ITA­LIA, SVEGLIATI!

Giu­sep­pe Gen­na af­fron­ta il te­ma dell’IN­TEL­LI­GEN­ZA AR­TI­FI­CIA­LE nel suo nuo­vo ro­man­zo. Per­ché è tem­po che an­che gli in­tel­let­tua­li del no­stro Pae­se par­li­no di un fu­tu­ro che è real­tà

Vanity Fair (Italy) - - WEEK - di SIL­VIA BOMBINO

Chi svi­lup­pe­rà la mi­glio­re in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le di­ven­te­rà il pa­dro­ne del mon­do». La fra­se di Vla­di­mir Pu­tin e la ri­spo­sta via Twit­ter del gu­ru dei vei­co­li elet­tri­ci e di que­sto set­to­re, Elon Mu­sk («Sta co­min­cian­do»), han­no riac­ce­so il dibattito sui pro­gres­si espo­nen­zia­li dell’in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le. So­prat­tut­to quel­lo sul pros­si­mo ar­ri­vo del­la «sin­go­la­ri­tà» – teo­riz­za­ta dall’in­ven­to­re, in­for­ma­ti­co e fu­tu­ro­lo­go new­yor­ke­se Ray­mond Kur­z­weil – ov­ve­ro il mo­men­to in cui le mac­chi­ne sen­zien­ti su­pe­re­ran­no l’uo­mo, ren­den­do­si au­to­no­me. «Il dibattito è aper­to da an­ni, pur­trop­po l’Ita­lia sem­bra in­dif­fe­ren­te», spie­ga Giu­sep­pe Gen­na, 48 an­ni, au­to­re di Hi­sto­ry ap­pe­na usci­to in li­bre­ria. La sto­ria, am­bien­ta­ta a Mi­la­no nel 2018, rac­con­ta di uno scrit­to­re che vie­ne as­sun­to in un «tec­no­po­lo» (in­stal­la­to nel pa­laz­zo dell’ex più gran­de edi­to­re ita­lia­no: la­scia­mo al let­to­re in­do­vi­na­re il no­me) in cui si co­strui­sce e os­ser­va un’in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le che fi­ni­sce per usci­re dai re­cin­ti im­po­sti, con un col­po di sce­na fi­na­le. Per­ché un ro­man­zo ora su que­sto te­ma? «Per­ché non scri­ver­lo, piut­to­sto. Mi chie­do co­me mai all’este­ro scrit­to­ri co­me Don DeLil­lo e Mi­chel Houel­le­becq se ne oc­cu­pi­no e da noi nes­su­no scri­ve del­la real­tà in cui vi­via­mo: non è fan­ta­scien­za, ma so­cio­lo­gia or­mai. Ri­guar­da noi e so­prat­tut­to i no­stri fi­gli, che tra 40 an­ni do­vran­no sce­glie­re se ibri­dar­si o me­no, os­sia in­glo­ba­re na­no­ro­bot per as­su­me­re far­ma­ci, gua­ri­re da ma­lat­tie, di­ma­gri­re». Non le sem­bra un po’ pre­sto? «Per nul­la. Kur­z­weil, che fac­cio com­pa­ri­re an­che nel li­bro, ha scrit­to il suo pri­mo sag­gio sul­la sin­go­la­ri­tà nel 1990. Il con­cet­to è sem­pli­ce: sia­mo abi­tua­ti a pen­sa­re il pro­gres­so scien­ti­fi­co e tec­no­lo­gi­co co­me una li­nea ret­ta, ma in real­tà sia­mo nel “go­mi­to” di una cur­va, che sta di­ven­tan­do un’iper­bo­le. Chiun­que av­ver­te che i cam­bia­men­ti de­gli ul­ti­mi cin­que an­ni so­no mol­to più ra­pi­di di quel­li av­ve­nu­ti in de­cen­ni». Qua­li so­no i se­gna­li che stia­mo igno­ran­do? «Ogni gior­no ce n’è uno. Ho una li­sta su Twit­ter che ho chia­ma­to “Sin­gu­la­ri­ty”, in cui se­gna­lo tut­ti i sal­ti di li­vel­lo. L’in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le non è più il com­pu­ter Deep Blue dell’Ibm che bat­te a scac­chi Ka­spa­rov, ma Al­phaGo, svi­lup­pa­to da Goo­gle, che vin­ce con­tro un cam­pio­ne mon­dia­le di Go, gio­co ci­ne­se mol­to più com­ples­so. Se un’in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le bat­te ogni cam­pio­ne, gio­ca­re a Go tra uma­ni è co­me es­se­re la se­rie B. Op­pu­re il ca­so del­la bam­bi­na ma­la­ta di leu­ce­mia e gua­ri­ta gra­zie ai na­no­ro­bot che han­no fat­to “edi­ting ge­ne­ti­co” ri­pa­ran­do il suo dna. O quel­lo dei due ro­bot di Fa­ce­book che si so­no mes­si a dia­lo­ga­re in una lin­gua sco­no­sciu­ta all’uo­mo». Quin­di Pu­tin ha ra­gio­ne, le mac­chi­ne ci do­mi­ne­ran­no? «Pu­tin di­ce quel­lo che da an­ni di­ce Elon Mu­sk: che le mac­chi­ne stan­no di­ven­tan­do sem­pre più po­ten­ti e usa­te nel­la stra­te­gia. Ma lo fa “il­lu­den­do­si” che esi­sta­no dei “de­ten­to­ri del­la tec­no­lo­gia” nu­clea­re e mi­li­ta­re, co­me Trump o Kim Jong-un. In­ve­ce la po­li­ti­ca in que­sta tran­si­zio­ne di spe­cie di­ven­ta se­con­da­ria. Quan­do Goo­gle for­ni­rà i cer­ti­fi­ca­ti di na­sci­ta, so­sti­tuen­do le isti­tu­zio­ni per­ché è più co­mo­do, ci si chie­de­rà: chi è lo Sta­to? Mi sem­bra pa­ci­fi­co che sa­ran­no le gran­di te­ch cor­po­ra­tion a go­ver­na­re, co­me in Bla­de Run­ner. Non a ca­so Kur­z­weil, che sta stu­dian­do co­me scan­si­re il cer­vel­lo per re­pli­ca­re gli algoritmi dell’in­tel­li­gen­za uma­na, è il ca­po del re­par­to in­ge­gne­ri­sti­co di Goo­gle».

LA STO­RIA La co­per­ti­na del ro­man­zo Hi­sto­ry di Giu­sep­pe Gen­na, ap­pe­na usci­to nel­le li­bre­rie (Mon­da­do­ri, pagg. 528, ¤ 24).

BAMBOLA VIVENTE

Lu­lu Ha­shi­mo­to si ag­gi­ra per To­kyo. Ma­sche­ra e co­stu­me so­no sta­ti crea­ti dal­la de­si­gner Hi­to­mi Ko­ma­ki, 23 an­ni. L’iden­ti­tà di chi li in­dos­sa re­sta se­gre­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.