Era mio pa­dre, in ar­te Mr. Play­boy

Si può cre­sce­re cir­con­da­ti da co­ni­gliet­te nu­de e di­ven­ta­re un ra­gaz­zo nor­ma­le? A sen­ti­re il iglio di Hu­gh Hef­ner, pa­re di sì. In que­sta in­ter­vi­sta di qual­che tem­po fa, l’ere­de dell’uo­mo che ha fat­to del ses­so un bu­si­ness rac­con­ta com’è sta­to vi­ve­re con un

Vanity Fair (Italy) - - Tempo Di Lettura - di STE­VEN KURUTZ fo­to TU­RE LILLEGRAVEN

In­ve­ce di guar­da­re l’aspet­to isi­co, nel­le ra­gaz­ze cer­co il ca­rat­te­re e le af ini­tà che po­trem­mo ave­re

Hu­gh Hef­ner è in ca­sa, o al­me­no pa­re. Non pos­sia­mo dar­lo per cer­to per­ché Mar­ston non lo ve­de tut­ti i gior­ni, e tec­ni­ca­men­te, co­mun­que, non sia­mo a ca­sa sua. Sia­mo nel­la stan­za dei gio­chi, un fab­bri­ca­to se­pa­ra­to dal­la Man­sion da un cen­ti­na­io di me­tri cir­con­da­ti da sie­pi. Co­me il re­sto del­la Man­sion, la stan­za dei gio­chi ha un’at­mo­sfe­ra da mu­seo del­lo scam­bi­smo. Ci so­no un bi­liar­do, un cal­cio ba­lil­la, un ju­ke­box, al­cu­ni ip­per dell’epo­ca di Rea­gan, e un pic­co­lo sa­lot­ti­no ar­re­da­to co­me fos­se l’in­ter­no di un fur­gon­ci­no an­ni Set­tan­ta. Que­sto po­me­rig­gio c’è an­che Ju­lie McCul­lou­gh, play­ma­te bion­da: ar­ram­pi­ca­ta su uno sga­bel­lo, fu­ma una si­ga­ret­ta e gio­ca a Cen­ti­pe­de. E ci sia­mo io e Mar­ston, che fac­cia­mo una par­ti­ta a bi­liar­do, par­lan­do di com’è es­se­re il …glio di Hu­gh Hef­ner. Mar­ston non vi­ve più nel­la Man­sion da quan­do nel 1998 i suoi si so­no la­scia­ti e sua mam­ma, la bion­da play­ma­te Kim­ber­ley Con­rad (gen­na­io ’88), si è tra­sfe­ri­ta in una ca­sa an­nes­sa al­la pro­prie­tà. Mar­ston ha 18 an­ni, sta per di­plo­mar­si, è un ra­gaz­zo al­to e smil­zo, oc­chi at­ten­ti e un po’ tri­sti, e un co­lo­ri­to che di­ce «pas­so trop­po tem­po a gio­ca­re con i vi­deo­gio­chi». Non ha la mi­ni­ma trac­cia del­la cam­mi­na­ta spa­val­da del pa­dre o dell’at­tra­zio­ne del­la ma­dre per le lu­ci splen­den­ti di Hol­ly­wood. Mar­ston non vie­ne qui tut­ti i gior­ni. Di so­li­to lo fa il mar­te­dì per la se­ra­ta back­gam­mon. «È un ap­pun­ta­men­to …sso», di­ce. «Io e mio pa­dre par­lia­mo di co­sa suc­ce­de a scuo­la e del­le no­vi­tà. Qui pos­so ve­ni­re sem­pre a chiac­chie­ra­re, ma se si trat­ta di fa­re qual­co­sa in­sie­me, dob­bia­mo pia­ni…ca­re sem­pre con lar­go an­ti­ci­po. È una per­so­na mol­to im­pe­gna­ta». Qui hai sem­pre la tua stan­za? «Non più».

Per un ra­gaz­zo che ha pas­sa­to i pri­mi ot­to an­ni del­la sua vi­ta nel­la Play­boy Man­sion, la mi­ti­ca ca­sa del­la ses­sua­li­tà dei ma­schi ame­ri­ca­ni, Mar­ston sem­bra te­ner­si a di­stan­za dal po­sto, co­me se ve­nis­se da que­sto mon­do sen­za pe­rò far­ne par­te. Sem­bra non es­se­re in­te­res­sa­to a co­se co­me ri­mor­chia­re ra­gaz­ze ca­ri­ne, non por­ta ca­mi­cie di se­ta, è sta­to a ca­po del­la Hu­man Rights Stu­dent Ta­sk For­ce e di­fen­de la cau­sa del Dar­fur. Ep­pu­re a ca­sa ha ri­ce­vu­to quel­la che do­vreb­be es­se­re l’educazione ses­sua­le più chia­ra e in­ten­si­va del mon­do. No? «La mia non è una sto­ria strap­pa­la­cri­me. An­che se è di­ver­sa da quel­la di qua­lun­que al­tro ra­gaz­zo». Mar­ston si al­lun­ga sul ta­vo­lo, ti­ra in­die­tro la stec­ca, e col­pi­sce la pal­la mal­de­stra­men­te. Un ad­det­to stam­pa di Play­boy, in­ca­ri­ca­to di te­ne­re d’oc­chio l’in­ter­vi­sta – è il pri­mo ve­ro e pro­prio in­con­tro di Mar­ston con la stam­pa –, se ne sta tran­quil­lo nel­la stan­za, guar­dan­do­ci. «Le aspet­ta­ti­ve che ho, per esem­pio, sul­le ra­gaz­ze so­no un gran bel ca­si­no. Ho pas­sa­to tut­ta la vi­ta cir­con­da­to da don­ne ar­ra­pan­ti, per cui una nor­ma­le liceale non do­vreb­be an­da­re be­ne per me. Ma io, in­ve­ce di guar­da­re l’aspet­to …si­co, cer­co il ca­rat­te­re e le a¢ni­tà che po­trei ave­re. Per­ché per tut­ta la vi­ta so­no sta­to cir­con­da­to dall’ap­pa­ren­za, e ades­so mi ac­cor­go che se con una ra­gaz­za non rie­sco a scam­bia­re due pa­ro­le…». Non po­trem­mo es­se­re più d’ac­cor­do. Ma il ra­gio­na­men­to por­ta a una do­man­da più pro­fon­da: in quan­to …glio di Hu­gh Hef­ner, hai im­pa­ra­to il ses­so co­me lo im­pa­ra­no gli al­tri ra­gaz­zi, sbir­cian­do i Play­boy di tuo pa­dre? «No, il ses­so l’ho im­pa­ra­to a le­zio­ne di educazione ses­sua­le. In ter­za me­dia. L’uni­ca ra­gio­ne per cui po­trei sa­per­ne di più è che ne ero let­te­ral­men­te cir­con­da­to. Per cui so­no più a mio agio del­la me­dia dei miei coe­ta­nei».

Ed ec­co­ci qua: uno di quei mar­te­dì se­ra, quan­do Mar­ston e suo pa­dre si ve­do­no per gio­ca­re a back­gam­mon in bi­blio­te­ca. E in quel­la bi­blio­te­ca, so­pra la por­ta, c’è ap­pe­sa una gran­de fo­to in­cor­ni­cia­ta del­la ma­dre di Mar­ston, in topless, con il se­no ab­bron­za­to e so­do inar­ca­to ver­so il cie­lo. Hef­ner en­tra tra­sci­nan­do i pie­di, in ve­sta­glia e pi­gia­ma di se­ta, mo­stran­do tut­ti i suoi 82 an­ni. Si sie­de ri­vol­gen­do­mi l’orec­chio da cui ci sen­te. Nem­me­no un so­lo tap­pe­to a pe­lo lun­go è sta­to mo­di ca­to da quan­do, nel 1971, si è tra­sfe­ri­to qui. Le lu­ci so­no so§use. Al­le sue spal­le c’è un bu­sto nu­do del­la sua ex …dan­za­ta Bar­bi Ben­ton. In fon­do al fa­mo­so «grot­to» (la gran­de va­sca idro­mas­sag­gio nel­la roc­cia, ndr), c’è un pan­nel­lo con pul­san­ti aran­cio­ni che re­go­la­no i get­ti d’ac­qua e una pul­san­tie­ra per cam­bia­re i di­schi. He­fè ve­nu­to per par­la­re di Mar­ston, il suo ter­zo­ge­ni­to. (Ha due …gli da un pre­ce­den­te ma­tri­mo­nio – «So­no arrivati ab­ba­stan­za per ca­so», di­ce – e un al­tro …glio, il se­di­cen­ne Coo­per, sem­pre con Kim­ber­ley Con­rad). Hef pren­de in ma­no un fo­glio di car­ta che gli han­no mes­so da­van­ti sul ta­vo­li­net­to. Ci so­no le no­te scrit­te dal suo ad­det­to stam­pa su Mar­ston. Gli chie­do di de­scri­ver­mi la per­so­na­li­tà di suo …glio. «È il pri­mo­ge­ni­to, e ne è pa­rec­chio con­sa­pe­vo­le», di­ce, sor­ri­den­do. «Si con­si­de­ra lui stes­so un pic­co­lo Hef». (Più avan­ti lo chie­do a Kim­ber­ley, e lei non è d’ac­cor­do: «Cre­do sia­no più gli al­tri a con­si­de­rar­lo un pic­co­lo Hef»). Hef ha spo­sa­to Kim­ber­ley il pri­mo lu­glio 1989, qui al­la Man­sion. Lui ave­va 63 an­ni. Lei 26. La stam­pa ha trat­ta­to il ma­tri­mo­nio co­me un mo­men­to cul­tu­ral­men­te de­ci­si­vo: l’ul­ti­mo de­gli sca­po­li è sta­to ad­do­me­sti­ca­to. Mar­ston è na­to die­ci me­si do­po. Per Hef è sta­ta la se­con­da oc­ca­sio­ne per met­te­re su fa­mi­glia.

«Ne­gli an­ni Cin­quan­ta e Ses­san­ta ero as­sor­bi­to nel met­te­re su l’azien­da. E a me­tà an­ni Ses­san­ta mi so­no de­di­ca­to a scri­ve­re la lo­so a di Play­boy. Nei Set­tan­ta so­no scappato sul­la We­st Coa­st e ho fat­to quel­lo che fa­ce­va mol­ta gen­te in quel pe­rio­do». Scam­bi­smo? «Scam­bi­smo. Ho ri­de ni­to la na­tu­ra stes­sa del­lo scam­bi­smo». E ne­gli Ot­tan­ta? «Un de­cen­nio de­ci­sa­men­te oscu­ro per l’azien­da e per me. Nel 1985 ho avu­to un in­far­to cau­sa­to dal­lo stress. Nel ma­tri­mo­nio con Kim­ber­ley cer­ca­vo un por­to si­cu­ro. Non ave­vo mai pen­sa­to dav­ve­ro di ri­spo­sar­mi, ma sen­ti­vo il pe­so de­gli an­ni, e quan­do l’ho co­no­sciu­ta ho pen­sa­to: non tro­ve­rò di me­glio, non mi de­vo la­sciar scap­pa­re l’oc­ca­sio­ne». «Con Mar­ston c’ero, ero un pa­dre pre­sen­te. Lo ve­di nel­la pri­ma ver­sio­ne di quel do­cu­men­ta­rio sul­la mia vi­ta che ha fat­to A&E, Ame­ri­can Play­boy, si ve­do­no i giocattoli all’in­gres­so. E Mar­ston era un fan sfe­ga­ta­to di Bat­man, co­sì un po­me­rig­gio so­no ar­ri­va­to a sor­pre­sa ve­sti­to da Bat­man e ho cer­ca­to di con­vin­cer­lo che ero Bat­man!». Sul­la pa­re­te die­tro Hef c’è una fo­to di lui con i gli, i due ma­schi con gol ni ce­le­sti ugua­li. Quan­ti an­ni han­no i bam­bi­ni in quel­la fo­to? «Non lo so», ri­spon­de.

Da­ta la con­si­de­re­vo­le espe­rien­za di Hef­ner con il ses­so op­po­sto, mi chie­do qua­le di­stil­la­to di sag­gez­za pa­ter­na può ave­re tra­smes­so a Mar­ston. «Stai al­la lar­ga», di­ce. «At­ten­to. Quel­le por­ta­no so­lo guai. No, non gli ho det­to nien­te di tut­to que­sto. O for­se sì. Cre­do che mol­te di que­ste co­se le ab­bia im­pa­ra­te guar­dan­do­mi». Ma si è mai se­du­to con Mar­ston per far­gli il di­scor­set­to sul­le api e i ori? Scuo­te il ca­po. Ha mai pro­va­to a spie­gar­gli il fat­to che, su­bi­to do­po la se­pa­ra­zio­ne, ha ini­zia­to a usci­re con set­te bion­de di­ver­se? «Di­rei di no. Co­sa do­ve­vo spie­gar­gli?». Non c’è mai sta­ta nes­su­na con­ver­sa­zio­ne sul­la mo­no­ga­mia o il ma­tri­mo­nio? «Che ti­po di con­ver­sa­zio­ne sa­reb­be sta­ta?». Ma co­sa può aver pen­sa­to del­le set­te bion­de? «Che nes­su­na don­na ha rim­piaz­za­to la lo­ro mam­ma, per­ché usci­vo non con una ma con un grup­pet­to di ra­gaz­ze. Cre­do che i miei gli l’ab­bia­no ap­prez­za­to». Do­po cir­ca tre quar­ti d’ora, Hef sem­bra s an­ca­to. Spen­go il re­gi­stra­to­re, e lui si al­za dal di­va­no. Nel far­lo la­scia an­da­re una sco­reg­gia sen­za nem­me­no ten­ta­re di na­scon­der­la. Nes­su­no nel­la stan­za bat­te ci­glio. Ec­co co­me Mar­ston de­scri­ve sua ma­dre: «Lei è quel­la du­ra, ha do­vu­to es­ser­lo. Ha ot­te­nu­to il 75 per cen­to del­la no­stra cu­sto­dia. Lei è quel­la che di­ce: “Que­sta co­sa non va be­ne”, de­ve fa­re il po­li­ziot­to cat­ti­vo». Ed ec­co co­me lei de­scri­ve se stes­sa: «Pen­so ci sia un tem­po e un luo­go per tut­to. Se le per­so­ne vo­glio­no sta­re nu­de, è una lo­ro scel­ta. Quan­do i bam­bi­ni era­no pic­co­li e abi­ta­va­no nel­la ca­sa ac­can­to, e Hef la do­me­ni­ca or­ga­niz­za­va il “Sum­mer Fun in the Sun”, pen­sa­vo non fos­se pro­prio il ca­so che ve­des­se­ro tre ra­gaz­ze che fa­ce­va­no ses­so nel “grot­to” e un ti­zio che si but­ta­va in mez­zo a lo­ro. Non era una co­sa ap­pro­pria­ta».

Ca­sa di Mar­ston è col­le­ga­ta al­la Man­sion da un can­cel­lo. Una se­ra mi in­vi­ta da lui a gio­ca­re a Gui­tar He­ro. Da­van­ti al­la por­ta sul re­tro, ci im­bat­tia­mo in Kim­ber­ley, che sta sa­lu­tan­do un mag­gior­do­mo del­la Man­sion. I pan­ta­lo­ni del­la tu­ta bian­chi e i ca­pel­li bion­di ti­ra­ti in­die­tro la fan­no sem­bra­re non tan­to una bron­zea dea del ses­so quan­to una qua­ran­ta­quat­tren­ne ma­dre di due gli che abi­ta in pe­ri­fe­ria. Il mo­do in cui guar­da Mar­ston ri­ve­la il ti­pi­co di­sap­pun­to dei ge­ni­to­ri: non sa­pe­va fos­se in com­pa­gnia. Kim­ber­ley è fe­ro­ce­men­te pro­tet­ti­va con i suoi gli e per­fet­ta­men­te con­sa­pe­vo­le di co­sa si­gni chi per Mar­ston es­se­re glio di Hu­gh Hef­ner. «Mar­ston e Coo­per so­no cre­sciu­ti cir­con­da­ti da play­ma­te, non ve­do qua­le sia il pro­ble­ma. È co­me la­vo­ra­re da Kri­spy Kre­me: non è che ti mangi tut­te le ciam­bel­le». Ha mai par­la­to con i ra­gaz­zi del­la vi­ta sen­ti­men­ta­le del pa­dre? «Cre­do che ogni per­so­na ab­bia una sen­si­bi­li­tà diŸeren­te. Non pen­so che i miei ra­gaz­zi ni­ran­no per an­da­re in gi­ro per Hol­ly­wood fa­cen­do i ma­chi con cin­que ra­gaz­ze al se­gui­to. La

sen­sa­zio­ne che ho io è che sa­ran­no mo­no­ga­mi». Mar­ston ul­ti­ma­men­te è im­pe­gna­to a com­pi­la­re i mo­du­li di am­mis­sio­ne al col­le­ge. A giu­gno pren­de­rà il di­plo­ma e la­sce­rà Kim­ber­ley con Coo­per, che a sua vol­ta an­drà al col­le­ge l’an­no suc­ces­si­vo, la­scian­do­la qui con i suoi ca­ni, da so­la. Le chie­do se è con­ten­ta che Mar­ston va­da a sco­pri­re il mon­do. «Mol­to», di­ce. «Ma so­no an­che pre­oc­cu­pa­ta, an­zi pre­oc­cu­pa­ta non lo scri­va: è una pa­ro­la ne­ga­ti­va. Vo­glio so­lo che sia fe­li­ce. Spe­ro che si go­da gli an­ni del col­le­ge. So­no cer­ta che mi man­che­rà. La ve­ri­tà è che l’idea mi fa sta­re ma­le. Amo i miei €gli, amo aver­li in­tor­no: so­no una par­te enor­me del­la mia vi­ta. Ec­co, so­no la mia vi­ta». È ve­ner­dì se­ra, e Mar­ston è di­ret­to al We­st­wood Vil­la­ge, un cen­tro com­mer­cia­le di pe­ri­fe­ria vi­ci­no al­la UCLA, do­ve, mi di­ce, c’è un ri­sto­ran­te se­mi­sco­no­sciu­to che si chia­ma BJ’s. «Fan­no que­sta co­sa che si chia­ma Pi­zoo­kie», di­ce. «È co­me una pizza gran­de co­me un bi­scot­to, e ci met­to­no so­pra il ge­la­to. È buo­nis­si­mo. Lo do­vreb­be­ro pro­va­re tut­ti». Ci se­dia­mo – sce­glie un ta­vo­lo da do­ve si ve­do­no be­ne i cam­pi di pal­la­ca­ne­stro del­la UCLA – e or­di­nia­mo una pizza. Ha dei jeans at­til­la­ti, le Vans, e un giub­bot­to do­ra­to. Sem­bra, a es­se­re del tut­to sin­ce­ri, più o me­no un qual­sia­si ra­gaz­zo bian­co e ric­co di Los An­ge­les.

Gli chie­do se si pre­oc­cu­pa mai, con il no­me che por­ta, che la gen­te vo­glia sfruttarlo, usan­do­lo per po­te­re en­tra­re nel­la Man­sion, cer­can­do di far­se­lo ami­co, sa­pen­do che un gior­no po­treb­be es­se­re lui a ge­sti­re l’im­pe­ro Play­boy. «Eh sì», di­ce. «È fa­ci­le ca­pi­re chi vuo­le es­se­re tuo ami­co per quel­le ra­gio­ni e chi no. La gen­te sco­pre co­me ti chia­mi e ti di­ce ti­po: “Oh, mio Dio, Hu­gh Hef­ner è tuo pa­dre. Sei un dio”. E io an­nui­sco e di­co, ok, so­no un dio. So­no un dio». Play­boy lo leg­ge? «Da pic­co­lo pren­de­vo tut­ti i vec­chi nu­me­ri, ri­ta­glia­vo le fo­to di Pa­me­la An­der­son e le te­ne­vo in un rac­co­gli­to­re. È un po’ che non lo leg­go. Ma con­ti­nuo ad amar­la quel­la ri­vi­sta». Co­sa leg­ge? «New­sweek. E leg­ge­vo il Time, ma non ap­pro­fon­di­sco­no gran­ché le storie che met­to­no in co­per­ti­na. So­no ar­ti­co­li bre­vis­si­mi. Il New­sweek ti dà più in­for­ma­zio­ni. Leg­go il New Yor­ker. Ma so­lo quan­do vo­glio leg­ge­re qual­co­sa, nel sen­so di leg­ge­re ve­ra­men­te. De­vi ave­re ener­gie per leg­ge­re tut­ta quel­la ro­ba». Le ele­zio­ni le se­gue? «No». La gen­te a scuo­la da lei ne par­la? «Di­rei di no». Ok, met­tia­mo che un gior­no lei ere­di­tas­se l’azien­da. Ha mai pen­sa­to a che co­sa cam­bie­reb­be? «Fin­tan­to che il nu­do fun­zio­na, non cre­do che cam­bie­rei gran­ché. Tran­ne for­se fa­re del­le fo­to €ghe e ar­ti­sti­che in­ve­ce dei so­li­ti set. Le ra­gaz­ze spes­so sem­bra­no tut­te man­dria­ne. Hai pre­sen­te? Io fa­rei una co­sa me­no espli­ci­ta, co­me un cor­po di­pin­to su una te­la con dei di­se­gni as­sur­di. Vor­rei far­la tor­na­re una ri­vi­sta €ga. Non co­me ades­so, che se ne par­la in mo­do doz­zi­na­le e con il lo­go a for­ma di co­ni­glio ci fan­no le ma­gliet­te». E l’este­ti­ca di Play­boy? «La fa­rei di­ven­ta­re più mul­ti­cul­tu­ra­le e di­ver­sa. Ci so­no troppe bion­de. Io me­sco­le­rei dell’al­tro. Mio pa­dre ha i suoi gu­sti, io ho i miei». Suo pa­dre, pe­rò, è un uo­mo che ha un suo ti­po di don­na spe­ci€co. Ov­ve­ro: bion­da. Ov­ve­ro: chi­rur­gi­ca­men­te ri­toc­ca­ta. Ov­ve­ro: che non ema­na una quan­ti­tà ec­ces­si­va di am­bi­zio­ne in­tel­let­tua­le. In che co­sa so­no di­ver­si i suoi di gu­sti? «Mi piac­cio­no le ra­gaz­ze bru­ne e con gli oc­chi az­zur­ri. Tut­to qui. Mi piac­cio­no le don­ne in­tel­li­gen­ti con cui po­te­re ave­re una con­ver­sa­zio­ne. La ra­gaz­za nell’inserto cen­tra­le del­la ri­vi­sta pro­ba­bil­men­te non sa­rà mai la mia €dan­za­ta per­ché non la tro­vo aŸasci­nan­te. Me ne fre­go del­le tet­te €nte €ntan­to che una ra­gaz­za ha per­so­na­li­tà, ma in ogni ca­so la mag­gior par­te del­le don­ne con le tet­te €nte non mi pia­ce. Per­ché – mi chie­do –, per­ché si è ri­fat­ta le tet­te?». Ar­ri­va il Pi­zoo­kie. Lo ser­vo­no in una te­glia da for­no e ha l’aspet­to di un cibo che po­treb­be am­maz­za­re uno ye­ti. Ok, fan­cu­lo il Pi­zoo­kie. Pri­ma di an­da­re via gli chie­do di rac­con­tar­mi una sto­ria sul­la Man­sion. «Una vol­ta ero lì con i miei ami­ci, e c’era un gi­gan­te­sco sci­vo­lo gon€abi­le, co­me quel­li del­le pi­sci­ne», di­ce. «Era mez­za­not­te, e io ero lì che di­ce­vo, vo­glio fa­re lo sci­vo­lo! Non c’era ac­qua, co­sì ci sia­mo ri­co­per­ti di olio e ab­bia­mo fat­to lo sci­vo­lo. Ab­bia­mo an­che spa­ra­to con­tro gli ospi­ti con i fu­ci­li ad aria com­pres­sa. Una vol­ta uno del­la si­cu­rez­za ci ha bloc­ca­ti. Poi c’è quell’al­tra sto­ria di­ver­ten­te…». Glie­lo chie­do in un al­tro mo­do. Ha mai vi­sto gen­te che fa­ce­va ses­so? «No. Cioè, se vai al “grot­to” men­tre c’è una fe­sta, può ca­pi­ta­re che tu ve­da qual­cu­no. So­lo che io non di­ce­vo mai. “Andiamo al ‘grot­to’ co­sì andiamo a ve­de­re la gen­te che fa ses­so”». Era mol­to più ma­tu­ro di me al­la sua età. «È so­lo che è un po’ stra­no, per­ché non so­no a ca­sa di un mio ami­co e c’è gen­te che fa ses­so. È ca­sa mia. So­lo sa­pe­re che c’è gen­te che fa ses­so a ca­sa mia mi met­te a di­sa­gio».

Quan­do ere­di­te­rò Play­boy ne fa­rò una ri­vi­sta me­no espli­ci­ta, con fo­to ar­ti­sti­che. Ora le ra­gaz­ze sem­bra­no man­dria­ne

LA PAR­TI­TA Hu­gh Hef­ner, mor­to il 27 set­tem­bre scor­so a 91 an­ni, con il fi­glio Mar­ston, all’epo­ca 18 an­ni. Si ve­de­va­no ogni mar­te­dì se­ra per una par­ti­ta a back­gam­mon.

LA PLAY­MA­TE Mar­ston Hef­ner è fi­glio di Kim­ber­ley Con­rad, play­ma­te del gen­na­io 1988. I ge­ni­to­ri si so­no se­pa­ra­ti da an­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.