Cer­ca­te Me?

«Di so­li­to Vo­gue ce­le­bra i trion , co­me mai vo­le­te in­ter­vi­sta­re uno co­me me?». AL­BER ELBAZ, ge­nio del­la mo­da, non di­se­gna da qua­si due an­ni. Pe­rò stu­dia, si in­for­ma, os­ser­va. Ec­co per­ché va­le la pe­na leg­ge­re que­sta’ in­ter­vi­sta spe­cia­le.

VOGUE (Italy) - - BACK - FRAN­CE­SCO BONAMI

«Le co­pri­vo con un sac­co di co­se: gio­iel­li, sti­va­li… ep­pu­re era­no co­sì sexy le mie don­ne». Non si può di­re che Al­ber Elbaz sia un fiu­me in pie­na, ma si­cu­ra­men­te è una pic­co­la ca­sca­ta di pa­ro­le fre­sche. 56 an­ni, na­to a Ca­sa­blan­ca ma cre­sciu­to in Israe­le, per 14 an­ni al­la gui­da del­la mai­son Lanvin (da cui si è se­pa­ra­to nell’ot­to­bre 2015), è con­si­de­ra­to uno dei più ge­nia­li crea­ti­vi del­la sua ge­ne­ra­zio­ne. In un po­me­rig­gio di giu­gno a Mi­la­no, sta se­du­to tran­quil­la­men­te al Grand Ho­tel et de Mi­lan do­po una toc­ca­ta e fu­ga in cit­tà per uno dei tan­ti in­con­tri cui si sta de­di­can­do: non per ri­ce­ve­re of­fer­te di la­vo­ro, di­ce, ma per svi­lup­pa­re idee e pro­get­ti dei qua­li ac­cen­na sol­tan­to, e che co­sì ri­man­go­no sexy e mi­ste­rio­si co­me le sue don­ne. Le sue don­ne era­no sexy per­ché sti­mo­la­va­no l’im­ma­gi­na­zio­ne? Un sem­pli­ce dé­col­le­té è in fon­do un truc­co, men­tre sot­to i miei abi­ti di­ven­ta­va­no for­ti, per­fet­te per uo­mi­ni po­ten­ti. Pri­ma di con­ti­nua­re la con­ver­sa­zio­ne, Elbaz ha una do­man­da im­por­tan­te da far­mi. Per­ché pro­prio io? È una co­sa che mi ha mes­so un po’ di an­sia. “Vo­gue Ita­lia” è sem­pre sta­ta una ri­vi­sta sul suc­ces­so e il trion­fo. Per­ché sie­te ve­nu­ti a cer­ca­re me, che in­ve­ce ades­so so­no in di­spar­te? Cre­do che al di­ret­to­re non in­te­res­sas­se una “suc­cess sto­ry”, ma un pun­to di vi­sta di­ver­so da par­te di uno co­me lei che in que­sto mo­men­to si può per­met­te­re di guar­da­re con un po’ di di­stan­za il mon­do del­la mo­da e ca­pi­re me­glio do­ve sta an­dan­do. È ve­ro, mi in­te­res­sa il “next”, co­sa ac­ca­drà do­ma­ni. Le pia­ce fa­re in­ter­vi­ste? Ne ho fat­te tan­te. Le mi­glio­ri so­no quel­le che ti sbuc­cia­no co­me una ci­pol­la, le peg­gio­ri quel­le che ti frig­go­no. Co­sa at­ti­ra la sua at­ten­zio­ne di que­sti tem­pi? Le sto­rie più che le im­ma­gi­ni. Mi sto fa­cen­do un sac­co di do­man­de da so­lo. Ti­po: la mo­da de­ve per for­za es­se­re le­ga­ta al po­te­re o può es­se­re an­che pic­co­la e mo­de­sta? Stia­mo vi­ven­do in un mo­men­to di enor­mi cam­bia­men­ti e il si­ste­ma non sem­pre fun­zio­na. I so­cial me­dia han­no mu­ta­to la no­stra vi­ta. Quin­di? Quin­di os­ser­vo con mol­ta at­ten­zio­ne la tec­no­lo­gia e ve­do che si muo­ve sfrut­tan­do i cam­bia­men­ti, men­tre la mo­da lo fa in un mo­do mol­to li­mi­ta­to. Sia­mo pas­sa­ti da una clien­te­la esclu­si­va a un’esclu­si­vi­tà al­la por- ta­ta di tut­ti. Que­sto ha por­ta­to al­la de­sta­bi­liz­za­zio­ne del si­ste­ma. Il tem­po per ri­flet­te­re è di­mi­nui­to dram­ma­ti­ca­men­te; un tem­po la crea­ti­vi­tà era le­ga­ta agli ec­ces­si, al­col, dro­ghe ec­ce­te­ra, oggi è le­ga­ta all’heal­thi­ness, al­lo sta­re be­ne, al­le die­te, al­la mo­de­ra­zio­ne. In­som­ma, la crea­zio­ne è di­ven­ta­ta ri­crea­zio­ne. Che co­sa cer­ca dun­que? Cer­co ri­spo­ste che mi pos­sa­no fa­re pen­sa­re al­la mo­da at­tra­ver­so la tec­no­lo­gia. E non in­ten­do cer­to abi­ti con sen­so­ri che ti di­ca­no quan­do hai fred­do, fa­me o pau­ra. Al­la tec­no­lo­gia chie­do piut­to­sto se è pos­si­bi­le crea­re un tes­su­to con le stes­se to­na­li­tà che tro­via­mo oggi sul­lo scher­mo di un com­pu­ter, sco­pri­re nuo­vi co­lo­ri im­pen­sa­bi­li, nuo­ve for­me. Ma c’è un’al­tra co­sa che la mo­da usa po­co, ol­tre al­la tec­no­lo­gia: il sen­so dell’umo­ri­smo. Non tan­to il sa­per ri­de­re di se stes­sa, quan­to l’es­se­re ca­pa­ce di far sor­ri­de­re un po’ gli al­tri. Il me­stie­re del­lo sti­li­sta è di­ven­ta­to più dif ci­le? Cer­ta­men­te me­no pre­ve­di­bi­le, co­me d’al­tron­de la po­li­ti­ca, o l’ar­te. Pri­ma si di­se­gna­va una col­le­zio­ne pen­san­do a quei 300 edi­tor che sta­va­no in ci­ma al si­ste­ma. Era

mol­to dif­fi­ci­le, ma si sa­pe­va co­sa si do­ve­va fa­re e qua­li era­no i li­mi­ti del­la sfi­da. Oggi tut­to esce sen­za fil­tri, in tem­po rea­le. Cer­to, c’è sem­pre la re­cen­sio­ne del critico po­ten­te, ma poi ar­ri­va il re­spon­so dei mi­lio­ni che na­vi­ga­no sui so­cial. È co­me un ta­lent show: c’è la giu­ria, ma poi è il pub­bli­co che vo­ta. Qual è la pa­ro­la che de ni­sce me­glio il mo­men­to? Com­fort. Ma non mi frain­ten­da: non nel sen­so di abi­ti co­mo­di, ma di una mo­da che ti fac­cia sta­re be­ne con te stes­so. Pen­so a Ste­ve Jobs. Quan­do si ana­liz­za­va il suo mo­do di ve­sti­re si di­ce­va che era un fa­shion sta­te­ment. Sba­glia­va­mo. I suoi abi­ti ri­ve­la­va­no la ne­ces­si­tà di sta­re be­ne con se stes­so per po­ter pen­sa­re e crea­re me­glio. Un al­tro esem­pio? A gen­na­io guar­da­vo su In­sta­gram le im­ma­gi­ni del­le don­ne che mar­cia­va­no per pro­te­sta con­tro Trump a Washington e al­lo stes­so tem­po quel­le del­le col­le­zio­ni di al­ta mo­da a Pa­ri­gi. Ho pen­sa­to che fi­nal­men­te le don­ne pos­so­no mar­cia­re e so­gna­re al tem­po stes­so: non c’è più ne­ces­si­tà di la­sciar per­de­re una co­sa per l’al­tra. E per lei dov’è la com­fort zone? Nei mu­sei. Mi so­no chie­sto per­ché la gen­te si met­te in fi­la per en­tra­re nei gran­di mu­sei. Per i cof­fee shop? O per l’aria con­di­zio­na­ta, co­me suc­ce­de­va a mia ma­dre che an­da­va in ban­ca d’esta­te per­ché fa­ce­va fre­sco? No. La gen­te ci va per­ché al mu­seo al­la fine nes­su­no ten­ta di far­ti il la­vag­gio del cer­vel­lo. È l’uni­co luo­go do­ve re­gna l’ar­mo­nia, do­ve ie­ri e do­ma­ni non so­no in guer­ra. E quan­do c’è ar­mo­nia uno so­gna. Co­sa so­gna Elbaz? L’al­tro gior­no ho sen­ti­to Pa­pa Fran­ce­sco di­re di non co­strui­re mu­ri, ma pon­ti. So­gno di co­strui­re un pon­te fra tec­no­lo­gia e mo­da. Una fab­bri­ca di so­gni. Per­ché sen­za una fab­bri­ca i so­gni non si pos­so­no rea­liz­za­re, ma sen­za un qual­che so­gno nes­su­na fab­bri­ca può dav­ve­ro fun­zio­na­re. Co­me si sen­te in que­sto an­no sab­ba­ti­co? Sab­ba­ti­co?!? Non so­no mai sta­to in un an­no sab­ba­ti­co. So­no sta­to in un de­ser­to per un an­no do­ve mi è ve­nu­ta mol­ta se­te. Se­te di un nuo­vo im­pe­gno? N�, se­te di un nuo­vo rac­con­to. Po­ter rac­con­ta­re qual­co­sa di nuo­vo. Co­sa fa più pau­ra all’in­du­stria del­la mo­da, oggi? I Mil­len­nials! Od­dio! Co­sa mai ne pen­se­ran­no i Mil­len­nials? Poi uno guar­da le sta­ti­sti­che e vede che il set­tan­ta per cen­to dei clien­ti è com­po­sto da don­ne so­pra i cin-

quant’an­ni. Ma­cron e sua mo­glie so­no un bell’esem­pio di co­me di­ver­se ge­ne­ra­zio­ni che s’in­trec­cia­no pos­sa­no crea­re una real­tà mol­to au­ten­ti­ca e più con­cre­ta. Qual è la sua prin­ci­pa­le qua­li­tà co­me sti­li­sta? Mol­ti an­ni fa Su­zy Men­kes mi de­fi­nì un mae­stro dell’im­prov­vi­sa­zio­ne. Ci ri­ma­si mol­to ma­le. Ma co­me, uno la­vo­ra gior­no e not­te, poi il ri­sul­ta­to vie­ne con­si­de­ra­to un’im­prov­vi­sa­zio­ne? In real­tà ave­va ra­gio­ne da ven­de­re. L’im­prov­vi­sa­zio­ne è al­la ba­se del­la ri­cer­ca e de­gli espe­ri­men­ti. Quan­do uno ha il ca­via­le in fri­go­ri­fe­ro e gli ar­ri­va­no de­gli ospi­ti non ha bi­so­gno d’im­prov­vi­sa­re, ma se non c’è nien­te in fri­go­ri­fe­ro l’im­prov­vi­sa­zio­ne è es­sen­zia­le. Im­prov­vi­sa­re vuol di­re sco­pri­re. Que­sto è il pro­ble­ma di tan­ti gio­va­ni nel­le ac­ca­de­mie di mo­da: usa­no Goo­gle in ogni mo­do pos­si­bi­le, cer­ca­no, ma non sco­pro­no, co­sì non trovano la pro­pria vo­ce. Qua­li era­no i suoi so­gni da ra­gaz­zo? So­no cre­sciu­to in una gran­de fa­mi­glia a Tel Aviv e so­gna­vo di fa­re il dot­to­re. Ma non un lu­mi­na­re del­la me­di­ci­na, un dot­to­re nor­ma­le co­me quel­lo di Ma­da­me Bo­va­ry. M’in­te­res­sa­va toc­ca­re di­ret­ta­men­te il cor­po da pun­ti di vi­sta di­ver­si. Cre­do che al­la fine quel­lo che so­no fi­ni­to a fa­re, e che vor­rei con­ti­nua­re a fa­re, è pro­prio que­sto: toc­ca­re il cor­po da tan­te pro­spet­ti­ve di­ver­se. Può dir­mi qua­li pro­get­ti sta se­guen­do in que­sto mo­men­to? Par­lo con mol­te per­so­ne, esplo­ro mol­te idee e de­vo di­re che voi ita­lia­ni sie­te quel­li che ri­spon­do­no di più al­le mie fan­ta­sie. Non è un ca­so che sia qui a par­la­re con “Vo­gue Ita­lia”. Non mi so­no an­co­ra in­na­mo­ra­to di nien­te, ma pri­ma o poi ca­pi­te­rà l’oc­ca­sio­ne. Se do­ves­se dar­si ades­so una de ni­zio­ne? Mi sen­to co­me Ga­li­leo Ga­li­lei (ri­de, ndr). Sto guar­dan­do qual­co­sa che c’è, ma che gli al­tri an­co­ra non co­no­sco­no, o non ve­do­no. Sto la­vo­ran­do tan­to per an­da­re ol­tre la mo­da sen­za per­de­re ri­spet­to per la mo­da. Il mon­do del­la mo­da con­su­ma? Quan­do uno pen­sa di es­se­re fa­vo­lo­so è l’ini­zio del­la fine, ma­ga­ri è già fi­ni­to tut­to e non ce ne sia­mo ac­cor­ti. Quin­di… …Quin­di nel­la mia fa­mi­glia di so­li­to non ci sia­mo mai sen­ti­ti par­ti­co­lar­men­te bel­li o at­traen­ti, ma un gior­no mi ca­pi­tò fra le mani un al­bum con del­le vec­chie fo­to­gra­fie: sem­bra­va­mo tut­ti ma­gni­fi­ci! Al­lo­ra chia­mai mia ma­dre e le dis­si: «Ma per­ché di­te sem­pre che non sia­mo bel­li, era­va­mo fan­ta­sti­ci!». Ec­co, la pro­spet­ti­va che ti dà il tem­po por­ta an­che un po’ più di ve­ri­tà e di­spo­ni­bi­li­tà. Il giu­di­zio del tem­po è più dolce. •

Vor­rei una fab­bri­ca di so­gni. Per­ché sen­za fab­bri­ca i so­gni non si rea­liz­za­no, ma sen­za so­gni nes­su­na fab­bri­ca fun­zio­na al­ber elbaz

Out­fit di Al­ber Elbaz per Lanvin trat­ti da “Vo­gue Ita­lia”. Da si­ni­stra. A/I 2010-11, fo­to di Ste­ven Meisel. A/I 2007-08, fo­to di Ma­rio Sor­ren­ti. In aper­tu­ra. Al­ber Elbaz ri­trat­to per “Vo­gue Ita­lia” da Scan­de­bergs lo scor­so 31 mag­gio al Grand Ho­tel et de Mi­lan.

A/I 2008-09, fo­to di Ste­ven Meisel.

Out­fit di Al­ber Elbaz per Lanvin trat­ti da “Vo­gue Ita­lia”. A destra. A/I 2012-13, fo­to di Tim Wal­ker. Pa­gi­na ac­can­to. P/E 2008, fo­to di Ste­ven Meisel.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.