Lor­can O’Neill

VOGUE (Italy) - - STYLING BY EYOB YOHANNES -

«Co­no­sco Ma­don­na da venticinque an­ni ed ec­co al­cu­ne mie ri­fles­sio­ni:

- Ma­don­na è ti­mi­da. Non te lo aspet­te­re­sti, ma a vol­te, in­con­tran­do per­so­ne nuo­ve o per le qua­li ha gran­de ri­spet­to – mu­si­ci­sti, ar­ti­sti, po­li­ti­ci, uo­mi­ni at­traen­ti, don­ne for­ti – sem­bra una tee­na­ger in­tro­ver­sa. È un’im­pres­sio­ne che du­ra un at­ti­mo, ma mol­to dol­ce.

- Una vol­ta le è sta­to chie­sto qual è la co­sa più sexy che può fare un uo­mo e lei ha ri­spo­sto: “Cer­ca­re di ca­pi­re!”. Sa di es­se­re una donna com­ples­sa e a mio pa­re­re una del­le co­se che ap­prez­za mag­gior­men­te è sen­ti­re che gli ami­ci e la fa­mi­glia ri­co­no­sco­no e ri­spet­ta­no la sua ri­cer­ca di una ve­ri­tà in­te­rio­re. Le cri­ti­che più spie­ta­te le ri­ser­va a se stes­sa ma è al set­ti­mo cie­lo quan­do sa che le per­so­ne la ca­pi­sco­no.

- Non cu­ci­na ma è una co­sid­det­ta “buo­na for­chet­ta”: le pia­ce man­gia­re e man­gia pra­ti­ca­men­te di tut­to, e be­ve vi­no ros­so e cock­tail. La in­fa­sti­di­sce il fu­mo, ma ha sem­pre in­tor­no ami­ci che fu­ma­no. Mi pa­re che l’uni­ca co­sa che non le ho mai vi­sto fare sia sten­der­si al so­le: quan­do è al ma­re, è sem­pre ve­sti­ta di ne­ro, in pan­ta­lo­ni e ca­mi­cia a ma­ni­che lun­ghe, con il cap­pel­lo e le cre­me.

- Il look in cui la pre­fe­ri­sco è quel­lo del do­po ce­na, quan­do torna al la­vo­ro, se­du­ta a pie­di nu­di da­van­ti al com­pu­ter, con gli oc­chia­li sul na­so e le di­ta che vo­la­no sul­la ta­stie­ra per ri­spon­de­re al­le email. La ce­na per lei è il pa­sto più im­por­tan­te, il mo­men­to in cui si rilassa e man­gia con la fa­mi­glia e gli ami­ci, quin­di non cre­do che le sia fa­ci­le met­te­re a let­to i bam­bi­ni e tor­na­re da­van­ti al com­pu­ter. Ma spes­so lo fa – tan­to dor­me po­chis­si­mo – ed è al­lo­ra che si ve­de la sua ca­pa­ci­tà di con­cen­tra­zio­ne e l’ener­gia ine­sau­ri­bi­le con la qua­le mi­ra drit­to al­la me­ta.

- Ri­spon­de sem­pre, a qual­sia­si mes­sag­gio o email, e all’istan­te. È sem­pre mol­to im­pe­gna­ta ma mai trop­po da non ri­spon­de­re. Se non lo fa – ca­so ra­ro – al­lo­ra è lam­pan­te che la co­sa non le in­te­res­sa­va!

- La sua pas­sio­ne per l’ar­te e gli ar­ti­sti è pro­fon­da. Non fa che guar­da­re fo­to, di­pin­ti, in­stal­la­zio­ni, film. Rea­gi­sce in mo­do mol­to in­tui­ti­vo ma vuo­le sem­pre ap­pro­fon­di­re ogni con­te­sto. L’am­mi­ra­zio­ne per Fri­da Ka­hlo e l’ami­ci­zia con Ba­squiat so­no note, ma in­sie­me sia­mo sta­ti di­ver­se vol­te nel­lo stu­dio di Tra­cey Emin e a ca­sa di Gil­bert & Geor­ge (ha chie­sto di ve­de­re do­ve dor­mi­va­no). Nel mio ap­par­ta­men­to lon­di­ne­se ha co­no­sciu­to Ra­chel Whi­te­read e nel­la gal­le­ria a Roma Li­sa Yu­ska­va­ge. Una vol­ta ab­bia­mo po­tu­to, ec­ce­zio­nal­men­te, vi­si­ta­re in not­tur­na la re­tro­spet­ti­va di Ar­te Po­ve­ra al­la Ta­te (do­ve ha por­ta­to an­che il pic­co­lo Roc­co) e sia­mo an­da­ti al­la se­ra­ta inau­gu­ra­le del Tur­ner Pri­ze. Ado­ra i gio­va­ni ar­ti­sti e le lo­ro ope­re. Quan­do com­pra qual­co­sa, lo fa per­ché ama ef­fet­ti­va­men­te l’ope­ra e non se ne se­pa­ra mai vo­len­tie­ri.

- Non co­no­sce pau­ra, né in sen­so fi­si­co né in sen­so emo­ti­vo. Non la spa­ven­ta­no il do­lo­re o i sen­ti­men­ti. Ha ri­por­ta­to frat­tu­re, rot­tu­re dei le­ga­men­ti, sti­ra­men­ti mu­sco­la­ri, li­vi­di ed er­nie, ma nes­su­no l’ha mai sen­ti­ta la­men­tar­si. Ac­cet­ta fi­no in fon­do la sof­fe­ren­za ri­te­nen­do­la uno dei prez­zi da pa­ga­re per la sua at­ti­vi­tà. La an­no­ia­no le per­so­ne che si la­men­ta­no per i pro­ble­mi fi­si­ci. Non te­me nep­pu­re il do­lo­re emo­ti­vo e non si ri­trae da­van­ti al­le do­man­de sco­mo­de che qua­si tut­ti noi evi­tia­mo. Vuo­le sen­ti­re la ve­ri­tà, sa­pe­re co­sa suc­ce­de. “Spu­ta il ro­spo, Lor­can!”, mi ha det­to una vol­ta men­tre sul­le sca­le di ca­sa pren­de­vo tem­po ten­tan­do di dir­le una co­sa. “Spu­ta il ro­spo!”.

- Le sue can­zo­ni so­no la rea­le espres­sio­ne del­le sue emo­zio­ni e dei suoi sta­ti men­ta­li. Non so­no sem­pli­ci can­zo­net­te pop, com­pon­go­no una pre­ci­sa au­to­bio­gra­fia, un dia­rio del­le sue emo­zio­ni: l’amore, la fru­stra­zio­ne, la gio­ia, gli strug­gi­men­ti, lo scon­for­to, il riap­pro­priar­si del­la for­za, lo stu­po­re. Tra­mi­te lo­ro è pos­si­bi­le ri­co­strui­re la sua vi­ta amo­ro­sa, fa­mi­glia­re e la­vo­ra­ti­va. C’è tut­to, espres­so con mol­ta schiet­tez­za e vul­ne­ra­bi­li­tà».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.