Tut­to E Nien­te È Ori­gi­na­le

Ma­ni­po­la­to­ri di ap­pa­ren­ze, agi­ta­to­ri del­la mo­da, gli STY­LI­ST so­no oggi i ve­ri crea­ti­vi. Lo­ro che as­sem­bla­no, lo­ro che tra­sfor­ma­no. Per­ché in que­st’epo­ca di co­pia&in­col­la, la no­vi­tà non è più nel­le co­se, ben­sì nel mo­do in cui ven­go­no me­sco­la­te.

VOGUE (Italy) - - NEWS - di ANGELO FLACCAVENTO

D’abord, con Jim Jar­mu­sch ma sen­za pes­si­mi­smi co­smi­ci, la bor­da­ta: nien­te è ori­gi­na­le. Più si va avan­ti, più in­ven­ta­re da zero di­ven­ta im­pos­si­bi­le, o inu­ti­le. Esor­ta quin­di il re­gi­sta sta­tu­ni­ten­se, punk nel sen­so acu­ta­men­te da­dai­sta del ter­mi­ne: «Ru­ba da tut­to ciò che su­sci­ta ispi­ra­zio­ne o che ali­men­ta la tua im­ma­gi­na­zio­ne. Non pre­oc­cu­par­ti di na­scon­de­re il fur­to: pro­cla­ma­lo se ne hai vo­glia. In ogni ca­so, ri­cor­da sem­pre co­sa di­ce­va Go­dard: “Non è do­ve pren­di le co­se, ma do­ve le por­ti”». Il pro­cla­ma, pre­veg­gen­te, è dei pri­mi an­ni Ot­tan­ta, ma suo­na par­ti­co­lar­men­te adat­to al­la no­stra epo­ca di crea­ti­vi­tà co­pia&in­col­la fo­men­ta­ta dal­la men­ta­li­tà di­gi­ta­le che cas­sa per prin­ci­pio il co­py­right, nel­la con­vin­zio­ne che se qual­co­sa flut­tua in re­te è di tut­ti e da af­fer­ra­re, sen­za te­ma di do­lo. Ep­pu­re far co­se, in­ven­ta­re, co­strui­re mon­di – fu il ti­to­lo di una sto­ri­ca Bien­na­le ve­ne­zia­na, non a ca­so – è ur­gen­za pri­ma­ria, in qual­sia­si mo­men­to. Sen­za di­men­ti­ca­re che nes­su­na co­pia è fe­de­le all’ori­gi­na­le, per­ché si trat­ta pur sem­pre di una fu­sio­ne di due Dna: dell’au­to­re e del co­pia­to­re. Qui si ar­ri­va al pun­to: l’ori­gi­na­li­tà in sen­so la­to non esi­ste per­ché non è più nel­le co­se – for­se non lo è mai sta­ta –, ma nel mo­do in cui le si met­te in­sie­me. Si crea pren­den­do di qua e di là, in or­di­ne spar­so, se­guen­do vie im­per­scru­ta­bi­li e per­so­na­li, me­sco­lan­do di tut­to e di più in un ac­ce­le­ra­to­re di par­ti­cel­le che è di-

ver­so per cia­scu­no e alie­no a qual­si­vo­glia lo­gi­ca. Quin­di, in­som­ma, tut­to è ori­gi­na­le. Op­pu­re, for­se, per non con­trad­dir­si trop­po, “di­ver­sa­men­te” ori­gi­na­le. In que­sta tem­pe­rie, non sor­pren­de che i prin­ci­pa­li agi­ta­to­ri del pa­no­ra­ma del­la mo­da sia­no gli sty­li­st, as­sem­bla­to­ri per de­fi­ni­zio­ne, più che i de­si­gner. La pro­get­tua­li­tà ha la­scia­to spa­zio al mon­tag­gio, ec­co tut­to. La co­stru­zio­ne dell’im­ma­gi­ne è più po­ten­te del di­se­gno dell’og­get­to. Il fe­no­me­no pro­se­gue da tem­po, ma ades­so de­fla­gra. Ci so­no ad­di­rit­tu­ra de­si­gner, co­me Jo­na­than Wil­liam An­der­son, che si pos­so­no con­si­de­ra­re co­strut­to­ri d’as­sem­blag­gi ico­no­gra­fi­ci, dun­que sty­li­st, an­che se for­se il ter­mi­ne più ap­pro­pria­to è cu­ra­to­ri. Fa po­ca dif­fe­ren­za: cu­ra­re vuol di­re se­le­zio­na­re, edi­ta­re e co­strui­re sen­so dal­la mes­sa in se­quen­za e dall’ac­co­sta­men­to di co­se. È sty­ling an­che que­sto. In fon­do, co­me re­ci­ta un ica­sti­co ha­sh­tag che cir­co­la al mo­men­to in re­te “# sia­mo tut­ti­cu­ra­to­ri ”. È cu­ra­ta­la se­le­zio­ne di con­te­nu­ti nei no­stri ca­na­li so­cial, fi­gu­rar­si l’edit di quan­to si in­dos­sa. La cu­ra­te­la per­ma­nen­te del­le ap­pa­ren­ze, lo sty­ling in­de­fes­so di ogni aspet­to del vi­si­bi­le so­no so­lo l’en­ne­si­ma con­fer­ma di quan­to teo­riz­za­to dal critico Ni­co­las Bour­riaud sul­la pre­pon­de­ran­za del­la post­pro­du­zio­ne, ov­ve­ro del mon­tag­gio, nell’ar­te di oggi, e gra­zie tan­te a Du­champ e ai suoi rea­dy ma­de. Sci­vo­lan­do nel Da­da, che in un mo­do o nell’al­tro con il con­tem­po­ra­neo ci az­zec­ca sem­pre per­ché ne cat­tu­ra sen­za in­gab­biar­le le ma­gni­fi­che as­sur­di­tà e in­con­gruen­ze, le co­se si com­pli­ca­no an­co­ra un po’, o for­se rag­giun­go­no sem­pli­ce­men­te il lo­ro svi­lup­po na­tu­ra­le. Lo sty­ling, in­fat­ti, è cer­ta­men­te un’ar­te, in­te­sa co­me abi­li­tà di crea­re un’im­ma­gi­ne dal­la com­bi­na­zio­ne di abi­ti. Oggi pe­rò ci so­no sty­li­st che, in dif­fe­ren­ti gra­di di con­sa­pe­vo­lez­za o di ela­bo­ra­zio­ne teo­re­ti­ca, si con­si­de­ra­no tout court ar­ti­sti, ov­ve­ro usa­no lo sty­ling co­me mez­zo espres­si­vo pri­vo di im­me­dia­te fi­na­li­tà com­mer­cia­li. Crea­no look che so­no scul­tu­re mo­bi­li e stram­be­rie che ir­re­ti­sco­no lo sguar­do, op­pu­re uti­liz­za­no l’im­ma­gi­ne co­me fri­vo­lo dun­que serissimo ter­ri­to­rio di di­scus­sio­ne po­li­ti­ca e, all’estre­mo, con­cet­tua­le. Non so­no fa­shion edi­tor, nel sen­so che il lo­ro sco­po non è glo­ri­fi­ca­re l’abi­to al fine di ren­der­lo de­si­de­ra­bi­le, ma ma­ni­po­la­to­ri di ap­pa­ren­ze per i qua­li la di­stor­sio­ne del­lo sta­tus quo è segno di va­lo­re ar­ti­sti­co. Akeem Smi­th, mem­bro del col­las­sa­to col­let­ti­vo Hood By Air e ades­so coau­to­re del mar­chio/espe­ri­men­to Sec­tion 8, di­ce di es­se­re un «ar­ti­sta che si espri­me con lo sty­ling». Il suo la­vo­ro gio­ca non so­lo con i li­mi­ti di ge­ne­re, ma an­che con quel­li dell’hor­ror, del di­sgu­sto, del­la sto­ria. Ibra­him Ka­ma­ra, il cui de­bi­to nei con­fron­ti di Ray Pe­tri è evi­den­te e non ce­la­to, si in­ter­ro­ga sull’iden­ti­tà ne­ra de­cli­nan­do­la in ver­sio­ne camp, fri­vo­la, ef­fe­mi­na­ta, nel con­te­sto di una cul­tu­ra che al con­tra­rio re­spin­ge ener­gi­ca­men­te ogni mol­lez­za. L’ef­fet­to è di­stur­ban­te. An­che il mon­do di Be­n­ja­min Kirch­hoff è di­stur­ban­te, per­ché per­ver­so, in­quie­to, ru­vi­do e iper­ses­sua­le. Di tut­ta la pro­ge­nie de­gli sty­li­st astrat­ti­sti, Kirch­hoff è il più do­ta­to e il me­no pla­teal­men­te ar­ti­sta per­ché, so­stie­ne: «Lo sty­ling è un mez­zo espres­si­vo con una pre­ci­sa re­spon­sa­bi­li­tà com­mer­cia­le». In fon­do, è so­lo que­stio­ne di eti­chet­te. Al­tri­men­ti, l’espe­ri­men­to può di­ven­ta­re to­tal­men­te e fol­le­men­te vir­tua­le, vi­ven­do e con­su­man­do­si nel­la gal­le­ria som­ma del con­tem­po­ra­neo: In­sta­gram, do­ve dav­ve­ro cia­scu­no è cu­ra­to­re del pro­prio pic­co­lo mon­do, o di tan­ti mon­di quan­ti so­no gli ac­count che ge­sti­sce. Ec­co al­lo­ra che le fru­stra­zio­ni del fotografare ve­sti­ti per pu­re ra­gio­ni di com­mer­cio si pos­so­no esor­ciz­za­re pun­tan­do sul grot­te­sco, sul­la sper­so­na­liz­za­zio­ne, sul ca­muf­fa­men­to an­ti­sel­fie. Pur di­ver­sis­si­mi, espe­ri­men­ti co­me Chec­king In­voi­ces e Va­nil­la­jel­la­ba, ge­sti­ti en­tram­bi da fa­shion edi­tor che pre­fe­ri­sco­no l’ano­ni­ma­to per evi­ta­re so­vrap­po­si­zio­ni con le ri­spet­ti­ve at­ti­vi­tà edi­to­ria­li, glo­ri­fi­ca­no l’ac­cu­mu­lo bal­za­no di pez­zi e la can­cel­la­zio­ne dell’iden­ti­tà. So­no ma­sche­ra­te con­cet­tua­li o sem­pli­ce­men­te bef­far­de, che ci ri­cor­da­no quan­to ve­stir­si non sia co­prir­si, ma ca­muf­far­si per gio­ca­re il gio­co del­lo sta­re in so­cie­tà. As­sem­bla­re è un mo­do di es­se­re e di es­ser­ci. In que­sto sen­so, smen­ti­sce l’as­sun­to di Jar­mu­sch e con­fer­ma che tut­to è ori­gi­na­le. O no? •

Da si­ni­stra. Sty­ling di Ibra­him Ka­ma­ra per “Ken­zo Fo­lio #1”. Due look di Chec­king In­voi­ces dall’ac­count di In­sta­gram. Pa­gi­na ac­can­to. Va­nil­la­jel­la­ba dall’ac­count In­sta­gram.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.