Que­stio­ne d’istin­to e di let­tu­ra

Pa­ran­do il ri­go­re di Pe­khart all’11’ Da Co­sta ha te­nu­to a gal­la il Lu­ga­no: ‘Siamo cre­sciu­ti nel cor­so del­la par­ti­ta’

laRegione - - Sport - Dall’inviato Se­ba­stia­no Sto­rel­li

Beer She­va – Quel tuf­fo sul­la si­ni­stra a de­via­re il pal­lo­ne cal­cia­to da­gli un­di­ci me­tri da Pe­khart è sta­to, pro­ba­bil­men­te, il ge­sto più bel­lo dell’in­te­ra se­ra­ta tra­scor­sa dal Lu­ga­no sull’er­ba del Tur­ner Sta­dium. Con quel­la pa­ra­ta Da­vid Da Co­sta ha te­nu­to a gal­la un va­scel­lo bian­co­ne­ro in pro­cin­to di nau­fra­ga­re. Era ap­pe­na l’11’ e il Lu­ga­no sta­va per in­cas­sa­re il se­con­do gol: fos­se en­tra­to an­che quel pal­lo­ne, sa­reb­be pro­ba­bil­men­te fi­ni­ta in go­lea­da per gli israe­lia­ni... «Con lo staff tec­ni­co ana­liz­zia­mo sem­pre le ca­rat­te­ri­sti­che dei ri­go­ri­sti av­ver­sa­ri – af­fer­ma il nu­me­ro uno bian­co­ne­ro – e nel ca­so di Pe­khart ave­va­mo a di­spo­si­zio­ne dei fil­ma­ti che mo­stra­va­no co­me lui pre­fe­ris­se bat­te­re sul­la sua si­ni­stra. Que­sta vol­ta, pe­rò, mi so­no fi­da­to del mio istin­to e dell’abi­tu­di­ne ma­tu­ra­ta nel leg­ge­re il pie­de di chi cal­cia. Ho de­ci­so di an­da­re al­la mia si­ni­stra ed è an­da­ta be­ne». Una pa­ra­ta fon­da­men­ta­le... «In quel mo­men­to del­la par­ti­ta ha po­tu­to aiu­ta­re la squa­dra a su­pe­ra­re un ini­zio trau­ma­ti­co. Ri­tro­var­si sot­to 2-0 dopo ap­pe­na 11’ avreb­be rap­pre­sen­ta­to un ma­ci­gno per il pro­sie­guo del­la sfi­da. Al­la fi­ne, pe­rò, de­vi sem­pre guar­da­re co­sa ti ri­tro­vi in va­li­gia al mo­men­to del ri­tor­no: e quel che ci ve­do io so­no ze­ro pun­ti. C’è ov­via­men­te dell’ama­rez­za per la scon­fit­ta, ma bi­so­gna cer­ca­re di ana­liz­za­re pu­re la parte pie­na del bic­chie­re e que­sta è rap­pre­sen­ta­ta dalla cre­sci­ta che la squa­dra ha espres­so nel cor­so dei 90’. È nor­ma­le che con tanti gio­ca­to­ri al­la lo­ro prima espe­rien­za in Eu­ro­pa si deb­ba met­te­re in con­to qual­che dif­fi­col­tà ini­zia­le do­vu­ta al ner­vo­si­smo e all’am­bien­te estre­ma­men­te cal­do. Ab­bia­mo gio­ca­to in uno sta­dio con 13-15’000 spet­ta­to­ri, ma si fa­ce­va­no sen­ti­re co­me se fos­se­ro sta­ti in 40’000 e que­sto è un aspet­to im­por­tan­te an­che per la cre­sci­ta dei sin­go­li, con­fron­ta­ti con una real­tà al­la qua­le non so­no abi­tua­ti e che dà lo­ro la pos­si­bi­li­tà di ma­tu­ra­re».

‘In Cop­pa nien­te scher­zi’

Il Lu­ga­no ha avu­to il me­ri­to di non an­da­re al­la de­ri­va dopo il dif­fi­ci­le ini­zio... «An­zi, con un piz­zi­co di for­tu­na avrem­mo pu­re po­tu­to pa­reg­gia­re. Per lo me­no l’esor­dio, con tut­te le sue in­co­gni­te, ce lo siamo mes­si al­le spal­le: si po­treb­be pen­sa­re che sia l’uni­co aspet­to po­si­ti­vo che ci ri­por­tia­mo a ca­sa da Israe­le. Scher­zi a parte, ab­bia­mo avu­to mo­do di ca­pi­re co­sa si­gni­fi­ca la pa­ro­la “fi­si­ci­tà” a li­vel­lo eu­ro­peo. Le squa­dre che in­con­tre­re­mo sa­ran­no tut­te sul

li­vel­lo di for­za mu­sco­la­re del Beer She­va, men­tre se guar­di la no­stra ro­sa non è for­ma­ta da ‘mar­can­to­ni’. D’al­tra parte ab­bia­mo gli uo­mi­ni giu­sti per pra­ti­ca­re il gio­co che vo­glia­mo, va­le a di­re quel­lo mo­stra­to nel­la ri­pre­sa, quan­do ab­bia­mo fat­to gi­ra­re la pal­la e l’av­ver­sa­rio. A fi­ne par­ti­ta il pub­bli­co ci ha ap­plau­di­ti e que­sto si­gni­fi­ca che la no­stra pre­sta­zio­ne

non è sta­ta un di­sa­stro. A pen­sar­ci be­ne, sa­reb­be sta­to me­glio se ci aves­se­ro fi­schia­to in quan­to vin­ci­to­ri…. Ci ser­va da le­zio­ne, ma se­con­do me il mes­sag­gio è sta­to re­ce­pi­to già a par­ti­ta in cor­so, tant’è ve­ro che siamo cre­sciu­ti con il pas­sa­re dei mi­nu­ti». Dal bel­lis­si­mo sta­dio di Beer She­va a un cam­po di Prima Le­ga nel gi­ro di due gior­ni. Do­ma­ni vi

aspet­ta­no i 16esi­mi di Cop­pa Sviz­ze­ra a Kö­niz... «Oc­cor­re pro­fes­sio­na­li­tà e io cer­co di mo­stra­re con l’esem­pio la ne­ces­si­tà ri­ma­ne­re sul pez­zo, con­tro ogni av­ver­sa­rio. Ai tem­pi del­lo Zu­ri­go ave­vo avu­to la pos­si­bi­li­tà di gio­ca­re due o tre vol­te con­tro il Kö­niz e so quan­to sia dif­fi­ci­le fa­re ri­sul­ta­to su quel cam­po. Lo staff sta fa­cen­do un la­vo­ro en­co­mia­bi­le per far­ci ca­pi­re

co­me va­da­no af­fron­ta­te que­ste set­ti­ma­ne tan­to ca­ri­che, nel­le qua­li pas­si dall’Eu­ro­pa a un cam­pet­to di Prima Le­ga. Do­vre­mo es­se­re men­tal­men­te pron­ti, sen­za sot­to­va­lu­ta­re un av­ver­sa­rio che gio­che­rà con­tro di noi la par­ti­ta del­la sta­gio­ne. Non ho al­cu­na in­ten­zio­ne di tor­na­re un Ti­ci­no con la de­lu­sio­ne per un’eli­mi­na­zio­ne fi­glia di un ap­proc­cio sba­glia­to».

TI-PRESS/PUTZU

‘A fi­ne par­ti­ta il pub­bli­co ci ha ap­plau­di­ti e que­sto si­gni­fi­ca che la no­stra pre­sta­zio­ne non è sta­ta un di­sa­stro’

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland

© PressReader. All rights reserved.