Il Nuo­vo Vo­gue Ita­lia

VOGUE (Italy) - - EDITORIALE - di EMA­NUE­LE FARNETI

Ca­pi­to­lo pri­mo, in cui co­min­cia una nuo­va sto­ria.

Nel­la lun­ga vi­cen­da di Vo­gue Ita­lia, chi ci ha pre­ce­du­to ha dimostrato che tut­to può cam­bia­re, an­zi de­ve far­lo, e ra­pi­da­men­te e in con­ti­nua­zio­ne: per rac­con­ta­re le tra­sfor­ma­zio­ni, cer­te vol­te per an­ti­ci­par­le, o in al­cu­ni for­tu­na­ti ca­si per­si­no per fa­vo­rir­le.

Co­sì, a par­ti­re da que­sto nu­me­ro, il gior­na­le si tra­sfor­ma per rac­con­ta­re sto­rie nuo­ve, con pa­ro­le nuo­ve. Par­la­no di not­ti pa­ri­gi­ne che ri­na­sco­no do­po il Ba­ta­clan, di ar­ti­sti in­ter­na­zio­na­li che la­scia­no trac­ce su luo­ghi ico­ni­ci dell’ita­lia­ni­tà, di una cam­pa­gna on­li­ne che pro­va a trac­cia­re una di­ver­sa li­nea sul­la map­pa del pu­do­re; di sty­li­st, i pro­ta­go­ni­sti del­la crea­ti­vi­tà in que­ste stra­ne sta­gio­ni in cui po­co si crea e mol­to si me­sco­la. Per un tuf­fo in pi­sci­na, luo­go ico­ni­co dell’im­ma­gi­na­rio ar­ti­sti­co, c’è il rac­con­to del re­gi­sta che più di ogni al­tro ne ha fat­ta un’os­ses­sio­ne (e per una ra­gio­ne pre­ci­sa, che spie­ga qui); un viag­gio nel mon­do dell’im­ma­gi­ne a trent’an­ni dall’in­ven­zio­ne di Pho­to­shop par­te da una spiag­gia che non è mai esi­sti­ta; la mo­da la rac­con­ta, con vi­sio­ne la­te­ra­le, un ge­nio che non di­se­gna da qua­si due an­ni, ma in­tan­to stu­dia, os­ser­va, im­ma­gi­na. Nao­mi Cam­p­bell de­di­ca a Gian­ni Ver­sa­ce, a vent’an­ni esat­ti dal­la sua scom­par­sa, un ri­cor­do in- ti­mo e do­len­te, di cui so­no pro­ta­go­ni­ste una ra­gaz­za, una far­fal­la e un toc­co di ma­gia.

Cam­bia la gra­fi­ca: po­che im­ma­gi­ni ma ri­le­van­ti (per­ché un ma­ga­zi­ne sce­glie e se­le­zio­na e or­di­na, di­ver­sa­men­te dai so­cial me­dia che ac­cu­mu­la­no, e in­fat­ti gli so­no com­ple­men­ta­ri, non al­ter­na­ti­vi); i te­sti so­no chia­ri e fa­ci­li da leg­ge­re; le pa­gi­ne di­ven­ta­no co­lo­ra­te per­ché pen­sia­mo che oggi ci sia più bi­so­gno di gio­ia e bel­lez­za che di ri­go­re e fred­dez­za. È nuo­va la car­ta, più pre­zio­sa, e il for­ma­to, am­pio e spet­ta­co­la­re. È nuo­va la strut­tu­ra del gior­na­le, co­me so­no nuo­vi mol­ti col­la­bo­ra­to­ri, il cui pun­to di vi­sta ar­ric­chi­sce quel­lo di un già for­mi­da­bi­le grup­po di la­vo­ro.

E per met­ter­la in co­per­ti­na, que­sta sto­ria, che nei pros­si­mi me­si si ar­ric­chi­rà di idee e pro­ta­go­ni­sti, nes­su­no me­glio di Ste­ven Meisel, l’uomo che ne­gli ul­ti­mi trent’an­ni ha for­ma­to l’im­ma­gi­ne di que­sto gior­na­le, e at­tra­ver­so di es­so del­la mo­da, e di una por­zio­ne non mar­gi­na­le del no­stro gu­sto per il bel­lo. •

PHO­TO BY STE­VEN MEISEL

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.