Ana the cham­pion

VOGUE (Italy) - - BEAUTY NEWS - By Vit­to­ria Fi­lip­pi Ga­bar­di

Per en­tra­re nel cam­po cen­tra­le di Wim­ble­don i ten­ni­sti de­vo­no pas­sa­re sot­to un ver­so di Ki­pling, iscrit­to nel­la cal­ce: «Se sa­prai con­fron­tar­ti con Trion­fo e Ro­vi­na e trat­ta­re al­lo stes­so mo­do que­sti due im­po­sto­ri». Sot­toin­te­so: al­lo­ra sì che po­trai ac­ce­de­re all’Olim­po ed es­se­re là do­ve gio­ca­no gli dei. Ma pri­ma de­vi sapere che è tut­ta una fin­ta, un gran­de bluff: vit­to­ria e scon­fit­ta so­no due im­po­sto­ri e solo se riu­sci­rai a ge­stir­li con la stes­sa non­cu­ran­za ar­ri­ve­rai lon­ta­no. Il cam­pio­ne co­me un asce­ta: l’ata­ras­sia una via per la fe­li­ci­tà, im­per­tur­ba­bi­le, di­stan­te dal suc­ces­so quan­to dal­la di­sfat­ta. Ana Iva­no­vic li ha vis­su­ti en­tram­bi, la sua è una sto­ria di ca­du­te e ri­sa­li­te. Vin­ce il Ro­land Gar­ros nel 2008 ed è la pri­ma ten­ni­sta al mon­do: poi sci­vo­la nel lim­bo del­le clas­si­fi­che e in­fi­ne tor­na a es­se­re tra le più bra­ve di tut­te. Si­cu­ra­men­te è la più bel­la. Per que­sto Shi­sei­do l’ha scel­ta co­me glo­bal am­bas­sa­dor per la li­nea di solari We­tFor­ce. E non solo: per la te­na­cia, la po­ten­za, la pas­sio­ne. «Quando son di­ven­ta­ta la n. 1 ave­vo 20 an­ni. È sta­to me­ra­vi­glio­so ma an­che dif­fi­ci­le: so­no estre­ma­men­te ti­mi­da, non mi pia­ce sta­re sot­to ai ri­flet­to­ri, c’era co­sì tan­ta at­ten­zio­ne su di me! Non è sta­to sem­pli­ce nean­che tor­na­re in au­ge: au­men­ta­no le aspet­ta­ti­ve, la pres­sio­ne. In que­sta car­rie­ra ci so­no up&do­wn, nei mo­men­ti bui pro­vi a tor­na­re sui tuoi pun­ti for­ti ma con l’età le co­se cam­bia­no: hai bi­so­gno di più la­vo­ro per ot­te­ne­re i ri­sul­ta­ti di pri­ma». Lo sport e la vi­ta han­no ci­cli, ri­cor­ren­ze, al­ti e bas­si. C’è chi si la­scia so­praf­fa­re e chi rea­gi­sce, co­me Ana. La for­za la tro­va den­tro di sé, o lì vi­ci­no: «La mia fa­mi­glia è sem­pre sta­ta im­por­tan­te nel dar­mi equi­li­brio, amore, va­lo­ri. Per que­sto mi sen­to mol­to for­tu­na­ta». Rac­con­ta di un’in­fan­zia pas­sa­ta in so­li­tu­di­ne: «Ero una pic­co­la nerd, sta­vo spes­so in di­spar­te. Stu­dia­vo sem­pre. For­se per quel­lo non mi so­no pe­sa­ti gli al­le­na­men­ti. Ama­vo i li­bri, le ma­ti­te, scri­ve­re. Quando i ra­gaz­zi­ni del­la mia età co­min­cia­va­no a usci­re e an­da­re al­le fe­ste, il ten­nis è sta­to an­che un’ot­ti­ma scu­sa per evi­ta­re gli in­vi­ti». La sua è una car­rie­ra fe­li­ce, cer­ca­ta, de­si­de­ra­ta: «Ho vo­lu­to co­min­cia­re io, a 4 an­ni, do­po aver vi­sto Mo­ni­ca Se­les in te­le­vi­sio­ne. A ca­sa mia nes­su­no ave­va mai gio­ca­to a ten­nis. A 13 an­ni i pri­mi spon­sor, gli al­le­na­men­ti pa­ga­ti, e per i miei ge­ni­to­ri è di­ven­ta­to tut­to più fa­ci­le». Non sem­pre lo è sta­to per lei: du­ran­te la guer­ra in Ko­so­vo si al­le­na nell’uni­ca fi­ne­stra in cui so­no proi­bi­ti i bom­bar­da­men­ti, la mat­ti­na, dal­le 6 al­le 11. Non la ferma nien­te e nes­su­no. La pas­sio­ne di­ven­ta ta­len­to e la ti­mi­dez­za si tra­du­ce, in cam­po, in uno sti­le ag­gres­si­vo, do­mi­na­to da un drit­to por­ten­to­so: «Non so­no cer­to quel­la che aspet­ta che l’av­ver­sa­rio com­met­ta un er­ro­re. Mi pia­ce co­strui­re il pun­to. Per­ciò amo la ter­ra ros­sa, su al­tre su­per­fi­ci è tut­to trop­po ve­lo­ce». Que­st’an­no a Wim­ble­don è sta­ta eli­mi­na­ta al pri­mo tur­no ma non im­por­ta, lo sguar­do cor­re al­le Olimpiadi, agli US Open: «Gio­can­do a ten­nis im­pa­ri il fair­play, a ge­sti­re le scon­fit­te, a re­si­ste­re al­lo stress. La gen­te ve­de solo se vinci o per­di e ti giu­di­ca su que­sto, è la co­sa più du­ra, di­men­ti­ca che sia­mo per­so­ne. Con sen­ti­men­ti, so­gni e ta­len­ti di­ver­si. Io la­vo­ro con Uni­cef per aiu­ta­re i bam­bi­ni che vi­vo­no in con­di­zio­ni di estre­ma po­ver­tà. Vor­rei con­ti­nua­re a far­lo. Guar­do la vi­ta nel­la sua in­te­rez­za: il ten­nis non è tut­to, c’è la fa­mi­glia, gli ami­ci, ma­ga­ri un fi­dan­za­to, la par­te più am­pia del­la vi­ta si apre a fi­ne car­rie­ra». Cam­pio­ni e asce­ti. Re­si­ste­re al­le in­tem­pe­rie, an­da­re avan­ti. Fi­no al pros­si­mo mat­ch point. Poi si ri­co­min­cia.

Fa­mo­sa per il drit­to por­ten­to­so e per la bel­lez­za. Ana Iva­no­vic, glo­bal am­bas­sa­dor Shi­sei­do, rac­con­ta la sua vi­sio­ne. Il­lu­mi­na­ta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.