Vent’an­ni di Sup­si, Ger­va­so­ni: ‘Fie­ro di ogni di­plo­ma­to’

La Sup­si fe­steg­gia l’an­ni­ver­sa­rio. Ger­va­so­ni: ‘Fie­ro di ogni di­plo­ma­to’ In­ter­vi­sta al di­ret­to­re del­la Scuola uni­ver­si­ta­ria pro­fes­sio­na­le. Tra cam­pus in rea­liz­za­zio­ne e pro­spet­ti­ve for­ma­ti­ve, e con la po­li­ti­ca che sem­bra vo­ler al­za­re la vo­ce.

laRegione - - Prima Pagina - di Chia­ra Sca­poz­za

«So­no fie­ro di ogni stu­den­te di­plo­ma­to che ha suc­ces­so nel­la pro­fes­sio­ne, di qual­sia­si pro­get­to che ri­ce­ve un ap­prez­za­men­to da un part­ner, di sa­pe­re che le pro­po­ste di for­ma­zio­ne con­ti­nua pos­so­no es­se­re uti­li per chi le fre­quen­ta». Fran­co Ger­va­so­ni, di­ret­to­re del­la Sup­si dal 2008, non ha dub­bi quan­do gli chie­dia­mo qual è il tra­guar­do rag­giun­to dalla scuola – che ce­le­bra i 20 an­ni di fon­da­zio­ne – di cui va più fie­ro. «So­no que­sti gli aspet­ti che più con­ta­no». Fors’an­che di più ri­spet­to a quan­to ri­sul­ta fa­cil­men­te tan­gi­bi­le: i nu­me­ri in cre­sci­ta (allievi, do­cen­ti, pro­get­ti di ri­cer­ca ecc.), lo svi­lup­po dell’of­fer­ta for­ma­ti­va, quel­lo del­le strut­tu­re... «A li­vel­lo di tra­guar­di, l’ini­zio del­la co­stru­zio­ne dei cam­pus è un so­gno col­ti­va­to per an­ni che ini­zia a rea­liz­zar­si».

Di­ret­to­re Ger­va­so­ni, 20 an­ni di Sup­si e di obiet­ti­vi cen­tra­ti. Qua­li an­co­ra non so­no sta­ti rag­giun­ti?

Un obiet­ti­vo che dob­bia­mo col­ti­va­re è quel­lo che ri­guar­da l’at­trat­ti­va per al­cu­ne ca­te­go­rie di stu­den­ti: da un la­to nel riu­sci­re a “trat­te­ne­re” nei no­stri cur­ri­cu­lum tec­ni­ci più allievi che pro­ven­go­no dal me­dio su­pe­rio­re ti­ci­ne­se; dall’al­tro crea­re un’of­fer­ta che pos­sa stuz­zi­ca­re an­cor di più gli stu­den­ti del­la Sviz­ze­ra in­ter­na, ad esem­pio in am­bi­to ar­ti­sti­co.

Ol­tre al­la co­stru­zio­ne dei cam­pus, qua­li so­no i pros­si­mi pas­si che non po­te­te per­met­ter­vi di sba­glia­re?

Nei pros­si­mi due an­ni do­vre­mo oc­cu­par­ci dell’ac­cre­di­ta­men­to isti­tu­zio­na­le, che con la nuo­va leg­ge di­ven­ta col­let­ti­vo (prima ve­ni­va­no ac­cre­di­ta­ti i sin­go­li cor­si, ndr). Ciò im­pli­ca una ra­dio­gra­fia mol­to ap­pro­fon­di­ta del­la qua­li­tà e dei pro­ces­si. Un se­con­do tema è cer­ta­men­te quel­lo di crea­re una col­la­bo­ra­zio­ne an­co­ra più for­te con le al­tre real­tà uni­ver­si­ta­rie del ter­ri­to­rio, cioè Uni­ver­si­tà del­la Sviz­ze­ra ita­lia­na e Isti­tu­to uni­ver­si­ta­rio fe­de­ra­le per la for­ma­zio­ne pro­fes­sio­na­le. Cre­do che i nuo­vi cam­pus po­tran­no per­met­ter­ci di sfrut­ta­re la pros­si­mi­tà per fa­re squa­dra. Del re­sto, la com­pe­ti­zio­ne per ot­te­ne­re i fi­nan­zia­men­ti per la ri­cer­ca so­prat­tut­to in­ter­na­zio­na­li si gio­ca sem­pre di più tra re­gio­ni an­zi­ché tra scuo­le. Un’al­tra sfi­da è quel­la di riu­sci­re a con­tri­bui­re at­ti­va­men­te al­lo svi­lup­po del­la sen­si­bi­li­tà di­gi­ta­le nel­la scuola e nel­la so­cie­tà ti­ci­ne­se.

Quan­to una scuola co­me la Sup­si de­ve te­ner con­to del­le esi­gen­ze dell’in­du­stria, sen­za che la sua li­ber­tà di pro­gram­ma­zio­ne ven­ga com­pro­mes­sa?

C’è sem­pre un equi­li­brio da tro­va­re tra au­to­no­mia del­la scuola ed esi­gen­ze dell’eco­no­mia rea­le. Po­sto pe­rò che il no­stro svi­lup­po è mol­to – e vo­lu­ta­men­te – cor­re­la­to agli svi­lup­pi dei va­ri set­to­ri: il no­stro obiet­ti­vo è far in mo­do che il di­plo­ma­to pos­sa es­se­re ra­pi­da­men­te in­se­ri­to nel mon­do del la­vo­ro.

Quan­to può an­co­ra cre­sce­re la Sup­si in una di­men­sio­ne ti­ci­ne­se?

Si­cu­ra­men­te a li­vel­lo quan­ti­ta­ti­vo non può cre­sce­re co­me ne­gli ul­ti­mi die­ci

an­ni. Og­gi ab­bia­mo una buo­na ba­se a li­vel­lo di for­ma­zio­ne: bi­so­gne­rà ve­ro­si­mil­men­te mo­di­fi­car­ne i con­te­nu­ti, per­ché le pro­fes­sio­ni cam­bia­no e do­vre­mo adat­tar­ci. Stia­mo ri­flet­ten­do al mon­do del­le scien­ze del­la vi­ta: c’è spa­zio per

una for­ma­zio­ne pro­fes­sio­na­le sup? Sa­ran­no va­lu­ta­zio­ni da fa­re nel pros­si­mo fu­tu­ro. In Ti­ci­no nel set­to­re c’è un im­por­tan­te svi­lup­po, ma bi­so­gna an­che chie­der­si se la mas­sa cri­ti­ca è suf­fi­cien­te.

TI-PRESS

Fran­co Ger­va­so­ni, di­ret­to­re dal gen­na­io del 2008

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland

© PressReader. All rights reserved.