NA­DIA, AL­LA VO­CE PRE­MIO NO­BEL

Vanity Fair (Italy) - - Next -

—Era esta­te. An­da­va tut­to be­ne. Poi so­no ar­ri­va­ti lo­ro. Ed è fi­ni­to tut­to

N adia Mu­rad – che ve­ner­dì 5 ot­to­bre è sta­ta in­si­gni­ta del No­bel per la Pa­ce a 25 an­ni – è una don­na mol­to co­rag­gio­sa. An­che se non par­las­se, quel che ha vis­su­to le si leg­ge­reb­be ne­gli oc­chi, che so­no sem­pre tri­sti e trop­po stan­chi, gli oc­chi di chi ha vi­sto qual­co­sa di mol­to brut­to che non si può as­so­lu­ta­men­te di­men­ti­ca­re. Ma Na­dia par­la, par­la, par­la e rac­con­ta co­se che non vor­rem­mo ascol­ta­re e che in­ve­ce dob­bia­mo ascol­ta­re con mol­ta at­ten­zio­ne. Rac­con­ta che l’esta­te dei suoi ven­tun an­ni, men­tre la­vo­ra­va in cam­pa­gna con la fa­mi­glia, una squa­dra dell’Isis ar­ri­vò a Ko­cho, nel nord dell’Iraq, e uc­ci­se tut­ti gli uo­mi­ni del pae­se e mol­ti bam­bi­ni tra i qua­li sei suoi fra­tel­li, e do­po ra­pì tut­te le don­ne per far­ne schia­ve ses­sua­li. Na­dia rac­con­ta. Del­la pri­ma vol­ta che l’han­no por­ta­ta in una stan­za pie­na di sol­da­ti fi­no a quan­do non è sve­nu­ta. Del­la pri­ma vol­ta che ha cer­ca­to di scap­pa­re e per pu­ni­zio­ne l’han­no stu­pra­ta in sei con­tem­po­ra­nea­men­te. Dell’uo­mo gi­gan­te­sco che l’ha com­pra­ta per pri­mo e poi l’ha ri­ven­du­ta. Del­le sue com­pa­gne, ami­che, so­rel­le, an­co­ra pri­gio­nie­re de­gli stu­pra­to­ri. Rac­con­ta del­la fa­mi­glia mu­sul­ma­na che l’ha na­sco­sta per di­cias­set­te gior­ni l’ul­ti­ma vol­ta che ha pro­va­to a fug­gi­re, e che co­sì l’ha sal­va­ta, gra­zie al ve­lo in­te­gra­le che l’ha co­per­ta e ai do­cu­men­ti fal­si che que­sta fa­mi­glia di bra­ve per­so­ne sco­no­sciu­te le ha pro­cu­ra­to. Gra­zie a lo­ro da Mo­sul Na­dia è riu­sci­ta ad ar­ri­va­re in Ger­ma­nia. Lei e le sue com­pa­gne era­no sta­te ra­pi­te du­ran­te la gran­de of­fen­si­va del­lo Sta­to Isla­mi­co a Si­n­jar: gli stu­pri e gli al­tri abu­si com­piu­ti dai mi­li­zia­ni so­no am­pia­men­te do­cu­men­ta­ti da di­ver­se in­chie­ste gior­na­li­sti­che – tra le qua­li una mol­to im­por­tan­te del New York Ti­mes che rac­con­ta co­me lo stu­pro sia un me­to­do estre­ma­men­te pre­ci­so teo­riz­za­to e poi mes­so in at­to dall’Isis per di­strug­ge­re la mi­no­ran­za ya­zi­da, al­la qua­le ap­par­tie­ne Na­dia Mu­rad. Due an­ni fa, quan­do Na­dia ha vin­to il Pre­mio Sa­kha­rov per la li­ber­tà di pen­sie­ro, il più im­por­tan­te ri­co­no­sci­men­to per i di­rit­ti uma­ni in Eu­ro­pa as­se­gna­to dal Par­la­men­to eu­ro­peo, noi di Va­ni­ty Fair l’ave­va­mo in­ter­vi­sta­ta e an­che al­lo­ra ci ave­va rac­con­ta­to tut­to. Ter­mi­nan­do il suo rac­con­to con pa­ro­le sem­pli­ci che ti fa­ce­va­no ge­la­re il san­gue: «Era esta­te. An­da­va tut­to be­ne. Poi so­no ar­ri­va­ti lo­ro. Ed è fi­ni­to tut­to». Do­po pe­rò ave­va an­che det­to: «So­lo una vol­ta ar­ri­va­ta in Eu­ro­pa mi so­no sen­ti­ta in sal­vo, per­ché so­lo in Eu­ro­pa ho tro­va­to ascol­to. Nes­su­no pri­ma me lo ave­va vo­lu­to da­re». Ec­co, ogni tan­to do­vrem­mo ri­cor­da­re che tut­to ciò che dia­mo per scon­ta­to – il ri­spet­to per le mi­no­ran­ze, uno sta­to di di­rit­to, la for­za che ci dà es­se­re eu­ro­pei – in trop­pi luo­ghi del mon­do non lo è per nien­te, e che è un pri­vi­le­gio da di­fen­de­re in­ve­ce di met­ter­lo in di­scus­sio­ne, per noi e per chi non ce l’ha.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.