RI­FA­RE L’ULI­VO

L’ETER­NA IL­LU­SIO­NE DEL­LA GAU­CHE:

Vanity Fair (Italy) - - Week -

Il sen­so di Trump per il pub­bli­co

L’Am­mi­ni­stra­zio­ne di Do­nald Trump, a par­ti­re dal com­man­der in chief, è una sor­ta di apo­lo­go vi­ven­te e re­gnan­te sull’im­prov­vi­sa­zio­ne. Il mi­ni­stro del­la Sa­ni­tà Tom Pri­ce si è di­mes­so per aver spe­so ol­tre 500 mi­la dol­la­ri dei con­tri­buen­ti ame­ri­ca­ni (ma po­treb­be­ro es­se­re mol­ti di più, se­con­do Po­li­ti­co.com) in viag­gi a bor­do di jet pri­va­ti e ae­rei mi­li­ta­ri, in­clu­sa una tra­sfer­ta da 25 mi­la dol­la­ri per la trat­ta da Wa­shing­ton a Phi­la­del­phia (spoi­ler: è co­per­ta dal tre­no!). Nell’ac­cet­ta­re le di­mis­sio­ni di Pri­ce, che ha pu­re ten­ta­to di re­sti­tui­re la ri­si­bi­le ci­fra di 52 mi­la dol­la­ri, il pre­si­den­te de­gli Sta­ti Uni­ti era più ir­ri­ta­to per i brut­ti ti­to­li di gior­na­le che di­strag­go­no l’opi­nio­ne pub­bli­ca che non per il fat­to in sé. Il go­ver­no, ha det­to Trump, sta fa­cen­do co­se ben più im­por­tan­ti, co­me ri­ne­go­zia­re il Naf­ta, l’ac­cor­do nor­da­me­ri­ca­no per il li­be­ro scam­bio, e non bi­so­gna fa­re una brut­ta im­pres­sio­ne. D’al­tron­de, che vuoi che sia mez­zo mi­lio­ne di dol­la­ri dei cit­ta­di­ni ame­ri­ca­ni? Nien­te, se sei mi­liar­da­rio. Pri­ce non è sta­to l’uni­co nel go­ver­no ame­ri­ca­no a fa­re un uso – di­cia­mo – li­be­ro del­le ri­sor­se pub­bli­che; an­che il se­gre­ta­rio del Te­so­ro, Ste­ven Mnu­chin, pa­re es­se­re piut­to­sto di­sin­vol­to. Un viag­gio fat­to con la mo­glie in Ken­tuc­ky è sot­to in­da­gi­ne dell’ispet­to­re ge­ne­ra­le del Te­so­ro, vi­sto che nel­la spe­di­zio­ne era in­clu­so an­che uno stop per ve­de­re la sto­ri­ca eclis­si del 21 ago­sto scor­so. Il di­par­ti­men­to del Te­so­ro ha di­fe­so Mnu­chin di­cen­do che l’eclis­si non era la ra­gio­ne prin­ci­pa­le del viag- gio, ma il se­gre­ta­rio-ban­chie­re non ha cer­to bi­so­gno di av­vo­ca­ti d’u cio: ha un rap­por­to per­so­na­le con il pre­si­den­te de­gli Sta­ti Uni­ti e que­sto, nell’uni­ver­so al­ter­na­ti­vo di Trump, va­le più di tut­to. L’at­tua­le go­ver­no ame­ri­ca­no sem­bra ave­re pa­rec­chi pro­ble­mi con i con­cet­ti di pub­bli­co e pri­va­to (non so­lo con quel­li, pur­trop­po). Gra­zie a un ar­ti­co­lo di Po­li­ti­co, è sta­ta av­via­ta un’in­da­gi­ne sull’uso, da par­te di mem­bri del go­ver­no, di ac­count pri­va­ti di po­sta elet­tro­ni­ca per que­stio­ni re­la­ti­ve all’Am­mi­ni­stra­zio­ne. Nell’in­da­gi­ne è coin­vol­ta an­che la ­glia di Trump, Ivanka. Le mail per­so­na­li non so­no il­le­ga­li di per sé, ma se la­vo­ri per l’Am­mi­ni­stra­zio­ne tut­to ciò che ha a che fa­re con il go­ver­no de­ve pas­sa­re at­tra­ver­so ac­count re­gi­stra­ti. Trump ci ha co­strui­to un’in­te­ra cam­pa­gna elet­to­ra­le con­tro Hil­la­ry Clin­ton, ­ni­ta sot­to ac­cu­sa per aver usa­to l’ac­count di po­sta elet­tro­ni­ca pri­va­to per co­mu­ni­ca­zio­ni u cia­li. Ver­reb­be da ri­de­re se non fos­se tut­to co­sì ma­le­det­ta­men­te se­rio, ve­di i rap­por­ti fra Sta­ti Uni­ti e Co­rea del Nord. Da gior­ni Trump chia­ma nei suoi tweet Kim Jong-un «Lit­tle Roc­ket Man» (e il dit­ta­to­re nor­d­co­rea­no a sua vol­ta gli ha da­to del paz­zo). Rex Til­ler­son, il se­gre­ta­rio di Sta­to, ha spie­ga­to di aver aper­to ca­na­li di co­mu­ni­ca­zio­ne con la Co­rea del Nord do­po set­ti­ma­ne di ten­sio­ne, ma Trump in un tweet gli ha det­to che sta per­den­do tem­po. Tut­to ve­ro.

È (di nuo­vo) l’ora dell’Ara­ba Fe­ni­ce

Ci so­no quel­li che da an­ni vo­glio­no ri­fa­re il par­ti­to co­mu­ni­sta, li­ti­gan­do, spac­can­do­si, scin­den­do­si, fon­dan­do nuo­vi par­ti­ti. Ades­so è ar­ri­va­to il tur­no di quel­li che vo­glio­no «ri­fa­re L’Uli­vo». Lo di­ce Giu­lia­no Pi­sa­pia, lo di­ce Pier Lui­gi Ber­sa­ni, lo di­co­no al­tri che se ne so­no an­da­ti dal Par­ti­to de­mo­cra­ti­co. Cir­co­la­no pu­re, nei re­tro­sce­na dei gior­na­li, pia­ni più o me­no se­gre­ti fra Ro­ma­no Pro­di, En­ri­co Let­ta e i mi­ni­stri An­drea Or­lan­do e Da­rio Fran­ce­schi­ni per li­be­rar­si di Ren­zi al­la pri­ma oc­ca­sio­ne uti­le. Il pro­ble­ma è che, di so­li­to, quan­do non si sa co­sa di­re, si di­ce che bi­so­gna ri­fa­re L’Uli­vo. Va­le un po’ per tut­to, co­me «puœare» per i Pu .

Re­sa dei con­ti Ber­lu­sco­ni-Sal­vi­ni

Pri­ma o poi l’eter­no duel­lo fra Ber­lu­sco­ni e Sal­vi­ni dovrà con­clu­der­si. Il cen­tro­de­stra per ades­so è uni­to so­lo sul­la car­ta ma è al­ta­men­te com­pe­ti­ti­vo, co­me ab­bia­mo già spie­ga­to nel­le set­ti­ma­ne scor­se oc­cu­pan­do­ci del­le pros­si­me ele­zio­ni re­gio­na­li in Si­ci­lia. Re­sta aper­to e in­tat­to pe­rò un pro­ble­ma di lea­der­ship: Ber­lu­sco­ni non è can­di­da­bi­le ma è più ra­gio­ne­vo­le di mol­ti nel cen­tro­de­stra, Sal­vi­ni in­ve­ce vuo­le fa­re una Le­ga na­zio­na­le pen­san­do di po­ter agil­men­te su­pe­ra­re il suo pro­ble­ma del con­sen­so nel Mez­zo­gior­no. Ma so­prat­tut­to c’è un pro­ble­ma enor­me di iden­ti­tà po­li­ti­ca da chia­ri­re: fra le ri­vo­lu­zio­ni li­be­ra­li fal­li­te di Ber­lu­sco­ni e il se­cu­ri­ta­ri­smo an­ti­mi­gran­ti di Sal­vi­ni c’è una no­te­vo­le diœeren­za.

ab­bia­moNoi PAU­RE ita­lia­ni pau­ra dei mi­gran­ti per­ché non li co­no­scia­mo, lo­ro in­ve­ce han­no pau­ra di noi per­ché ci co­no­sco­no. CAINO

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.