ma in che se­co­lo vi­via­mo?,

Ar­ti­sta, mo­glie e ma­dre (di una cer­ta Le­na Du­n­ham). Lau­rie Simmons si di­stac­ca da­gli ste­reo­ti­pi fem­mi­ni­li e fem­mi­ni­sti del­la no­stra epo­ca. E rac­con­ta le don­ne di og­gi ri­par­ten­do dal­le bam­bo­le, e il mon­do dal­la pla­sti­ca.

VOGUE (Italy) - - SOMMARIO - Ñ di ALIX BRO­W­NE

di Alix Bro­w­ne

La scor­sa pri­ma­ve­ra a New York ben due mo­stre ce­le­bra­va­no con­tem­po­ra­nea­men­te l’ar­ti­sta Lau­rie Simmons: al­la Ma­ry Boo­ne Gal­le­ry “Clo­thes Ma­ke the Man: Works from 1990-1994”, che in­clu­de­va im­ma­gi­ni dei pu­paz­zi uti­liz­za­ti dai ven­tri­lo­qui, sve­lan­do­ne i pen­sie­ri po­co edi­fi­can­ti; e l’al­tra, al­la gal­le­ria Sa­lon 94, “2017: The Mess and So­me New”, do­ve, tra i la­vo­ri espo­sti, si tro­va­va­no di­ver­si straor­di­na­ri ri­trat­ti di don­ne. Tra que­sti, due fo­to del­le fi­glie Gra­ce e Le­na Du­n­ham con abi­ti in­te­ra­men­te di­pin­ti sul cor­po. Il la­vo­ro sui pu­paz­zi all’epo­ca non era sta­to mol­to ap­prez­za­to. Ma, vent’an­ni do­po, un nuovo or­di­ne mon­dia­le ha da­to lo­ro un al­tro sen­so, un’estre­ma ri­le­van­za vi­sua­le, so­cia­le e po­li­ti­ca. Lau­rie Simmons sta pre­pa­ran­do “Big Ca­me­ra/Lit­tle Ca­me­ra”, un’im­por­tan­te re­tro­spet­ti­va dei suoi la­vo­ri per il Mo­dern Art Mu­seum di Fort Wor­th, in Te­xas (dal 14/10 al 27/1) e per l’oc­ca­sio­ne l’ho in­ter­vi­sta­ta nell’ap­par­ta­men­to a Ma­n­hat­tan do­ve si è ap­pe­na tra­sfe­ri­ta. La casa è stra­pie­na di sca­to­lo­ni an­co­ra chiu­si. Simmons ha un ap­pun­ta­men­to con il chi­ro­pra­ti­co più tar­di e un vo­lo per Los An­ge­les il gior­no do­po. Il mon­do ester­no si tro­va nel suo con­sue­to sta­to di caos, ma nel­la casa tut­to è an­co­ra po­ten­zia­li­tà e pos­si­bi­li­tà. «Mi sen­to dav­ve­ro be­ne qui», di­ce Simmons. È di cer­to co­sì. Sta pre­pa­ran­do una gran­de an­to­lo­gi­ca sul­la sua car­rie­ra. È dif­fi­ci­le ri­guar­da­re le ope­re del pas­sa­to?

È stra­no co­me, se sei ar­ti­sta, i tuoi la­vo­ri van­no di mo­da, e fuo­ri mo­da, in­sie­me a te. Pen­so al­la mo­stra da Ma­ry Boo­ne; quan­do le ho espo­ste la pri­ma vol­ta, quel­le im­ma­gi­ni di pu­paz­zi han­no ri­ce­vu­to una fe­ro­ce stron­ca­tu­ra sul “New York Ti­mes”; co­sì le ho mes­se via per un po’. For­se ades­so, in pie­no mo­vi­men­to #MeToo, la sto­ria di una don­na che fa par­la­re gli uo­mi­ni, sve­lan­do­ne i pen­sie­ri più re­con­di­ti, è più in­te­res­san­te. Al­lo­ra non cre­do che quel la­vo­ro fos­se sta­to ca­pi­to fi­no in fon­do. Ma se re­sti nel gi­ro ab­ba­stan­za a lun­go, an­che chi non ha mai ap­prez­za­to i tuoi la­vo­ri pri­ma o poi li ca­pi­sce.

For­se è me­glio co­sì. È un mo­do per ave­re una car­rie­ra più du­ra­tu­ra.

La mia pri­ma mo­stra è sta­ta all’Ar­tists Spa­ce di New York, nel 1979. Al­lo­ra pen­sa­vo al­la vi­ta co­me a un gio­co a pre­mi con due porte: la pri­ma con un enor­me se­gno del dol­la­ro so­pra, la se­con­da con l’im­ma­gi­ne sfo­ca­ta di un gior­na­le. Quin­di o il de­na­ro, o la cri­ti­ca po­si­ti­va e il plau­so ge­ne­ra­le. Ho pen­sa­to be­ne di sce­glie­re la por­ta del con­sen­so cri­ti­co. Cer­to, era la fi­ne dei ’70, nes­su­no fa­ce­va sol­di, né pen­sa­va che un ar­ti­sta po­tes­se di­ven­ta­re ric­co.

Og­gi so­no tan­ti quel­li che cer­ca­no di di­ven­ta­re ar­ti­sti con lo sco­po di­chia­ra­to di fa­re un muc­chio di sol­di!

È ve­ris­si­mo. Chi avreb­be mai im­ma­gi­na­to che es­se­re un ar­ti­sta fos­se gla­mour?

Que­sto va­le­va sia per gli uo­mi­ni sia per le don­ne?

Sì, in­fat­ti se di­ven­ta­vi ric­co era co­me se ci fos­se una mac­chia sul­la tua re­pu­ta­zio­ne – di­co re­pu­ta­zio­ne per­ché al­lo­ra non c’era an­co­ra il con­cet­to di brand. Noi ar­ti­sti cer­ca­va­mo so­lo di ri­ma­ne­re in vi­ta, di far­ce­la, in qual­che mo­do.

Ho sem­pre am­mi­ra­to co­me sia riu­sci­ta a ge­sti­re non so­lo una car­rie­ra di suc­ces­so, ma an­che una famiglia con due fi­glie straor­di­na­rie co­me le sue. Ed è an­co­ra spo­sa­ta al lo­ro pa­dre, an­che lui un ar­ti­sta. Non de­ve es­se­re sta­to fa­ci­le.

È dav­ve­ro dif­fi­ci­le. La mia car­rie­ra è an­da­ta avan­ti a fuo­co len­to, con mol­ti al­ti e bas­si. Que­sta co­sa che chia­mo la mia car­rie­ra ri­ma­ne an­co­ra og­gi uno stra­no ani­ma­le, com­pli­ca­to da ge­sti­re, co­me de­ci­de­re di ri­ma­ne­re con lui an­che quan­do le co­se van­no ma­le. È la ra­gio­ne per cui ho fat­to un film, ho co­min­cia­to a la­vo­ra­re per la

mo­da, al­lar­gan­do i miei oriz­zon­ti. Re­sta­re le­ga­ta al mio la­vo­ro d’ar­ti­sta è una sfida, per­ché, si sa, la famiglia è im­pe­gna­ti­va, e an­che il mon­do lo è. Al mo­men­to sen­to che po­trei but­ta­re via tut­to e fa­re l’at­ti­vi­sta a tem­po pie­no!

Una ra­gaz­za con cui ho la­vo­ra­to mi par­la­va del­la scel­ta di ave­re fi­gli op­pu­re no. Un pro­fes­so­re le ave­va det­to che ogni fi­glio che hai è un li­bro in me­no che scri­ve­rai. Era un uo­mo? Cre­do di sì.

Ma­ri­na Abra­mo­vic è sta­ta mol­to chia­ra ed espli­ci­ta sul non ave­re fi­gli e co­sì Tra­cey Emin. Non so dir­ti quan­te gio­va­ni ar­ti­ste so­no ve­nu­te a par­lar­mi del­la lo­ro paura di ave­re fi­gli, di co­me un gal­le­ri­sta, un pro­fes­so­re, o un ami­co aves­se det­to lo­ro che aver­ne avreb­be osta­co­la­to la lo­ro car­rie­ra. Mar­ga­ret That­cher ave­va fi­gli. Me­ryl Streep ha fi­gli. Ru­th Ba­der Gin­sburg ha fi­gli. Le ar­ti­ste non pos­so­no aver­ne? Le scrit­tri­ci nean­che? Ma

«Ai tem­pi, il New York Ti­mes mi stron­cò. Og­gi, in pie­no #MeToo, la sto­ria di una don­na che fa par­la­re uo­mi­ni pu­paz­zo di­ven­ta più in­te­res­san­te».

Lau­rie Simmons

in che se­co­lo vi­via­mo? Al­cu­ne del­le don­ne più po­ten­ti del mon­do han­no fi­gli, quin­di pro­prio non lo ca­pi­sco. È una stron­za­ta. E mi ar­rab­bio sem­pre mol­tis­si­mo su que­sto ar­go­men­to.

La sua mo­stra al Sa­lon 94 in­clu­de­va an­che i ri­trat­ti del­le sue fi­glie, Le­na e Gra­ce. È sta­ta la pri­ma vol­ta che le ha scel­te co­me sog­get­ti?

Cu­rio­sa­men­te, nel­la mo­stra da Ma­ry Boo­ne c’è la fo­to di un pu­paz­zo in un cam­po che so­gna due don­ne, for­se fan­ta­sti­ca sul­lo sta­re con due don­ne con­tem­po­ra­nea­men­te. Ma il pu­paz­zo è co­sì pic­co­lo che ave­vo bi­so­gno di don­ne del­la sua mi­su­ra, co­sì nell’im­ma­gi­ne si ve­de la nu­ca di Le­na e la te­sta del­la sua mi­glio­re ami­ca Isa­bel Hal­ley, fi­glia dell’ar­ti­sta Pe­ter Hal­ley. Avran­no avu­to ot­to an­ni. Ho sem­pre cre­du­to nel­la se­pa­ra­zio­ne tra sta­to e chie­sa. Il mio la­vo­ro è il mio la­vo­ro, la mia famiglia è la mia famiglia. È sta­ta Le­na a chie­der­mi di far­le un ri­trat­to. All’ini­zio le ho det­to di no, per­ché mi oc­cu­po so­lo di per­so­ne e co­se che non fanno par­te del­la mia vi­ta. Ma lei ha ri­bat­tu­to: «Che ne di­ci del fat­to che ades­so ho que­sto nuovo cor­po, que­sta nuo­va vi­ta?». L’an­no scor­so ha com­bat­tu­to una du­ra bat­ta­glia con l’en­do­me­trio­si, e si è sot­to­po­sta a una iste­rec­to­mia. Co­sì mi ha con­vin­ta. Ha de­ci­so di sce­glie­re un per­so­nag­gio, cioè di re­pli­ca­re una fo­to di Au­drey He­p­burn. E poi, una vol­ta fat­to il ri­trat­to di Le­na, ho do­vu­to fa­re an­che quel­lo di Gra­ce, per­ché è co­sì che van­no le co­se a casa mia.

An­che Gra­ce ha scel­to un al­ter ego?

Ro­dol­fo Va­len­ti­no. Ov­via­men­te Ro­dol­fo Va­len­ti­no era un ru­ba­cuo­ri, una stel­la del ci­ne­ma, ma Gra­ce è gen­der fluid, e c’è qual­co­sa di mol­to bel­lo, qua­si fem­mi­ni­le in Va­len­ti­no. In­som­ma, non era cer­to John Way­ne.

C’è sta­ta una re­tro­spet­ti­va su tut­ta la sua car­rie­ra qua­si vent’an­ni fa. Qual era il cli­ma cul­tu­ra­le/po­li­ti­co in­tor­no all’even­to?

Cre­do che si par­las­se e si scri­ves­se mol­to di me co­me di un’ar­ti­sta fem­mi­ni­sta. Og­gi ri­cor­do a sten­to per­si­no chi fos­se il pre­si­den­te all’epo­ca. So che po­co pri­ma che Gra­ce na­sces­se, era il 1992, c’è sta­to il ca­so del giu­di­ce Cla­ren­ce Tho­mas, il pro­ces­so. Il mo­men­to «È un pe­lo pu­bi­co quel­lo sul­la mia Co­ca?». Ho in­con­tra­to Ani­ta Hill (che ave­va ac­cu­sa­to il giu­di­ce Tho­mas di mo­le­stie ses­sua­li, ndr) a un’inau­gu­ra­zio­ne e ho pen­sa­to: sei una ve­ra star per me. Hai da­to ini­zio a tut­to e te l’han­no fat­ta pa­ga­re ca­ra. Ani­ta era mol­to in an­ti­ci­po ri­spet­to a Ti­me’s Up.

Se il suo la­vo­ro era con­si­de­ra­to fem­mi­ni­sta all’epo­ca, fi­gu­ria­mo­ci ades­so.

Og­gi esa­mi­no il mio la­vo­ro su più li­vel­li: po­li­ti­co, psi­co­lo­gi­co, per­so­na­le. Se non ci so­no le tre P, non esce dal­lo stu­dio.

Qual è il la­vo­ro più re­cen­te in mo­stra?

“The Mess”, un ar­co­ba­le­no di spaz­za­tu­ra lun­go sei me­tri, ro­ba pre­sa nei ne­go­zi che ven­do­no tut­to a 99 cen­ts. Ogni vol­ta che an­da­vo a fa­re shop­ping riem­pi­vo il car­rel­lo di co­lo­ri di­ver­si. Al­la fi­ne ho si­ste­ma­to tut­to per co­lo­re e l’ho fo­to­gra­fa­to. Ha mol­ti si­gni­fi­ca­ti. Quan­to il mon­do è ag­gro­vi­glia­to, quan­to è tos­si­co. Ma par­la an­che del­la mia lun­ga sto­ria d’amo­re con la pla­sti­ca, un amo­re pro­ble­ma­ti­co. Quan­do ero gio­va­ne la pla­sti­ca era il ma­te­ria­le nuovo, avreb­be sal­va­to il mon­do. Ren­de­va tut­to fa­ci­le, co­me la ce­na da­van­ti al­la te­le­vi­sio­ne. Ades­so in­ve­ce pen­sia­mo so­lo a quel­la mas­sa gal­leg­gian­te di bot­ti­glie di pla­sti­ca nell’ocea­no. E io ri­man­go bloc­ca­ta in que­sta mia sto­ria d’amo­re con la pla­sti­ca, e al­la mia ca­pa­ci­tà di far­la sem­bra­re bel­la. La pla­sti­ca è il mio mar­mo. È la mia pie­tra pre­zio­sa. Da­te­mi un fa­ret­to, una bam­bo­la di pla­sti­ca e qual­che de­ter­si­vo per la casa e vi fa­rò una gran bel­la fo­to. È la mia spe­cia­li­tà.

L’ar­te ha il po­te­re di in­fluen­za­re la po­li­ti­ca o la pub­bli­ca opi­nio­ne?

Per tut­ta la vi­ta mi so­no chie­sta se quel­lo che fac­cio ha qual­che im­por­tan­za, un si­gni­fi­ca­to. So­no ar­ri­va­ta al pun­to in cui pen­so che gli ar­ti­sti pos­sa­no di­ven­ta­re de­gli in­fluen­cer. La gen­te che vor­rei tan­to cam­bias­se idea an­drà mai in un mu­seo a ve­de­re i miei la­vo­ri? E ve­den­do­li avrà una rea­zio­ne vi­sce­ra­le, psi­co­lo­gi­ca, po­li­ti­ca e per­so­na­le? Non so. Ma cre­do dav­ve­ro che l’ar­te pos­sa da­re spe­ran­za. Può fo­men­ta­re un cam­bia­men­to po­li­ti­co? Que­sta è tut­ta un’al­tra que­stio­ne. •

«A vol­te pen­so che gli ar­ti­sti pos­sa­no di­ven­ta­re de­gli in­fluen­cer. La gen­te che vor­rei tan­to cam­bias­se idea an­drà mai in un mu seo a ve­de­re i miei la­vo­ri? E ve­den­do­li avrà una rea­zio­ne vi­sce­ra­le, psi­co­lo­gi­ca, po­li­ti­ca e per­so­na­le? Non so. Ma cre­do dav­ve­ro che l’ar­te pos­sa da­re spe­ran­za. Può fo­men­ta­re un rea­le cam­bia­men­to? Que­sta è tut­ta un’al­tra que­stio­ne».

The Love Doll/Day 27/Day 1 (New in Box), dal­la se­rie The Love Doll ini­zia­ta da Lau­rie Simmons nel 2009 uti­liz­zan­do bam­bo­le a gran­dez­za na­tu­ra­le pro­dot­te in Giap­po­ne. Nel­la pa­gi­na ac­can­to. Un­ti­tled (Gior­gio Ar­ma­ni Wal­tzing Fi­gu­res), 1984. In aper­tu­ra, da si­ni­stra. Autoritratto, 1980. Wal­king Ca­ke II (Co­lor), 1989.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.