THE FIGHTER

LA FA­MI­GLIA, LA PA­LE­STRA, LE ME­DA­GLIE D' ORO AL­LE OLIM­PIA­DI, LE ONORIFICENZE, LA FI­DAN­ZA­TA: LA CAM­PIO­NES­SA DI BOXE RACCONTALE SUE BAT­TA­GLIE, SUL RING E PERIDI RITTILGBT

Wired (Italy) - - SCONFINAMENTI - Ni­co­la Adams DI Ju­stin Wood ART

La pugile in­gle­se Ni­co­la Adams, vin­ci­tri­ce di due ori olim­pi­ci e ban­die­ra del mo­vi­men­to Lgbt, nell’au­to­bio­gra­fia Be­lie­ve rac­con­ta la sua vi­ta, ri­per­cor­ren­do gli in­con­tri più du­ri. So­ste­nu­ti sul ring ma an­che fuo­ri dal ring. A sei me­si già cam­mi­na, a sei an­ni pre­fe­ri­sce la bi­ci da cross ai gio­cat­to­li; com­bat­te con­tro un si­ste­ma im­mu­ni­ta­rio che le cau­sa l’asma e un di­stur­bo dell’at­ten­zio­ne che ne ral­len­ta il per­cor­so sco­la­sti­co. Spes­so si do­man­da co­me sa­reb­be fi­ni­ta se, da ado­le­scen­te, non aves­se sco­per­to il pu­gi­la­to. Sin dal pri­mo col­po vi­bra­to in aria ha ca­pi­to che l’avreb­be por­ta­ta al­la felicità. In pa­le­stra so­no tut­ti ma­schi, più for­ti e gran­di, ma il suo ta­len­to le fa pre­sto gua­da­gna­re il ri­spet­to dei col­le­ghi, nel­lo sport in cui le don­ne han­no for­se me­no vo­ce in ca­pi­to­lo. Non ama­va né ama la­men­tar­si: pre­fe­ri­sce cam­bia­re le co­se. Ma­ga­ri vin­cen­do l’oro a Lon­dra 2012, pri­ma edi­zio­ne in cui il pu­gi­la­to fem­mi­ni­le è am­mes­so tra le di­sci­pli­ne olim­pi­che. Quan­do man­da al tap­pe­to la ci­ne­se Ren Can­can, ri­va­le di sem­pre, e quan­do quat­tro an­ni do­po a Rio la ri­but­ta giù, mo­stra a tut­ti che i li­mi­ti non so­no una giu­sti­fi­ca­zio­ne. Lei, ra­gaz­za “di­ver­sa” na­ta in pe­ri­fe­ria, ha rag­giun­to la vet­ta più al­ta del mon­do gra­zie a un’in­crol­la­bi­le fi­du­cia nei suoi mez­zi di don­na, di ne­ra, di bi­ses­sua­le. Og­gi è una del­le vo­ci più in­fluen­ti del­la co­mu­ni­tà gay e la sua me­tà, che pre­sto spo­se­rà, è la pugile sta­tu­ni­ten­se Mar­len Espar­za.

«La Abae (Ama­teur bo­xing as­so­cia­tion of En­gland, ndr) è sta­ta pra­ti­ca­men­te ob­bli­ga­ta a per­met­te­re al­le don­ne di ave­re le stes­se op­por­tu­ni­tà de­gli uo­mi­ni gra­zie all’in­si­sten­za di noi atle­te. No­no­stan­te ci al­le­nas­si­mo per le stes­se com­pe­ti­zio­ni, non era­va­mo una prio­ri­tà; gli uo­mi­ni ve­ni­va­no pri­ma e noi non ave­va­mo al­tra scel­ta che oc­cu­pa­re i po­sti più in­die­tro. Sa­pe­vo che all’epo­ca c’era una men­ta­li­tà re­tro­gra­da ma, ri­pen­san­do­ci og­gi, tut­to sem­bra an­co­ra più scioc­can­te. Mol­te del­le ra­gaz­ze pos­se­de­va­no gran­di do­ti, ep­pu­re nes­su­no cre­de­va in noi. La co­sa in­cre­di­bi­le è che nes­su­no tra i pu­gi­li ma­schi era in al­cun mo­do in­fa­sti­di­to dal fat­to che fos­si­mo don­ne ed era­no sem­pre mol­to ami­che­vo­li e in­co­rag­gian­ti nei no­stri con­fron­ti. Era­no gli al­le­na­to­ri ad ave­re un pro­ble­ma con noi; per lo­ro la boxe era uno sport ma­schi­le. È co­me quan­do qual­cu­no di­ce che gli uo­mi­ni non do­vreb­be­ro fa­re nuo­to sin­cro­niz­za­to o gin­na­sti­ca. E per­ché no? Chi scri­ve le re­go­le su ciò che gli uo­mi­ni e le don­ne do­vreb­be­ro fa­re? Il mo­ti­vo per cui non era­va­mo am­mes­se al pu­gi­la­to pri­ma del 1996 è per­ché, a quan­to pa­re, il ci­clo me­strua­le ci ren­de in­sta­bi­li. Non sto scher­zan­do. S’im­ma­gi­na­va­no una don­na che sa­le sul ring con la sin­dro­me pre­me­strua­le e dà di mat­to. Il fat­to che non sia pas­sa­to mol­to tem­po, da al­lo­ra, è pre­oc­cu­pan­te. Ma poi pen­so che nean­che trop­pi an­ni fa le don­ne non po­te­va­no nean­che vo­ta­re.

[…] Non ho pa­ro­le per de­scri­ve­re il mo­men­to in cui ho rea­liz­za­to che ave­vo vin­to l’oro al­le Olim­pia­di. Ero la pri­ma cam­pio­nes­sa di boxe del­la sto­ria dei Gio­chi. Quel gior­no ho ca­pi­to che tut­to è pos­si­bi­le. Se tu cre­di in te stes­so e non la­sci che nien­te e nes­su­no ti sbar­ri la stra­da, puoi ave­re tut­to quel­lo che vuoi. Una del­le co­se più im­por­tan­ti per me, a pre­scin­de­re da quel­lo che fa­rò in fu­tu­ro, è con­ti­nua­re a ispi­ra­re al­tre don­ne. Cre­scen­do non ho avu­to mol­ti mo­del­li fem­mi­ni­li, a par­te mia ma­dre, e pur­trop­po non c’era­no pu­gi­li olim­pio­ni­che da am­mi­ra­re. Ec­co per­ché è co­sì elet­triz­zan­te per me es­se­re og­gi un mo­del­lo per le gio­va­ni.

So­no del tut­to dal­la par­te del­le don­ne, la co­sa bu •a è che in pas­sa­to non mi con­si­de­ra­vo una fem­mi­ni­sta per­ché, one­sta­men­te, ave­vo un’idea di­stor­ta del suo si­gni­fi­ca­to. Pen­sa­vo: se sei fem­mi­ni­sta, al­lo­ra sei con­tro gli uo­mi­ni e tut­to ti fa ar­rab­bia­re. Og­gi so­no si­cu­ra che le fem­mi­ni­ste era­no di­pin­te co­sì per evi­ta­re che le don­ne si unis­se­ro e si fa­ces­se­ro sen­ti­re. So­lo quan­do ho “goo­gla­to” la pa­ro­la "fem­mi­ni­smo" ho ca­pi­to che in­di­ca una per­so­na che vuo­le ugua­glian­za per en­tram­bi i ses­si. Chi mai non lo vor­reb­be? Per vent’an­ni ho cer­ca­to di tra­sfor­ma­re la boxe in uno sport al­la pa­ri, per uo­mi­ni e don­ne, e lo fa­ro nei pros­si­mi vent’an­ni e ol­tre.

[…] Non ho pro­ble­mi a di­re che so­no bi­ses­sua­le ma quan­do, all’ini­zio del­la car­rie­ra, ho co­min­cia­to a ri­la­scia­re in­ter­vi­ste, non sa­pe­vo co­sa di­re cir­ca la mia ses­sua­li­tà. Non cre­de­vo fos­se qual­co­sa di cui do­ves­si par­la­re, per­ché nul­la ave­va a che fa­re con la mia boxe. Non vo­glio che la gen­te pen­si che mi ver­go­gno di di­re che so­no bi­ses­sua­le, per­ché è l’ul­ti­ma co­sa che sen­to, e nel mo­men­to in cui mi è sta­to chie­sto se lo fos­si, non ho esi­ta­to a ri­spon­de­re in mo­do one­sto. Non ave­vo pau­ra che qual­cu­no mi sco­pris­se, per­ché fran­ca­men­te di che co­sa stia­mo par­lan­do? Se qual­cu­no ha dei pro­ble­mi con il fat­to di es­se­re bi­ses­sua­le – e ri­cor­dia­mo­ci che non vi­via­mo ne­gli an­ni Cin­quan­ta – be' so­no fat­ti suoi.

o fat­to il mio co­ming out “u Ÿcia­le” a 15 an­ni. Per pri­ma l’ho det­to a mia ma­dre. Ero ner­vo­sa, non sa­pe­vo qua­le sa­reb­be sta­ta la sua rea­zio­ne. Co­sa avreb­be det­to? Avreb­be gri­da­to? Avreb­be su­bi­to uno shock? Era­va­mo in cu­ci­na, ini­ziai a par­lar­le pre­pa­ran­do­mi al peg­gio: “Mam­ma, de­vo dir­ti una co­sa, so­no bi­ses­sua­le”. E lei, co­me se nien­te fos­se: “Oh, è ok, lo sa­pe­vo già. Ti di­spia­ce ac­cen­de­re il bol­li­to­re?”. […] Es­se­re in ci­ma al­la “Pink Li­st” del 2012, l’elen­co del­le per­so­ne più in­fluen­ti del mo­vi­men­to Lgbt pub­bli­ca­ta dall’In­de­pen­dent on Sun­day, è sta­to un gran suc­ces­so per me. Aver bat­tu­to Jes­sie J mi ha da­to gran­de sod­di­sfa­zio­ne. Ho sem­pre ap­pog­gia­to le ini­zia­ti­ve del mo­vi­men­to. Ho an­che vin­to un pa­io di “At­ti­tu­de Awards” e so­no sta­ta in­ter­vi­sta­ta da At­ti­tu­de e Di­va. Guar­da­vo sem­pre il mio eroe Mo­ham­med Ali che di­ce­va: “So­no il più gran­de”, ades­so pos­so dir­lo an­che io. So­no do­ve vo­le­vo es­se­re e so­no tut­to quel­lo che ho sem­pre de­si­de­ra­to es­se­re».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.