The real La La Land

VOGUE (Italy) - - FACE TO FACE - By Bar­ba­ra Zor­zo­li

g o v Ci so­no due mo­di per guar­da­re un vi­so. Il pri­mo è guar­da­re gli oc­chi co­me par­te del vol­to; il se­con­do è guar­da­re gli oc­chi co­me se fos­se­ro il vol­to; da­van­ti a Em­ma Sto­ne non si può che sce­glie­re que­sta op­zio­ne. Il suo sguar­do gran­de e bril­lan­te met­te in se­con­do pia­no la fi­gu­ra ag­gra­zia­ta, la pel­le di por­cel­la­na, la chio­ma lu­mi­no­sa e l’en­tu­sia­smo con­ta­gio­so, co­sì co­me la ri­sa­ta, elar­gi­ta sen­za scon­ti. So­lo lei po­te­va da­re vol­to e cor­po a Mia, l’aspi­ran­te at­tri­ce di “La La Land”, il mu­si­cal di­ret­to dal re­gi­sta di “Whi­pla­sh”, Da­mien Cha­zel­le, in cui af­fian­ca per la ter­za vol­ta Ryan Go­sling. «Sa­pe­vo che pri­ma o poi avrei avu­to la pos­si­bi­li­tà di re­ci­ta­re in un mu- si­cal, di emu­la­re le at­tri­ci che mi han­no sem­pre fat­to so­gna­re con le lo­ro co­reo­gra­fie. Co­no­sco a me­mo­ria “Cap­pel­lo a ci­lin­dro” e tut­ti i pas­si di Gin­ger Ro­gers», spie­ga con l’in­con­fon­di­bi­le vo­ce ro­ca e al­le­gra. Aspi­ran­te at­tri­ce, Mia ar­ri­va a L.A. per rea­liz­za­re il suo so­gno e in­tan­to tro­va la­vo­ro nel cof­fee shop del­la War­ner Bros. Chie­do a Em­ma se la sua sto­ria per­so­na­le ha qual­co­sa in co­mu­ne con quel­la nar­ra­ta: «Sì, già da bam­bi­na il mio so­gno era re­ci­ta­re, per­ciò a 15 an­ni ho la­scia­to l’Ari­zo­na per stu­dia­re re­ci­ta­zio­ne a Los An­ge­les. Men­tre ar­ri­va­va­no i pri­mi ruo­li, io do­ve­vo co­mun­que la­vo­ra­re per man­te­ner­mi: so­no pas­sa­ta dal Far­mer’s Mar­ket di Los An­ge­les a un ne­go­zio di bi­scot­ti per ca­ni». «Ma­ga­ri ven­go­no ven­du­ti an­che al cof­fee shop del­la War­ner», escla­mo io in un cli­ma, or­mai, da ami­che da­ta­te. Lei scop­pia a ri­de­re: «È un’idea che do­vrem­mo pro­por­re». Sull’on­da con­fi­den­zia­le le pro­pon­go di rac­con­tar­mi, co­me fos­se una fa­vo­la, la sua sto­ria: quel­la di una ra­gaz­zi­na che so­gna­va di fa­re l’at­tri­ce e che poi è di­ve­nu­ta non so­lo la nuo­va mu­sa di Woo­dy Al­len – ha re­ci­ta­to in “Ma­gic in the Moon­light” e “Ir­ra­tio­nal Man” –, ma un’in­ter­pre­te d’in­di­scus­so ta­len­to tan­to da ag­giu­di­car­si, per “La La Land”, la Cop­pa Vol­pi, a Ve­ne­zia, co­me mi­glio­re at­tri­ce e l’Au­dien­ce Award a To­ron­to. Ac­cet­ta: «C’era una vol­ta una bam­bi­na di no­me Em­ma, era in­tro­ver­sa, sen­si­bi­le e sof­fri­va per­si­no di at­tac­chi di pa­ni­co. Poi

Per­ché il suo so­gno di re­ci­ta­re si av­ve­ras­se Em­ma Sto­ne ha la­vo­ra­to du­ro. Ma la lu­ce che bril­la ne­gli oc­chi del­la mu­sa di Woo­dy Al­len è sem­pre quel­la di una ra­gaz­zi­na

sco­prì la sua me­di­ci­na: il tea­tro. Da al­lo­ra non smi­se di so­gna­re di di­ven­ta­re at­tri­ce. Ce l’ha fat­ta. La sua vi­ta pe­rò non è cam­bia­ta: è ri­ma­sta una ra­gaz­za sem­pli­ce, che pra­ti­ca pi­la­tes, leg­ge, ama viag­gia­re e cre­de fer­ma­men­te nell’amo­re». E, ag­giun­go, è an­che un’ico­na di sti­le. «Mi pia­ce pren­der­mi cu­ra di me. Truc­co sem­pre le lab­bra con ros­set­ti ro­sa e ros­si, men­tre per gli oc­chi non di­men­ti­co mai ma­sca­ra e om­bret­to. Pre­di­li­go i ve­sti­ti in tes­su­ti leg­ge­ri, dal ta­glio clas­si­co, co­me quel­li di Cha­nel, e cam­bio spes­so il co­lo­re dei ca­pel­li: so­no bion­da, ma un re­gi­sta mi ha con­si­glia­to di vi­ra­re al ros­so per da­re ri­sal­to agli oc­chi. Che ne pen­si, ave­va ra­gio­ne?».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.