Ne ve­dre­mo di tut­ti i co­lo­ri

La no­ti­zia è rim­bal­za­ta dal­le fo­re­ste ur­ba­ne ai tem­pli giap­po­ne­si, dai ca­stel­li al­pi­ni al­le ca­sca­te: le fo­glie d’au­tun­no que­st’an­no sa­ran­no più gial­le, più ac­ce­se, più ros­se che mai. Nel­la sta­gio­ne pi­ro­tec­ni­ca che sfi­da In­sta­gram, le me­te e i se­gre­ti per

Vanity Fair (Italy) - - CARPE DIEM - LAU­RA FIENGO

La re­go­la è sol­tan­to una, e i con­ta­di­ni la co­no­sco­no da sem­pre: è la ge­la­ta che ac­cen­de il bo­sco. Può es­se­re la ster­mi­na­ta fo­re­sta del Ca­na­da, il più ad­do­me­sti­ca­to New En­gland ame­ri­ca­no, op­pu­re Kyo­to con i suoi tet­ti a pa­go­da, Ber­li­no, la Croa­zia, un fior­do sve­de­se, un ca­stel­lo in Ita­lia (non me­no ma­gi­co: le mu­ra di­ven­te­ran­no co­lor ru­bi­no da un gior­no all’al­tro, co­me per in­can­to). A far en­tra­re l’au­tun­no e a por­tar­ci fuo­ri di ca­sa ad am­mi­rar­lo sa­rà co­mun­que una not­te a 0 gra­di di fred­do im­prov­vi­so. Poi le fo­glie esplo­de­ran­no. E que­sta vol­ta lo show na­tu­ra­le è pre­vi­sto «ex­tra spec­ta­cu­lar», di­ce il ser­vi­zio me­teo de­gli Sta­ti Uni­ti, il Pae­se ca­pi­ta­le del Fall Fo­lia­ge, l’ar­ros­sa­men­to del­le fo­glie. Me­ri­to, o me­glio, col­pa del cam­bia­men­to del cli­ma. Nel­le cit­tà gli al­be­ri so­no già ari­di, e la mac­chia me­di­ter­ra­nea de­gli ul­ti­mi gior­ni di ma­re un po’ più ane­mi­ca, pe­rò il fo­lia­ge ar­ri­va pri­ma, e du­re­rà di più. Ec­co le me­te da non per­de­re.

New York Sto­ry

Gli ol­tre 25 mi­la al­be­ri cen­si­ti di Cen­tral Park fron­teg­gia­no ogni an­no 25 mi­lio­ni di es­se­ri uma­ni, i vi­si­ta­to­ri di Cen­tral Park. Ma da ot­to­bre si pren­do­no la rivincita: la quin­ta tea­tra­le crea­ta dal fo­lia­ge è con­si­de­ra­ta la più bel­la del mon­do. Il la­to mi­glio­re? Dif­fi­ci­le dir­lo. Vo­len­do se­gui­re Woo­dy Al­len, che di New York in au­tun­no ha fat­to qua­si la sua fir­ma, pro­ba­bil­men­te l’in­gres­so dal Me­tro­po­li­tan Mu­seum, dall’Up­per Ea­st Si­de. Il fo­lia­ge di New York ol­tre che da film è uni­co, e una ra­gio­ne c’è: la pre­sen­za dei grat­ta­cie­li e dei pa­laz­zi in­tor­no se­con­do i bo­ta­ni­ci «di­so­rien­ta» gli al­be­ri, crea om­bre ar­ti­fi­cia­li e un ha­bi­tat ur­ba­no ma an­che sel­vag­gio che non ha pa­ri nel mon­do. L’en­te dei Par­chi di New York Ci­ty (ny­c­go­v­parks.org) or­ga­niz­za vi­si­te gui­da­te con esper­ti su­per com­pe­ten­ti, ma da so­li, in mood romantico, è an­co­ra me­glio.

Il ca­stel­lo del­la ma­gia ros­sa

In Val di Non, a me­no di 3 ore in au­to da Mi­la­no, c’è un ca­stel­lo che ha mil­le an­ni di sto­ria e so­pra la gran­de por­ta di le­gno sti­le au­stria­co una gi­gan­te­sca e an­ti­ca vi­te ame­ri­ca­na che lo av­vol­ge tut­to co­me un in­can­te­si­mo. Sem­pre co­me per ma­gia, in una not­te di ot­to­bre non pos­si­bi­le da pre­ve­de­re, tut­to il ver­de di­ven­te­rà ros­so. Il fo­lia­ge

ita­lia­no dà il me­glio in mon­ta­gna, do­ve mol­ti ca­stel­li si pos­so­no vi­si­ta­re (vi­sit­ca­stel­va­ler.it/it). E su­pe­ra­ta la col­tre di vi­te, si ascol­ta­no le sto­rie da leg­gen­da dei con­ti di Ap­pia­no, che lo fon­da­ro­no quan­do re­gna­va­no in Val di Cem­bra, poi quel­li del Ti­ro­lo e, più re­cen­te­men­te (si fa per di­re: an­no 1368), la fa­mi­glia au­stria­ca Spaur, i cui di­scen­den­ti tut­to­ra abi­ta­no qui. Tra le fo­glie e la Sto­ria vi rac­con­te­ran­no per esem­pio che a oc­cu­par­si di in­trat­te­ne­re i lo­ro an­te­na­ti c’era Mo­zart in per­so­na.

Gli ace­ri di Kyo­to

Per al­cu­ni, non so­lo giap­po­ne­si, è qua­si un cul­to: il «koyo» è la co­lo­ra­zio­ne del­le fo­glie. In par­ti­co­la­re de­gli ace­ri, co­sì sce­no­gra­fi­ci con quel lo­ro in­cre­di­bi­le co­lor ro­sa­ros­so-bor­deaux. L’at­ti­vi­tà del Mo­mi­ji­ga­ri («an­da­re a cac­cia di ace­ri») nei din­tor­ni di Kyo­to as­su­me tut­to un sen­so zen. Tut­ta l’area, con i tem­pli shin­toi­sti pie­ni di statue de­li­ca­te e i giar­di­ni or­di­na­ti abi­ta­ti so­lo dal­le di­vi­ni­tà, è la me­ta su cui pun­ta­re. Ma at­ten­zio­ne al ca­len­da­rio: il koyo par­te dall’al­to, co­me un fron­te di ven­to, dall’iso­la di Hok­kai­do pun­ta ver­so Oki­na­wa tin­gen­do tut­to l’ar­ci­pe­la­go. An­che To­kyo non de­lu­de, spe­cial­men­te sul­la Icho Na­mi­ki («Gink­go Ave­nue», in in­gle­se), tra­sfor­ma­ta in gal­le­ria di un gial­lo ocra sur­rea­le. Con se­rie­tà nip­po­ni­ca, mol­ti e sti­ma­ti si­ti web co­me kyu­ho­shi.com ag­gior­na­no gli ap­pas­sio­na­ti sul ca­len­da­rio, ag­giun­gen­do pe­rò cau­ti: «La na­tu­ra non è mai ga­ran­ti­ta». In ca­so di de­lu­sio­ne, si può sem­pre pun­ta­re sui ri­sto­ran­ti che ade­gua­no il me­nu al koyo (ca­chi, ca­sta­gne, bac­che ros­se, tut­to è in te­ma), e per­fi­no i fio­ri tra i ca­pel­li del­le gei­she sa­ran­no coor­di­na­ti.

Fo­glie d’Eu­ro­pa, uni­te­vi

L’Eu­ro­pa, dal Sus­sex in­gle­se (ma an­che il sem­pre più chic Nor­folk, do­ve puoi an­che in­con­tra­re la Re­gi­na con uno dei suoi fou­lard) ai fior­di sve­de­si (il me­glio: nel­la zo­na di Sö­de­rhamn), op­pu­re il po­co no­to ma moz­za­fia­to Par­co Na­zio­na­le dei La­ghi di Plit­vi­ce, nel­la Croa­zia lon­ta­na dal ma­re, of­fre un Gran Tour d’au­tun­no. Che ha un re­ga­lo in più: gli al­be­ri nel­le ca­pi­ta­li. E in quan­to a que­sto non ci so­no dub­bi, la vit­to­ria as­so­lu­ta è di Ber­li­no. Pro­va­te a se­der­vi da­van­ti al Pon­te del­la Frie­dri­ch­stras­se, in ot­to­bre, con a si­ni­stra in lon­ta­nan­za la sa­go­ma li­ber­ty dell’Hac­ke­scher Markt e a de­stra, più ri­go­ro­sa, la sta­tua di Ber­tolt Bre­cht, tut­ta di bron­zo scu­ro co­per­to di fo­glie gial­le. Se il più no­to via­le del­la cit­tà si chia­ma Un­ter den Lin­den, «via­le sot­to i ti­gli», un mo­ti­vo c’è: i fa­mo­si ti­gli dell’im­pe­ro prus­sia­no e gli al­tri al­be­ri sto­ri­ci del­la cit­tà da ot­to­bre dan­no spet­ta­co­lo. Un ho­tel de­gno del mo­men­to ma­gi­co: lo stre­pi­to­so Re­gent Ber­lin (re­gen­tho­tels.com), nel cuo­re del Mit­te con vi­sta sul­la piaz­za Gen­dar­men­markt. Per bud­get più fa­ci­li, il ce­le­bra­to The Cir­cus, con vi­va­ce se­zio­ne ho­stel, è sem­pre una bel­la scel­ta (cir­cu­sber­lin.de). Al re­sto ci pen­sa­no gli al­be­ri.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.