JO­NAS, LO SCO­NO­SCIU­TO CHE SO­GNA L’OSCAR

L’in­fan­zia tra il Bro­nx e Mon­te Por­zio Ca­to­ne, le dif icol­tà per rea­liz­za­re il suo pri­mo ilm, la chi­me­ra del­la Sta­tuet­ta. Car­pi­gna­no, il re­gi­sta vo­ta­to al Neo­rea­li­smo, si rac­con­ta: «L’Ame­ri­ca? È un ri­tor­no»

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Allo Specchio - di JO­NAS CAR­PI­GNA­NO fo­to JAY L. CLENDENIN

Mi chia­mo Jo­nas Car­pi­gna­no e di re­cen­te è suc­ces­sa una co­sa ina­spet­ta­ta: il mio lm A Ciam­bra è sta­to scel­to per rap­pre­sen­ta­re l’Ita­lia agli Oscar e ora mi si chie­de di di­re qual­co­sa su me stes­so, for­se per ca­pi­re co­me tut­to que­sto sia sta­to pos­si­bi­le. Non è una co­sa fa­ci­le, so­prat­tut­to per­ché non so­no abi­tua­to a far­lo. So it goes. So­no na­to a New York il 16 gen­na­io 1984. So­no cre­sciu­to nel Bro­nx, in un quar­tie­re pie­no di afroa­me­ri­ca­ni e im­mi­gra­ti dai Ca­rai­bi, tra i qua­li mia ma­dre, na­ta a New York ma di una fa­mi­glia ori­gi­na­ria del­le Bar­ba­dos. Con l’Ita­lia, il Pae­se di mio pa­dre, ho sem­pre avu­to un lo di­ret­to. Ho pas­sa­to la mia in­fan­zia fa­cen­do la spo­la tra il Bro­nx e Mon­te Por­zio Ca­to­ne, un pic­co­lo bor­go vi­ci­no Fra­sca­ti, do­ve vi­ve­va­no i miei nonni e do­ve ogni an­no tor­na­vo spes­so di so­li­to per me­si. Da ado­le­scen­te, un ado­le­scen­te chias­so­so e ar­ro­gan­te co­me qua­si tut­ti gli ado­le­scen­ti, al ci­ne­ma e al­le sue pos­si­bi­li­tà pen­sa­vo po­co. Ep­pu­re il per­cor­so che mi ha por­ta­to in Ca­la­bria a fa­re un film pri­ma su­gli im­mi­gra­ti afri­ca­ni e poi sui Rom del­la Ciam­bra (il no­me del quar­tie­re di Gio­ia Tau­ro do­ve vi­vo­no e da cui pren­de no­me il lm) era for­se già iscrit­to nel Dna del­la mia fa­mi­glia. In­tan­to la mo­bi­li­tà: i Car­pi­gna­no so­no sem­pre an­da­ti da Nord a Sud e da un la­to all’al­tro dell’ocea­no. Lo han­no fat­to i miei nonni – lui to­ri­ne­se, lei ve­ne­zia­na – quan­do dal Set­ten­trio­ne si so­no spo­sta­ti a Ro­ma su­bi­to do­po la guer­ra. L’ha fat­to mio pa­dre quan­do, do­po una mi­li­tan­za nei mo­vi­men­ti del ’68 a Ro­ma, è ni­to a fa­re il pro­fes­so­re di so­cio­lo­gia del­la co­mu­ni­ca­zio­ne a New York. Io ho fat­to la stes­sa co­sa, so­lo all’in­ver­so, da New York a Ro­ma e poi in Ca­la­bria. E poi il ci­ne­ma, l’al­tra com­po­nen­te del­la mia sto­ria fa­mi­lia­re. Mia non­na pa­ter­na, Ra™ael­la, era la so­rel­la di Lu­cia­no Em­mer, il re­gi­sta di Do­me­ni­ca d’ago­sto. Mio non­no, Vit­to­rio, lo co­nob­be fre­quen­tan­do il Cen­tro Spe­ri­men­ta­le di Ci­ne­ma­to­gra a, e col­la­bo­ra­ro­no a lm e do­cu­men­ta­ri. Ne­gli an­ni ’60 non­no Vit­to­rio creò con al­tri una ca­sa di pro­du­zio­ne per l’al­lo­ra na­scen­te Ca­ro­sel­lo e per il re­sto del­la sua vi­ta fu re­gi­sta e pro­dut­to­re di lm pub­bli­ci­ta­ri. Tra i miei luo­ghi d’ele­zio­ne esi­ste­va un con­tra­sto cul­tu­ra­le ve­ra­men­te for­te. In Ita­lia, in ca­sa di mio non­no, ma­la­to del­la ma­te­ria, si par­la­va di ci­ne­ma in con­ti­nua­zio­ne. Va­ri dei miei fa­mi­lia­ri in Ame­ri­ca in­ve­ce era­no mu­si­ci­sti. Nel­la mi­to­lo­gia ca­sa­lin­ga non man­ca­va nean­che uno zio, no­to mu­si­ci­sta jazz, dan­za­to con El­la Fi­tz­ge­rald che can­ta­va le nin­ne nan­ne al­la mia mam­ma quan­do era bam­bi­na. Mi pia­ce­reb­be po­ter rac­con­ta­re che, co­me i fra­tel­li Coen, ero uno di quei bam­bi­ni che già a tre an­ni gi­ra­va lm in Su­per 8. Ma an­che se non era co­sì, sen­to di es­se­re sta­to for­tu­na­to ad ave­re tut­te quel­le di­ver­se in¢uen­ze cul­tu­ra­li. All’uni­ver­si­tà sco­prii di ave­re una cul­tu­ra ci­ne­ma­to­gra ca che i miei coe­ta­nei non pos­se­de­va­no. Non ero cer­to un esper­to, ma nean­che un ra­gaz­zo che non sa­pe­va di­stin­gue­re Ros­sel­li­ni da Vi­scon­ti. Co­me te­si di lau­rea, al­la We­sleyan Uni­ver­si­ty, pre­sen­tai un cor­to­me­trag­gio che era una sor­ta di omag­gio a Da­rio Ar­gen­to e a Ma­rio Ba­va. Su­bi­to do­po, a 21 an­ni, de­ci­si che era ora di cam­bia­re aria de­fi­ni­ti­va­men­te. Co­sì in­co­min­ciò la mia vi­ta tut­ta ita­lia­na, stu­dian­do e la­vo­ran­do su va­ri set, fi­no ad ar­ri­va­re a fa­re l’as­si­sten­te di Spi­ke Lee quan­do gi­rò un suo lm in Ita­lia. Con il tem­po ini­ziai a pen­sa­re al mio pri­mo lm, Me­di­ter­ra­nea. Im­ma­gi­nar­lo, met­ter­lo in pie­di e in ne rea­liz­zar­lo è sta­ta du­ra. Se fos­si ap­pas­sio­na­to di astro­lo­gia di­rei che so­no un ve­ro Capricorno. Uno che non mol­la. De­ve es­se­re ve­ro per­ché Me­di­ter­ra­nea ha rap­pre­sen­ta­to un’im­pre­sa lun­ga 5 an­ni. Ave­vo scel­to di rac­con­ta­re la sto­ria di un viag­gio dall’Afri­ca e del­la ri­vol­ta de­gli im­mi­gra­ti afri­ca­ni di Ro­sar­no. Mi ero ca­la­to nel­la real­tà ca­la­bre­se e in quel­la non me­no com­pli­ca­ta del re­pe­ri­re i fon­di per gi­ra­re il mio lm. Pro­prio men­tre fa­ce­vo i so­pral­luo­ghi in Ca­la­bria ci ru­ba­ro­no la mac­chi­na con il ma­te­ria­le di ri­pre­sa a bor­do. Ero di­spe­ra­to. Un mio ca­ris­si­mo ami­co mi dis­se: «De­vi par­la­re agli zin­ga­ri». Se­guii il suo con­si­glio. Lo­ro ne­ga­ro­no la re­spon­sa­bi­li­tà del fur­to, ma mi fe­ce­ro ca­pi­re che in cam­bio di un po’ di de­na­ro avreb­be­ro sa­pu­to a chi ri­vol­ger­si per re­cu­pe­rar­la. La trat­ta­ti­va fu lun­ga e du­rò qual­che gior­no, pro­prio nel mo­men­to in cui fer­ve­va­no i pre­pa­ra­ti­vi per il fu­ne­ra­le del non­no di Pio, il futuro pro­ta­go­ni­sta di A Ciam­bra, du­ra­to tre gior­ni. Ero in­caz­za­to ne­ro, ma la rab­bia era ac­com­pa­gna­ta dal­la cu­rio­si­tà. Da un la­to ero pre­oc­cu­pa­to per la mac­chi­na e so­prat­tut­to per quel che c’era den­tro, ma al tem­po stes­so non po­te­vo fa­re a me­no di es­se­re a™asci­na­to dal­le di­na­mi­che an­ce­stra­li che os­ser­va­vo con i miei oc­chi nel­la Ciam­bra. A un cer­to pun­to mi re­si con­to che in quel po­sto, ret­to da re­go­le in­com­pren­si­bi­li al­la mag­gior par­te del mon­do, c’era­no re­go­le che vo­le­vo ca­pi­re e de­ci­fra­re, c’era un lo che vo­le­vo se­gui­re. Che lì sa­rei tor­na­to a rac­con­ta­re un’al­tra sto­ria. Quel­la sto­ria. Non mi sen­to vi­ci­no a quel­li che co­me il grup­po Dog­ma ’95 di­co­no: «Il ci­ne­ma de­ve es­se­re per for­za co­sì». Per me il ci­ne­ma, so­prat­tut­to quel­lo del “rea­le”, non ha re­go­le este­ti­che e for­ma­li pre­ci­se, de­ve tro­va­re il mo­do di far av­vi­ci­na­re mon­di che al­tri­men­ti non sa­reb­be­ro in con­tat­to e ab­bat­te­re bar­rie­re. Il ci­ne­ma non è so­lo la rap­pre­sen­ta­zio­ne di una sto­ria, ma de­ve ten­ta­re di co­glie­re tut­to quel­lo che c’è in­tor­no per far vi­ve­re il pub­bli­co in un al­tro luo­go e in un’al­tra di­men­sio­ne. È quel­lo che ho cer­ca­to di fa­re con A Ciam­bra, fo­to­gra­fan­do e poi gi­ran­do in quei luo­ghi per mol­to tem­po. Quel­le fo­to so­no ar­ri­va­te sul ta­vo­lo di Scor­se­se che ha de­ci­so di co­pro­dur­re que­sto pic­co­lo lm che ora – un cer­chio che si chiu­de – ar­ri­va in Ame­ri­ca. Do­vrò an­da­re lì a pro­muo­ve­re il lm. An­co­ra non so­no riu­sci­to a ren­der­mi con­to di che co­sa mi aspet­ti e ho un po’ di an­go­scia. Ma an­da­re a gio­ca­re una par­ti­ta in tra­sfer­ta, qua­si co­me se fos­si in ca­sa, mi ras­si­cu­ra. Va­do in un luo­go che conosco be­ne. E spe­ro che sia co­me an­da­re in bi­ci­clet­ta do­po un po’ di tem­po che non lo fai. All’ini­zio sei ti­tu­ban­te, poi in un istan­te ri­cor­di co­me fa­re. Sen­to un cer­to or­go­glio e vo­glio con­di­vi­der­lo con chi, da Ali­ce Rohr­wa­cher a Pie­tro Mar­cel­lo, ha rea­liz­za­to lm bel­lis­si­mi por­tan­do avan­ti una bat­ta­glia che ha aper­to le por­te per un

lm co­me A Ciam­bra. Cre­do che la scel­ta di A Ciam­bra sia avvenuta gra­zie an­che a una stra­da che lo­ro han­no già asfal­ta­to. Pro­ve­rò a en­tra­re in que­st’al­tro mon­do e ten­te­rò di es­se­re il ca­val­lo di Tro­ia che le con­tie­ne tut­te.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.