SU­PER PA­DRO­NI

Un pro­fes­so­re del­la New York Uni­ver­si­ty, SCOTT GAL­LO­WAY, spie­ga i ri­schi del­la no­stra di­pen­den­za dal­le 4 me­ga-azien­de più po­ten­ti del pia­ne­ta

Vanity Fair (Italy) - - Week - di LU­CIA­NA GROS­SO

Se lo scan­da­lo Cam­brid­ge Ana­ly­ti­ca, con i pro­fi­li Fa­ce­book trac­cia­ti e pro­fi­la­ti (240 mi­la so­lo in Ita­lia, 87 mi­lio­ni nel mon­do), vi ha fat­to per­de­re fi­du­cia in Fa­ce­book, e vi ha fat­to sen­ti­re os­ser­va­ti, spia­ti e so­prat­tut­to sven­du­ti a fi­ni elet­to­ra­li o com­mer­cia­li, po­tre­ste non ave­re tor­to. Il li­bro The Four - I pa­dro­ni, del pro­fes­so­re di mar­ke­ting Scott Gal­lo­way (Hoe­pli, pagg. 394, € 24,90), scrit­to mol­to pri­ma del­lo scan­da­lo del­le ul­ti­me set­ti­ma­ne, ave­va am­pia­men­te pre­vi­sto e spie­ga­to che co­sa non va in Fa­ce­book, azien­da or­mai trop­po gran­de e pre­sen­te nel­le no­stre vi­te per es­se­re con­si­de­ra­ta so­lo un so­cial net­work. Se è ve­ro che il so­cial di Mark Zuc­ker­berg (sot­to) ha cer­ta­men­te mi­glio­ra­to la co­mu­ni­ca­zio­ne tra per­so­ne ed è «il mag­gior suc­ces­so del­la sto­ria» – vi­sto che in me­no di die­ci an­ni ha rac­col­to più di due mi­liar­di e mez­zo di uten­ti (tan­ti quan­ti so­no i cri­stia­ni nel mon­do) e va­le og­gi cir­ca 500 mi­liar­di di dol­la­ri – non si può ne­ga­re che è avi­do di in­for­ma­zio­ni sul no­stro con­to, an­che di quel­le che dia­mo in­con­sa­pe­vol­men­te. Per esem­pio, sa ca­pi­re, sen­za an­da­re trop­po per il sot­ti­le con le que­stio­ni di pri­va­cy, di che umo­re sia­mo, co­sa vo­tia­mo, di chi sia­mo se­gre­ta­men­te in­na­mo­ra­ti, e può ascol­ta­re, dal mi­cro­fo­no del cel­lu­la­re, an­che le no­stre con­ver­sa­zio­ni. Ma Fa­ce­book è so­lo uno dei «quat­tro ca­va­lie­ri» o me­ga-azien­de che in­vi­tia­mo a en­tra­re nei con­te­sti più in­ti­mi del­la no­stra vi­ta ogni gior­no e che non han­no a cuo­re i no­stri in­te­res­si...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.