Non è l’emo­zio­ne che sem­bra

Vanity Fair (Italy) - - CARPE DIEM -

Ar­ri­va nel­le sa­le il 28 set­tem­bre, do­po cri­ti­che non be­ne­vo­le ma un in­cas­so di ol­tre 80 mi­lio­ni di dol­la­ri: Emo­ji - Ac­cen­di le emo­zio­ni rac­con­ta le vi­cen­de di Tex­to­po­lis, una cit­tà se­gre­ta do­ve le emo­ti­con vi­vo­no nel­la con­ti­nua spe­ran­za di es­se­re se­le­zio­na­te dai pro­prie­ta­ri di smart­pho­ne. Ma nel­la vi­ta ve­ra, fuo­ri dal gran­de scher­mo, so­no in mol­ti a frain­ten­de­re il ve­ro si­gni­fi­ca­to del­le «fac­ci­ne» e dei sim­bo­li. Ne ab­bia­mo scel­ti tre, tra quel­li più usa­ti: ec­co la lo­ro ispi­ra­zio­ne ori­gi­na­ria.

Non è il dia­vo­lo: nel­la cul­tu­ra giap­po­ne­se, è un ogre di no­me Na­ma­ha­ge ca­pa­ce di scac­cia­re gli spi­ri­ti ma­li­gni. L’op­po­sto di quel­lo per cui vie­ne so­li­ta­men­te evo­ca­to.

Non si trat­ta dell’Ur­lo di Mun­ch in ver­sio­ne fe­li­na. Usa­to da mol­ti per espri­me­re sor­pre­sa e shock, il gat­to gial­lo con la boc­ca spa­lan­ca­ta sta sem­pli­ce­men­te sba­di­glian­do.

Se pen­sa­te a ma­ni giun­te in pre­ghie­ra vi as­sol­via­mo. Ma si trat­ta del ge­sto con cui in Giap­po­ne si ma­ni­fe­sta gra­ti­tu­di­ne o si chie­de un fa­vo­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.