Era mio non­no

So­no in mostra, a Pa­ri­gi, le ope­re di PI­CAS­SO sul­la fi­glia Ma­ya. La ni­po­te Dia­na Wid­ma­ier ci rac­con­ta perché con l’ar­ti­sta «non ci si an­no­ia mai»

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem Tutto In Famiglia - Di CAR­LA BARDELLI

So­no ge­ne­ti­ca­men­te in­te­res­sa­ta all’ero­ti­smo di Pa­blo Pi­cas­so», mi di­ce sua ni­po­te Dia­na Wid­ma­ier Pi­cas­so, cu­ra­tri­ce del­la mostra più in­ti­ma mai or­ga­niz­za­ta sul ge­nia­le ar­ti­sta spa­gno­lo. Nel­la gal­le­ria Ga­go­sian di Pa­ri­gi, è co­me se il suo al­bum di fa­mi­glia fos­se ap­pe­so ai mu­ri: ri­trat­ti, fo­to­gra­fie, schiz­zi e qua­dri di sua ma­dre e sua non­na. Fi­no al 22 di­cem­bre Pi­cas­so and Ma­ya: Father and Daughter rac­con­ta la sto­ria adul­te­ra e in­ten­sa fra il pit­to­re e Ma­rieT­hé­rè­se Wal­ter, con la na­sci­ta di Ma­ya, «la fi­glia in cui mio non­no si è ri­co­no­sciu­to», che og­gi ha 82 an­ni. Pa­blo Pi­cas­so ave­va già avu­to un fi­glio ma­schio, Pau­lo, na­to dal suo ma­tri­mo­nio con Ol­ga, che mal­trat­tò per tut­ta la vi­ta. Ma­ya in­ve­ce il pa­dre l’ado­rò fin dal­la na­sci­ta. La pro­va è nel­la sua ope­ra: di­pin­ti, di­se­gni e scul­tu­re del­la fi­glia, neo­na­ta at­tac­ca­ta al se­no del­la ma­dre, bam­bi­na e poi ado­le­scen­te, fi­no al­le fo­to­gra­fie che li ri­trag­go­no adul­ti. Di­ven­ta­ta sei me­si fa, a 43 an­ni, ma­dre di Lu­na, Dia­na Wid­ma­ier Pi­cas­so ha «con­ce­pi­to que­sta mostra in­cin­ta», mi rac­con­ta se­du­ta nel­la gal­le­ria pa­ri­gi­na. Sia­mo in una gal­le­ria d’ar­te, ma tut­to è tal­men­te in­ti­mo… Le ope­re espo­ste so­no in ven­di­ta? «Qua­si nien­te è in ven­di­ta. Ci so­no fo­to­gra­fie mai espo­ste, qua­dri e di­se­gni che tor­ne­ran­no nel­le col­le­zio­ni pri­va­te. Men­tre le li­to­gra­fie, ti­ra­te in va­ri esem­pla­ri, so­no sul mer­ca­to. E an­che i di­pin­ti, che ap­par­ten­go­no a pri­va­ti, po­treb­be­ro pas­sa­re di ma­no. Le ope­re d’ar­te ap­par­ten­go­no al mon­do, ma in que­sto caso ci so­no pez­zi che non han­no prez­zo e non ver­ran­no ven­du­ti». Com’è na­ta l’idea di que­sta mostra? «Ave­vo già col­la­bo­ra­to con Ga­go­sian, so­prat­tut­to sul­le scul­tu­re di Pi­cas­so, di cui so­no esper­ta. Mi è pia­ciu­ta l’idea di espor­lo in una gal­le­ria d’ar­te con­tem­po­ra­nea, per iscri­ver­lo in un pre­sen­te che in qual­che mo­do gli ap­par­tie­ne. Ho avu­to car­ta bian­ca, ero in­cin­ta di Lu­na e mi af­fa­sci­na­va l’idea di ve­de­re mia ma­dre Ma­ya neo­na­ta, di­se­gna­ta da suo pa­dre, la ma­ter­ni­tà, l’al­lat­ta­men­to al se­no... Co­sì ho cer­ca­to le ope­re che la rap­pre­sen­ta­va­no e poi ho ag­giun­to mia non­na, Ma­rie-Thé­rè­se, per com­ple­tez­za». Il ri­sul­ta­to è pia­ciu­to a sua ma­dre? «L’ha ado­ra­to! Ha vi­sto nel­le ope­re la

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.