I GE­NI­TO­RI ERA­NO SUL SET IN AN­SIA,

«LA SCE­NA IN CUI MI DE­STREG­GIO CON 7 NEO­NA­TI ERA DI­VER­TEN­TE: PEC­CA­TO SIA STA­TA TA­GLIA­TA»

Vanity Fair (Italy) - - Spy -

Lei la­vo­ra spes­so con gli stes­si re­gi­sti, co­me mai? Pre­fe­ri­sce la­vo­ra­re con gli ami­ci? «So­no più uno che si ap­pas­sio­na che un pro­fes­sio­ni­sta. Cioè, so­no un pro­fes­sio­ni­sta, so­no mol­to se­rio sul la­vo­ro, ma ho una lun­ga espe­rien­za tea­tra­le, ho la mia com­pa­gnia (The Woo­ster Group, ndr) e ho vi­sto che co­sa si­gni­fi­ca quan­do i pro­get­ti so­no fi­gli di una co­mu­ni­tà in­te­ra. An­che quan­do si gi­ra un film in fon­do si crea una pic­co­la fa­mi­glia, so­prat­tut­to se è con per­so­ne con cui si la­vo­ra spes­so. Cer­to, co­me in tut­te le fa­mi­glie al­cu­ni mem­bri ma­ga­ri so­no più ge­ne­ro­si di al­tri, al­tri so­no più pro­ble­ma­ti­ci». Un per­so­nag­gio quan­to di­pen­de dal­la vi­sio­ne del re­gi­sta e quan­to da quel­la dell’at­to­re che lo in­ter­pre­ta? «Co­me at­to­re il mas­si­mo del­la per­for­man­ce è as­si­mi­la­re la vi­sio­ne del re­gi­sta e far­la pro­pria. Se il re­gi­sta è una per­so­na intelligente, c’è ab­ba­stan­za li­ber­tà per crea­re, in­sie­me, un qual­co­sa che nes­su­no dei due da so­lo po­treb­be crea­re. Al­tri re­gi­sti in­ve­ce ti fan­no sen­ti­re che han­no bi­so­gno di te e per un at­to­re è una co­sa lu­sin­ghie­ra». Per esem­pio? «Lars von Trier. Quan­do gi­ram­mo An­ti­chri­st era mol­to de­pres­so. Pri­ma di ini­zia­re le ri­pre­se ci con­vo­cò e ci dis­se a tut­ti: “Nel caso non riu­scis­si a fi­ni­re il film, vi chie­do scu­sa fin da ora”. Ov­via­men­te non suc­ces­se, tut­ti i gior­ni era sul set, ma evi­den­te­men­te ave­va bi­so­gno di sa­pe­re che noi l’avrem­mo ac­cet­ta­to, che era­va­mo lì per lui». Mai pen­sa­to di fa­re lei il re­gi­sta? «No. Non mi pia­ce do­ver di­re al­la gen­te che co­sa de­ve fa­re». La sua car­rie­ra è fat­ta di per­so­nag­gi an­che estre­mi. Pen­sa che il suo vol­to ab­bia in­fluen­za­to i ti­pi di ruo­li che le han­no of­fer­to in pas­sa­to? «As­so­lu­ta­men­te. A me­no di non es­se­re con­ven­zio­nal­men­te bel­lo, se po­co po­co il tuo vi­so è ir­re­go­la­re, le par­ti per te so­no quel­le da uo­mo com­pli­ca­to, quan­do non di­ret­ta­men­te da psi­co­pa­ti­co». Quin­di in­vec­chia­re l’ha re­sa più nor­ma­le. «Esat­to. E in­fat­ti in The Flo­ri­da Project in­ter­pre­to fi­nal­men­te un uo­mo co­mu­ne». Il film ha ri­ce­vu­to cri­ti­che ot­ti­me. Si par­la di una sua can­di­da­tu­ra all’Oscar. «È sta­ta un’espe­rien­za mol­to in­te­res­san­te: è un film do­ve non c’è nes­sun col­po di sce­na, non ho al­cun han­di­cap, non bru­ta­liz­zo nes­su­no e non ven­go bru­ta­liz­za­to da nes­su­no. So­no un uo­mo co­mu­ne, ma è un ruo­lo mol­to com­ples­so perché, esat­ta­men­te co­me suc­ce­de nel­la vi­ta, so­no co­stret­to a por­ta­re ma­sche­re di­ver­se a se­con­da del­la si­tua­zio­ne. Tut­to il film è un bel­lis­si­mo ri­trat­to di per­so­ne che so­no sta­te la­scia­te in­die­tro dal­la so­cie­tà e che cer­ca­no di da­re il me­glio di lo­ro stes­se pur tro­van­do­si in si­tua­zio­ni dif­fi­ci­li». Al­ter­na­re i film com­mer­cia­li a pic­co­le pro­du­zio­ni è sta­ta una scel­ta di car­rie­ra pre­ci­sa? «Muo­ver­mi in am­bien­ti di­ver­si fa be­ne al­la mia cu­rio­si­tà e al mio spi­ri­to, ma non so quan­to sia con­ve­nien­te da un pun­to di vi­sta del­la car­rie­ra. An­zi, for­se non fa be­ne af­fat­to nel sen­so che, se fai sem­pre un cer­to ti­po di film, per il pub­bli­co di quei film sei sem­pre pre­sen­te, men­tre, se ti muo­vi da un mon­do all’al­tro, un cer­to pub­bli­co ti ve­de ogni due, tre an­ni». Pre­mes­so che ne di­mo­stra 40, tro­var­si a 62 an­ni com’è? «Mi pren­do cu­ra di me stes­so e ho una mo­glie gio­va­ne (la re­gi­sta ita­lia­na Giada Co­la­gran­de, ndr), sa­rà per quel­lo. Scher­zi a par­te, che co­sa pos­so di­re sull’in­vec­chia­re? Che quan­do ar­ri­vi a un cer­to pun­to la vi­ta ac­ce­le­ra, tut­to si fa più ve­lo­ce. E poi si di­ven­ta più fles­si­bi­li: ri­spet­to a quan­do ero più gio­va­ne, ora la gen­te mi pia­ce di più». A vent’an­ni com’era? «Fa­ce­vo tea­tro e non pen­sa­vo al­la car­rie­ra, non ave­vo nien­te, non sa­pe­vo che co­sa mi sa­reb­be suc­ces­so il gior­no do­po. Ora è di­ver­so. I gio­va­ni han­no un fal­so sen­so di li­ber­tà da­to da In­ter­net e pen­sa­no che tut­to gli sia do­vu­to, so­no si­cu­ra­men­te più ma­te­ria­li­sti del­la mia ge­ne­ra­zio­ne». La te­le­vi­sio­ne vi­ve un mo­men­to d’oro e mol­ti at­to­ri di Hol­ly­wood ne stan­no ap­pro­fit­tan­do. La ve­dre­mo in qual­che se­rie? «No. So­no vec­chia ma­nie­ra. La te­le­vi­sio­ne è un’espe­rien­za di­ver­sa. Fa­re film è sem­pre più dif­fi­ci­le, ma il ci­ne­ma è il luo­go do­ve il re­gi­sta è il so­vra­no e io, co­me si sa­rà ca­pi­to, so­no at­trat­to dall’idea di la­vo­ra­re con re­gi­sti dal­la for­te per­so­na­li­tà. E poi non cre­do che ave­re tan­to tem­po a di­spo­si­zio­ne per rac­con­ta­re una sto­ria al­le vol­te sia un be­ne: il ci­ne­ma ti co­strin­ge ad an­da­re di cor­sa e a non pen­sa­re trop­po al pub­bli­co, e que­sto se­con­do me è po­si­ti­vo». De­du­co quin­di che non guar­di la te­le­vi­sio­ne. «Quan­do so­no a casa leg­go o cu­ci­no. E, sic­co­me non vo­glio pas­sa­re per snob, le di­co che, quan­do non tro­ve­rò più la­vo­ro nel ci­ne­ma, cam­bie­rò opi­nio­ne e ac­cet­te­rò un ruo­lo in una qua­lun­que se­rie».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.