TI VIE­NE VO­GLIA DI POL­LO»

«NON CI CO­STRIN­GO­NO CER­TO, MA È CO­ME ES­SER­NE MEN­TAL­MEN­TE SCHIAVI: AN­CHE SO­LO A PAR­LAR­NE

Vanity Fair (Italy) - - Spy -

per poi mo­ri­re all’ospe­da­le due gior­ni do­po. A det­ta dei me­di­ci, fra le cau­se del­la sua mor­te c’è l’aver tra­scu­ra­to la pres­sio­ne al­ta: non da­va ret­ta a chi le con­si­glia­va di cam­bia­re abi­tu­di­ni ali­men­ta­ri e non po­te­va per­met­ter­si tut­ti i far­ma­ci che le ve­ni­va­no pre­scrit­ti per con­te­ne­re la pa­to­lo­gia. I suoi fa­mi­lia­ri so­no con­vin­ti che a far­la di­ven­ta­re obe­sa e uc­ci­der­la sia sta­to l’amo­re per il ci­bo frit­to e trop­po gras­so. Il fi­glio di Acheam­pong, Al­fred Osei Tu­tu, di­ce che al fa­st food man­gia­va so­lo ogni tan­to, e mai da Kfc. Ma le era ve­nu­ta una pas­sio­ne per quel ti­po di ci­bo, che di so­li­to si cu­ci­na­va nel­la sua casa di Ac­cra, do­ve quin­di­ci an­ni pri­ma si era tra­sfe­ri­ta dal vil­lag­gio, per cer­ca­re un la­vo­ro mi­glio­re. Acheam­pong rien­tra in pie­no nel­la ca­te­go­ria più col­pi­ta dall’obe­si­tà in Gha­na: le don­ne che vi­vo­no in cit­tà. Da uno stu­dio pub­bli­ca­to l’an­no scor­so sul­la ri­vi­sta Bmc Me­di­ci­ne emer­ge che l’obe­si­tà fra le don­ne dei cen­tri ur­ba­ni è al 34 per cen­to, men­tre per gli uo­mi­ni il tas­so è del 7 per cen­to. «Più hai sol­di, più man­gi», con­clu­de il fi­glio Al­fred. Il pre­si­den­te Na­na Aku­fo-Ad­do, in ca­ri­ca dal­lo scor­so gen­na­io, ha co­min­cia­to a man­te­ne­re la pro­mes­sa fat­ta in cam­pa­gna elet­to­ra­le di co­strui­re una fab­bri­ca in cia­scu­no dei 216 di­stret­ti in cui è sud­di­vi­so il Gha­na. Co­me mol­ti suoi con­na­zio­na­li, è in so­vrap­pe­so e si di­ce pre­oc­cu­pa­to da que­sta im­pen­na­ta del tas­so di obe­si­tà e del­le ma­lat­tie col­le­ga­te. Lo è an­che dal­la dif­fu­sio­ne dei ri­sto­ran­ti fa­st food che sta all’ori­gi­ne del fe­no­me­no, ma ag­giun­ge di non vo­ler in­ter­ve­ni­re: «So­no con­tra­rio a vie­ta­re le co­se». Aku­fo-Ad­do vor­reb­be af­fron­ta­re il pro­ble­ma esten­den­do la co­per­tu­ra sa­ni­ta­ria na­zio­na­le. An­che se, am­met­te, non è fa­ci­le, con­si­de­ra­ti i co­sti. Per il mo­men­to si li­mi­ta a ri­pe­te­re le pa­ro­le di al­tri lea­der afri­ca­ni e del­le stes­se azien­de ali­men­ta­ri: «Oc­cor­re sen­si­bi­liz­za­re la po­po­la­zio­ne su qua­li abi­tu­di­ni ali­men­ta­ri van­no be­ne e qua­li no». Il pa­laz­zo del­la pre­si­den­za si tro­va a po­chi pas­si dal Kfc più fre­quen­ta­to del Gha­na, do­ve un sa­cer­do­te part-ti­me di no­me Jo­shua Ed­wards è ve­nu­to a com­pra­re il pol­lo per cin­que bam­bi­ni che vi­vo­no in un or­fa­no­tro­fio. «La sa­lu­te è vi­ta, e io al­la vi­ta de­vo star­ci at­ten­to», di­ce. «Il mio cor­po ser­ve a Dio per met­te­re in pra­ti­ca la sua glo­ria». Ep­pu­re, di­ce Ed­wards, al Kfc ci vie­ne qua­si tut­ti i gior­ni. «È il sa­po­re», di­ce, «a dar­ti la di­pen­den­za». «Cer­to, non è che ci co­strin­ga­no a man­gia­re qui», ag­giun­ge, «ma è co­me se men­tal­men­te ne fos­si­mo di­ven­ta­ti schiavi: ti vie­ne vo­glia di pol­lo an­che so­lo a par­lar­ne». (tra­du­zio­ne di Mat­teo Co­lom­bo)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.