L’im­por­tan­za del ri­da­re di­gni­tà al gio­co li­be­ro e spon­ta­neo

laRegione - - Lugano E Dintorni -

Don Ema­nue­le, c’è mai sta­ta qual­che pa­ren­te­si ne­ga­ti­va?

I mo­men­ti più dif­fi­ci­li li ho vis­su­ti quan­do ab­bia­mo avu­to dei bam­bi­ni con dei lo­ro dram­mi, ma­ga­ri fa­mi­lia­ri, di vio­len­za. Co­me sa­cer­do­te una lo­ro sof­fe­ren­za crea do­lo­re an­che in me. Vi so­no poi dei mo­men­ti di ten­sio­ne quan­do i ra­gaz­zi non stan­no al­le re­go­le, quan­do c’è qual­cu­no, an­che de­gli adul­ti, che non vi­ve be­ne l’espe­rien­za e ma­ga­ri si in­ne­sca­no con­flit­ti fra di lo­ro. Riu­sci­re a re­cu­pe­ra­re il bel­lo che han­no fat­to e ri­tro­va­re un sen­so non è sem­pre evi­den­te. Sen­za di­men­ti­ca­re l’aspet­to eco­no­mi­co: vi­ven­do al mo­men­to di so­le do­na­zio­ni di pri­va­ti e fon­da­zio­ni, quan­do ci ri­tro­via­mo a do­ver sal­da­re le fat­tu­re e ab­bia­mo l’ac­qua al­la go­la. La risposta è ‘dp’ che sta per Di­vi­na Prov­vi­den­za. È ri­schio­so ma fi­no ades­so ha sem­pre fun­zio­na­to.

Co­sa ha più a cuo­re dell’Ora­to­rio?

L’Ora­to­rio ha un aspet­to cul­tu­ra­le, di for­ma­zio­ne, ma è il gio­co a ri­ve­sti­re una gran­de im­por­tan­za. Dob­bia­mo ri­da­re di­gni­tà al gio­co li­be­ro. I no­stri bam­bi­ni han­no un’agen­da che sem­bra­no dei ma­na­ger. L’idea di ve­ni­re all’Ora­to­rio e ge­sti­re il tem­po spon­ta­nea­men­te è un aspet­to che vo­glia­mo far re­cu­pe­ra­re. Al­cu­ni ra­gaz­zi ci rie­sco­no, al­tri me­no; amal­ga­ma­re il grup­po per­ciò è una bel­la sfi­da!

Da qua­li va­lo­ri ri­par­ti­re?

Og­gi vi è un po’ l’idea del ‘con­su­ma­re’ l’al­tro. Mi va fin­ché mi cor­ri­spon­de; una vol­ta che non è più se­con­do i miei de­si­de­ri lo ab­ban­do­no. Per­ciò è ne­ces­sa­rio ri­par­ti­re dall’amo­re, ca­pi­re cos’è ve­ra­men­te. Cer­to è dif­fi­ci­le quan­do i ra­gaz­zi ven­go­no da una si­tua­zio­ne ‘un po’ con­fu­sa’. Pe­rò non dob­bia­mo ca­de­re nel pre­giu­di­zio e di­re ‘guarda che de­vi la­vo­ra­re per una si­tua­zio­ne giu­sta!’. No. Esi­ste un cam­mi­no di cia­scu­no; mai por­ta­re a di­sprez­za­re la pro­pria vi­ta.

Par­lia­mo al­lo­ra di ‘Ape’.

È l’As­so­cia­zio­ne pro­po­ste edu­ca­ti­ve che ab­bia­mo fon­da­to que­st’an­no. Ge­sti­sce i ma­te­ria­li lu­di­ci, co­me i gon­fia­bi­li, i pop corn, lo zuc­che­ro fi­la­to. In quell’ot­ti­ca del fa­re fe­sta, del­lo sta­re in­sie­me, con­fi­dia­mo su un’équi­pe do­ve ogni mo­men­to ri­crea­ti­vo è ga­ran­ti­to con com­pe­ten­za.

Con Lo­ren­zi­no, nuo­va ma­scot­te

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland

© PressReader. All rights reserved.