­si­mo, una co­sa stra­na. Nel Con­ta­gio in­ve­ce l’im­ba­raz­zo è sta­to re­ci­ta­re mez­zo nu­do. Non ho un buon rap­por­to con l’im­ma­gi­ne mia, non mi guar­do mai, non ho fo­to». Quin­di non vo­le­va spo­gliar­si? «Mi so­no ver­go­gna­to mol­tis­si­mo. Co­sì il re­gi­sta, Da­nie­le, mi ha det­to: “Ti sei fat­to sei me­si di cu­lo per met­ter su mu­sco­li, è ora che lo fai ve­de­re a tut­ti”, e per mezz’ora mi ha fat­to cam­mi­na­re a tor­so nu­do in mez­zo al­la trou­pe». Ma sba­glio, o a tea­tro ave­va già re­ci­ta­to in nu­do in­te­gra­le? «Sì, ma sul pal­co è di­ver­so: quan­do ini­zi non puoi tor­na­re in­die­tro, e ti sen­ti mol­to più pro­tet­to che da­van­ti al­la ci­ne­pre­sa. Per Kou­ros mi ero pre­pa­ra­to fa­cen­do tut­te le pro­ve sen­za ve­sti­ti. An­che lì mi ero un po’ pa­le­stra­to, ma ave­vo 15 an­ni di me­no». Lei è cre­sciu­to in una bor­ga­ta? «Sì, Fi­de­ne, Ro­ma nord-est». As­so­mi­glia a quel­la del film? «L’uma­ni­tà sì. Ho ri­tro­va­to gli stes­si oc­chi, gli oc­chi dei po­ve­ri, di chi fa fa­ti­ca tut­ti i gior­ni. Ci si sen­te mol­to so­li, lon­ta­ni da tut­to. Pe­rò c’è una so­li­da­rie­tà enor­me, un gran­de cuo­re. Do­ve ab­bia­mo gi­ra­to c’era­no grup­pi di ra­gaz­zi­ni che gio­ca­va­no nel cor­ti­le e una mam­ma so­la a guar­dar­li. No­no­stan­te la glo­ba­liz­za­zio­ne e la tra­sfor­ma­zio­ne del­la società, le pe­ri­fe­rie non so­no cam­bia­te». Dro­ga ne gi­ra­va mol­ta quan­do lei era pic­co­lo? «I miei era­no i pri­mi an­ni del­la co­cai­na fa­ci­le, al­la por­ta­ta di tut­ti. Quel­lo che la ven­de­va era il tuo vi­ci­no, sua mam­ma ti ave­va da­to da man­gia­re... Era im­pos­si­bi­le ave­re un pre­giu­di­zio». È co­sì che si en­tra nel gi­ro. «De­vi es­se­re for­tu­na­to. Un ami­chet­to mio a 15 an­ni mi chie­se di te­ner­gli la co­cai­na per­ché ave­va pau­ra di un con­trol­lo. Io ero po­co più pic­co­lo, e l’ho fat­to. Poi, di­pen­de dal­lo sport, dal­la fa­mi­glia, dal­la for­tu­na se non ap­pro­fon­di­sci quel­la stra­da e ne sce­gli un’al­tra». L’ha an­che pro­va­ta? «Sì, ma mi so­no mes­so tan­ta pau­ra. Mi ri­cor­do que­sta sen­sa­zio­ne di sta­re a fa­re qual­co­sa che mi ave­va­no in­se­gna­to di non do­ver fa­re: so­lo il pen­sie­ro che mio pa­dre o mia ma­dre lo sco­pris­se­ro era in­sop­por­ta­bi­le». Suo pa­dre è scom­par­so quan­do lei ave­va 15 an­ni. Per sua ma­dre sa­rà sta­to pe­san­te. «È sta­ta bra­vis­si­ma per­ché ha pun­ta­to tut­to

sul­lo sport, ci ac­com­pa­gna­va a fa­re al­le­na­men­ti di calcio, nei cam­pet­ti più sper­du­ti, si è fat­ta un maz­zo enor­me. E mol­to me­ri­to ha la scuo­la, gli in­se­gnan­ti. So­no gli in­con­tri che ti cam­bia­no la vi­ta». E gli ami­ci? «I miei era­no quel­li che po­ten­zial­men­te por­ta­va­no sul­la cat­ti­va stra­da, ma poi ne ho avu­ti al­tri, c’era la squa­dra...». Era bra­vo a calcio? «Gio­ca­vo be­ne, pe­rò a 22 an­ni ho smes­so per­ché mi so­no fat­to ma­le dap­per­tut­to». Ades­so è di­ven­ta­to fa­mo­so: abi­ta in cen­tro? «No, in un’al­tra pe­ri­fe­ria. La vi­ta di quar­tie­re mi pia­ce, è sem­pli­ce, ha pun­ti di ri­fe­ri­men­to chia­ri. Mi trat­ta­no co­me una per­so­na nor­ma­le: al bar non ci va l’at­to­re, ma Vinicio. Io so­no sem­pre sta­to dal­la par­te di quel­li che non vin­co­no, e qui mi sem­bra di re­spi­ra­re un’aria che mi ap­par­tie­ne. Poi pen­so che per por­ta­re in sce­na un per­so­nag­gio de­vi sta­re a con­tat­to con la real­tà». Lei pe­rò ol­tre ai film nel­le ul­ti­me sta­gio­ni ha fat­to mol­to tea­tro: Un tram che si chia­ma De­si­de­rio, La gat­ta sul tet­to che scot­ta... «In gen­na­io de­but­te­rà Zio Va­n­ja di Ce­chov, di cui so­no re­gi­sta e in­ter­pre­te. In tea­tro ave­vo già fat­to due re­gie, una era L’eter­ni­tà dol­cis­si­ma, che ri­tor­na all’El­fo di Mi­la­no». Co­me sa­rà il suo Zio Va­n­ja? «So­no par­ti­to dal mio sen­so di fal­li­men­to». Per­ché, si sen­te fal­li­to? «Non io in par­ti­co­la­re, ma ho la con­sa­pe­vo­lez­za che gli at­to­ri del­la mia ge­ne­ra­zio­ne non ar­ri­ve­ran­no mai a pun­ti im­por­tan­ti co­me quel­li che li han­no pre­ce­du­ti. Co­sì, nel mio adat­ta­men­to, an­zi­ché ere­di­ta­re una pian­ta­gio­ne i per­so­nag­gi ere­di­ta­no un vec­chio tea­tro pie­no di de­bi­ti, co­me ne esi­sto­no mol­tis­si­mi in Ita­lia, e que­sto si tro­va in una del­le pro­vin­ce del ter­re­mo­to. Per­ché di que­sto ter­re­mo­to bi­so­gna par­la­re, co­me di que­sto im­mo­bi­li­smo, che ri­guar­da tut­to il Pae­se. Se an­drà be­ne, ne fa­rò il mio pri­mo film da re­gi­sta». I per­so­nag­gi di Ce­chov as­si­sto­no ai fal­li­men­ti del­le lo­ro vi­te. Ma an­che Mar­cel­lo è spet­ta­to­re del­la pro­pria esi­sten­za. «Se­con­do me, esi­sto­no mol­tis­si­me per­so­ne co­me Mar­cel­lo, che ve­do­no pas­sar­si ac­can­to la vi­ta, la­scian­do fa­re agli al­tri, sen­za es­se­re pro­ta­go­ni­sta di se stes­si». Di­pen­de dal­la pau­ra? «Mol­to cre­do che fac­cia l’igno­ran­za. Quan­do na­sci in un po­sto do­ve nel rag­gio di chi­lo­me­tri tro­vi so­lo un bar, la bi­blio­te­ca non c’è, il ci­ne­ma chis­sà dov’è, qua­dri non par­lia­mo­ne: co­me fai ad ave­re una co­scien­za se nes­su­no ti in­se­gna che c’è un al­tro mon­do, esi­sto­no al­tre pos­si­bi­li­tà? C’è bi­so­gno di cul­tu­ra, al­tri­men­ti ti puoi so­lo dro­ga­re». Ma i per­so­nag­gi di Ce­chov non so­no na­ti in pe­ri­fe­ria. «Ep­pu­re non rie­sco­no a pren­de­re in ma­no la vi­ta, aspet­ta­no sem­pre qual­co­sa dall’ester­no che li sal­vi. Non so­no “qui e ora”». Che co­sa si­gni­fi­ca es­se­re «qui e ora» per un at­to­re? «Con il tea­tro è più sem­pli­ce: en­tri nel­la par­te, ini­zi e vai avan­ti per tut­to lo spet­ta­co­lo. Con il ci­ne­ma è più dif­fi­ci­le e ci vuo­le tan­ta leg­ge­rez­za». Leg­ge­rez­za? «Con il tea­tro, so­prat­tut­to agli ini­zi, ti sen­ti al cen­tro del mon­do. Ma non è ve­ro un caz­zo. Sul set all’ini­zio mi sem­bra­va in­sop­por­ta­bi­le che fos­se­ro gli al­tri a de­ci­de­re: tu non sai quel­lo che il re­gi­sta ve­de sui mo­ni­tor, co­me sa­rà il mon­tag­gio, ti af­fi­di e per que­sto ci vuo­le leg­ge­rez­za». Ades­so che ha sco­per­to la leg­ge­rez­za, quan­ti film ha in usci­ta? «Era­no tre an­ni, da Tut­ta col­pa di Freud, che non la­vo­ra­vo per il ci­ne­ma, mi so­no ri­fat­to. C’è The Pla­ce di Pao­lo Ge­no­ve­se, che usci­rà il 28 di­cem­bre, ispi­ra­to a una se­rie ame­ri­ca­na, con un uo­mo che ri­sol­ve i pro­ble­mi di chi gli si ri­vol­ge ma in cam­bio af­fi­da lo­ro al­tri com­pi­ti. Per di­re: io ho un fi­glio leu­ce­mi­co, e per sal­var­lo mi chie­de di uc­ci­de­re una ra­gaz­zi­na. C’è un fan­ta­sy per fa­mi­glie, Ötzi e il mi­ste­ro del tem­po, che ho fat­to per­ché pos­so an­da­re a ve­der­lo con i bam­bi­ni. Qui gi­ro Pa­la­to as­so­lu­to di Fran­ce­sco Fa­la­schi e so­no uno chef usci­to dal car­ce­re che va in una co­mu­ni­tà di ra­gaz­zi con sin­dro­me di Asper­ger: uno è bra­vis­si­mo e io lo ac­com­pa­gno a fa­re un con­te­st ga­stro­no­mi­co. A set­tem­bre fac­cio l’ope­ra pri­ma di Si­mo­ne Ca­ta­nia: un’ami­ci­zia on the road, con Mar­co D’Amo­re e una for­te te­ma­ti­ca gay. Poi ci sa­rà un’al­tra ope­ra pri­ma in Sviz­ze­ra». Con un car­net co­sì pie­no, quan­do tor­na a ca­sa rie­sce dav­ve­ro a stac­ca­re? «Ho im­pa­ra­to a non af­fe­zio­nar­mi al­le co­se, un ruo­lo non me lo por­to die­tro. In ca­sa non ho ri­cor­di, sce­neg­gia­tu­re o fo­to di sce­na. Se de­vi la­scia­re una trac­cia lo fai con i film, gli spet­ta­co­li, la me­mo­ria di chi ti ha vi­sto. Io mi ten­go quel­lo che ogni espe­rien­za mi ha in­se­gna­to. An­che quel­le brut­te». Per esem­pio? «Ca­val­li, pre­sen­ta­to pro­prio a Ve­ne­zia: mi ero qua­si spez­za­to e il film non era pia­ciu­to. Spe­ria­mo che sta­vol­ta va­da me­glio».

«NON RIE­SCO A LI­TI­GA­RE, E NON MI PIA­CE. OGNI TAN­TO VOR­REI SCOP­PIA­RE»

DAL LI­BRO DI SI­TI Vinicio Marchioni, 42 an­ni, è pro­ta­go­ni­sta del Con­ta­gio, che il 1° set­tem­bre vie­ne pre­sen­ta­to al­le Gior­na­te de­gli Au­to­ri del­la Mo­stra del Ci­ne­ma di Ve­ne­zia. Il film usci­rà in sa­la il 5 ot­to­bre.

IO E IL PRO­FES­SO­RE

Nel Con­ta­gio, di­ret­to da Mat­teo Bo­tru­gno e Da­nie­le Co­luc­ci­ni, Marchioni ha una sto­ria con Vin­cen­zo Sa­lem­me.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.