Io co­me Oba­ma

In­ter­pre­ta­re don­ne co­me Aung San Suu Kyi le ha da­to for­za an­che sul­lo scher­mo e ora MI­CHEL­LE YEOH è pron­ta a gui­da­re la na­ve stel­la­re del nuo­vo Star Trek. Ep­pu­re la sua bat­ta­glia per non sen­tir­si eti­chet­ta­ta nel­la ca­sel­la «at­tri­ce asia­ti­ca» con­ti­nua. E in

Vanity Fair (Italy) - - VANITY SPAZIALE - di SI­MO­NA SIRI

Tut­to me­ri­to del­la dan­za clas­si­ca», mi ri­spon­de ri­den­do Mi­chel­le Yeoh, quan­do le di­co che lei è la per­fet­ta con­fer­ma di tut­ti gli ste­reo­ti­pi sul­le don­ne orien­ta­li: una pel­le me­ra­vi­glio­sa, un aspet­to più gio­va­ne di al­me­no die­ci an­ni (in ago­sto ne ha com­piu­ti 55), una sin­te­si af­fa­sci­nan­te di for­za e gra­zia in­sie­me. Ex bal­le­ri­na, ex re­gi­net­ta di bel­lez­za, Yeoh ha una car­rie­ra straor­di­na­ria. A Hol­ly­wood ar­ri­vò vent’an­ni fa e si fe­ce su­bi­to no­ta­re co­me spal­la di Pier­ce Bro­snan 007 nel Do­ma­ni non muo­re mai. Ma la ve­ra fa­ma ar­ri­vò con La ti­gre e il dra­go­ne, gi­ra­to in ci­ne­se da Ang Lee, gran­de suc­ces­so di pub­bli­co e Oscar nel 2001 per il mi­glio­re film stra­nie­ro. Que­sto film di ar­ti mar­zia­li le cam­biò la vi­ta e aprì le por­te a un ge­ne­re che og­gi va mol­to di mo­da, ma di cui lei è sta­ta la pio­nie­ra. Me­mo­rie di una gei­sha e The La­dy - L’amo­re per la li­ber­tà, bio­gra­fia del­la lea­der bir­ma­na Aung San Suu Kyi pre­mio No­bel per la pa­ce, ar­ri­va­ro­no do­po, a di­mo­stra­zio­ne di quan­to eclet­ti­ca sia la sua car­rie­ra. Tan­to che og­gi è una del­le pro­ta­go­ni­ste di Star Trek: Di­sco­ve­ry, il nuo­vo ca­pi­to­lo del­la sa­ga fan­ta­scien­ti­fi­ca in ar­ri­vo su Net­flix il 25 set­tem­bre, con un epi­so­dio a set­ti­ma­na. Am­bien­ta­to die­ci an­ni pri­ma del­la se­rie ori­gi­na­le – quel­la an­da­ta in on­da ne­gli an­ni Ses­san­ta, con pro­ta­go­ni­sti in­di­men­ti­ca­bi­li co­me Wil­liam Shat­ner nei pan­ni del co­man­dan­te Kirk e Leo­nard Ni­moy in quel­li di Spock –, Di­sco­ve­ry rac­con­ta le av­ven­tu­re di due na­vi stel­la­ri: la Uss Di­sco­ve­ry co­man­da­ta da Ga­briel Lor­ca (l’at­to­re Ja­son Isaacs) e la Uss Shen­z­hou. A ca­po di que­sta se­con­da c’è Yeoh nei pan­ni di Phi­lip­pa Geor­giou, men­tre il pri­mo uf­fi­cia­le è Mi­chael Bur­n­ham, os­sia l’at­tri­ce So­ne­qua Mar­tin-Green. «Il lo­ro rap­por­to è quel­lo di men­to­re e al­lie­va: Mi­chael è na­ta uma­na, ma è sta­ta cre­sciu­ta co­me vul­ca­nia­na. Lo sco­po di Phi­lip­pa è far rie­mer­ge­re le qua­li­tà e le emo­zio­ni che nel tem­po so­no an­da­te per­du­te, ri­met­ten­do­la in con­tat­to con la sua na­tu­ra», di­ce Mi­chel­le.

«PER CO­ME ERO STA­TA EDUCATA, FA­RE LA MO­GLIE A TEM­PO PIE­NO E AVE­RE UNA CAR­RIE­RA ERA­NO DUE CO­SE INCOMPATIBILI. E IO SCEL­SI LA FA­MI­GLIA»

A Hol­ly­wood og­gi si par­la spes­so di bi­so­gno di di­ver­si­tà. E lei è sta­ta qua­si una pio­nie­ra, una del­le po­che don­ne non oc­ci­den­ta­li. «La di­ver­si­tà è una bat­ta­glia per cui non si smet­te­rà mai di com­bat­te­re. So­no un am­ba­scia­to­re del­le Na­zio­ni Uni­te e una del­le co­se che più mi stan­no a cuo­re è la­vo­ra­re per la qua­li­tà del­la vi­ta del­le don­ne e per ar­ri­va­re a una società do­ve per ot­te­ne­re un la­vo­ro raz­za e ses­so non con­ti­no più: il po­sto do­vreb­be spet­ta­re a chi è più qua­li­fi­ca­to, pun­to». In­ten­de di­re che lei è an­co­ra per­ce­pi­ta co­me un’at­tri­ce asia­ti­ca, in­ve­ce che co­me un’at­tri­ce e ba­sta? «È suc­ces­so an­che a Oba­ma: per ot­to an­ni è sta­to il pri­mo pre­si­den­te afroa­me­ri­ca­no, an­zi­ché so­lo il Pre­si­den­te. Ov­via­men­te io spe­ro di es­se­re per­ce­pi­ta co­me un’at­tri­ce, non so­lo co­me asia­ti­ca. Il peg­gio è fa­re i ca­st pen­san­do a ca­sel­le da riem­pi­re: ok, ab­bia­mo bi­so­gno di un afroa­me­ri­ca­no, di un’asia­ti­ca, di tre bian­chi». È suc­ces­so in pas­sa­to? «Una vol­ta il ca­st era ba­sa­to sul cli­ché cul­tu­ra­le, per cui la don­na asia­ti­ca era sem­pre o la ca­me­rie­ra o la pro­sti­tu­ta. Ora non suc­ce­de più. E me­no ma­le: l’Ame­ri­ca è una società mul­ti­raz­zia­le, la di­ver­si­tà è pri­ma di tut­to nel­le stra­de e ne­gli uf­fi­ci, per­ché mai non do­vreb­be es­ser­ci an­che al ci­ne­ma?». Una car­rie­ra a Hol­ly­wood fa­ce­va par­te del suo so­gno ame­ri­ca­no? «La pri­ma vol­ta che so­no ar­ri­va­ta in Ame­ri­ca è sta­to gra­zie al mio men­to­re Te­ren­ce Chang, pro­dut­to­re dei film di John Woo. Era il pe­rio­do in cui mol­ti re­gi­sti di Hong Kong ve­ni­va­no qui a gi­ra­re, era­no ri­chie­sti, men­tre per gli at­to­ri c’era an­co­ra po­co spa­zio. Uno dei pro­ble­mi prin­ci­pa­li è sem­pre sta­ta la lin­gua. Io la par­la­vo già, e quin­di Te­ren­ce mi dis­se: vie­ni, pro­va. Non è sta­to fa­ci­le. Ve­de, per noi at­to­ri asia­ti­ci l’Ame­ri­ca si­gni­fi­ca­va ri­co­min­cia­re da ca­po, la­scia­re la tran­quil­li­tà di una car­rie­ra già av­via­ta per but­tar­si in una nuo­va. Al­lo stes­so tem­po, en­tra­re in un mer­ca­to do­ve eri una sco­no­sciu­ta ti per­met­te­va di ri­sco­pri­re la ra­gio­ne per cui ave­vi scel­to que­sta vi­ta. In­som­ma, è sta­to dif­fi­ci­le, ma è sta­ta un’av­ven­tu­ra. E so­no sta­ta an­che for­tu­na­ta: il mio pri­mo film ame­ri­ca­no è sta­to Il do­ma­ni non muo­re mai». Nei me­si scor­si si è mol­to par­la­to del­la pos­si­bi­li­tà di ave­re un Ja­mes Bond don­na. Lei che co­sa ne pen­sa? «Il mio per­so­nag­gio, Wai Lin, già an­da­va in quel­la di­re­zio­ne per­ché era una spia. Bond pe­rò ha ca­rat­te­ri­sti­che trop­po ma­schi­li: fa spes­so ses­so con don­ne di­ver­se, è un playboy. Non cre­do che una don­na lo pos­sa fa­re con la stes­sa leg­ge­rez­za, avreb­be un si­gni­fi­ca­to di­ver­so. Ma­ga­ri io so­no vec­chia ma­nie­ra, per ca­ri­tà». Og­gi co­me eroi­ne d’azio­ne ci so­no Char­li­ze The­ron e Scar­lett Jo­hans­son, ma nel­la Ti­gre e il dra­go­ne lei fa­ce­va già sce­ne si­mi­li qua­si vent’an­ni fa. «Sì: ve­ni­vo dal­la dan­za clas­si­ca ed ero ab­ba­stan­za fles­si­bi­le per po­ter­le fa­re. Cre­do che og­gi ci sia­no più don­ne in ruo­li d’azio­ne per­ché si è usci­ti dal­la di­na­mi­ca se­con­do cui la don­na è sem­pre la fan­ciul­la da sal­va­re e l’uo­mo è quel­lo che se ne pren­de cu­ra. Al­lo stes­so tem­po, pe­rò, cre­do ci sia an­co­ra una dif­fe­ren­za tra i ses­si: le don­ne quan­do so­no coin­vol­te in sce­ne d’azio­ne o di vio­len­za è per­ché rea­gi­sco­no, men­tre spes­so ne­gli uo­mi­ni l’azio­ne è fi­ne a se stes­sa, è so­lo in­trat­te­ni­men­to. Per me que­sta di­stin­zio­ne è im­por­tan­te, non ho mai vo­lu­to fa­re sce­ne d’azio­ne gra­tui­te, ho sem­pre chie­sto al re­gi­sta che mo­ti­va­zio­ne ci fos­se sot­to: noi fem­mi­ne spes­so com­bat­tia­mo per di­fen­de­re, per spi­ri­to ma­ter­no, per ra­gio­ni che i ma­schi non han­no». Re­ci­ta­re don­ne for­ti è ser­vi­to a far­la di­ven­ta­re più for­te? «As­so­lu­ta­men­te sì. Pren­da Aung San Suu Kyi: ho vis­su­to con il per­so­nag­gio per più di un an­no, ho let­to i li­bri che leg­ge­va lei, ho man­gia­to quel­lo che man­gia­va, ho cam­mi­na­to co­me cam­mi­na­va. La sua è una for­za in­ter­na, che non può es­se­re ri­pro­dot­ta so­lo con la so­mi­glian­za fi­si­ca, al­tri­men­ti si fi­ni­sce per fa­re i bu­rat­ti­ni». Lei nel 1988 ave­va la­scia­to il ci­ne­ma: per­ché? «Mi ero spo­sa­ta, e per il mo­do in cui ero sta­ta educata fa­re la mo­glie a tem­po pie­no e ave­re una car­rie­ra era­no due co­se in­con­ci­lia­bi­li. Fe­ci una scel­ta, e scel­si la fa­mi­glia. So­no poi tor­na­ta a la­vo­ra­re so­lo do­po il di­vor­zio, nel 1992». Sa­cri­fi­che­reb­be di nuo­vo la car­rie­ra per un uo­mo? «Non ce n’è bi­so­gno: Jean (Todt, ex ma­na­ger del­la scu­de­ria Fer­ra­ri, con cui Mi­chel­le sta dal 2004, ndr) è mol­to fe­li­ce che io la­vo­ri e la no­stra vi­ta è fat­ta di viag­gi e di so­ste­gno re­ci­pro­co».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.