‘Un co­per­chio su una pen­to­la a pres­sio­ne’

laRegione - - Svizzera - di Ste­fa­no Guer­ra

Tet­ti di spe­sa vin­co­lan­ti (o ‘bud­get glo­ba­li’) per con­te­ne­re i co­sti nel set­to­re am­bu­la­to­ria­le? Li pro­po­ne un grup­po d’esper­ti in­ca­ri­ca­to dal Con­si­glio fe­de­ra­le (cfr. ‘laRe­gio­ne’, 26.10.2017). Ne par­lia­mo con l’eco­no­mi­sta Lu­ca Cri­vel­li, di­ret­to­re del Di­par­ti­men­to eco­no­mia azien­da­le, sa­ni­tà e so­cia­le del­la Sup­si e pro­fes­so­re all’Usi di Lu­ga­no.

Il Ti­ci­no, come Vaud e Gi­ne­vra, ap­pli­ca già i bud­get glo­ba­li nel set­to­re sta­zio­na­rio. Con qua­li ri­sul­ta­ti?

Dif­fi­ci­le dir­lo. La LAMal co­mun­que con­tem­pla già la fa­col­tà di in­tro­dur­re un bud­get glo­ba­le per ospe­da­li e ca­se di cu­ra. In Ti­ci­no so­no og­get­to di un con­trat­to di pre­sta­zio­ne tra Cantone e sin­go­li ospe­da­li: per ogni sin­go­lo ospe­da­le vie­ne de­fi­ni­to un tet­to di spe­sa, sul­la ba­se di un mo­del­lo pre­dit­ti­vo ba­sa­to sui da­ti sto­ri­ci, e il Cantone con­ge­la il suo con­tri­bu­to ad un mon­tan­te glo­ba­le nel­la mi­su­ra in cui i vo­lu­mi di pa­zien­ti si si­tua­no in un in­ter­val­lo di più o meno il 3%. Ma è dif­fi­ci­le im­ma­gi­na­re un mec­ca­ni­smo si­mi­le nel set­to­re am­bu­la­to­ria­le (con mi­glia­ia di at­to­ri) sen­za au­men­ta­re in mo­do espo­nen­zia­le i co­sti am­mi­ni­stra­ti­vi.

Nes­sun ‘ef­fet­to ef­fi­ca­ce sul con­te­ni­men­to dei co­sti,’ quin­di?

L’obiet­ti­vo di que­sti in­ter­ven­ti do­vreb­be sem­pre es­se­re quel­lo di au­men­ta­re il va­lo­re (in ter­mi­ni di qua­li­tà di vi­ta) di quan­to vie­ne spe­so nel set­to­re sa­ni­ta­rio. Un bud­get glo­ba­le co­sì ge­ne­ra­liz­za­to può cer­ta­men­te aiu­ta­re a con­te­ne­re l’evo­lu­zio­ne del­la spe­sa, ma non of­fre al­cu­na ga­ran­zia sul fat­to che i sol­di sia­no ef­fet­ti­va­men­te spe­si nel mo­do più ef­fi­ca­ce. Si ri­schia dun­que di pe­na­liz­za­re chi la­vo­ra con co­scien­za e di non con­te­ne­re a suf­fi­cien­za quei for­ni­to­ri di pre­sta­zio­ne che per­se­ve­ra­no nell’au­men­ta­re op­por­tu­ni­sti­ca­men­te le pro­prie pre­sta­zio­ni, an­che quan­do es­se so­no po­co uti­li.

Per le prin­ci­pa­li or­ga­niz­za­zio­ni del set­to­re, i tet­ti di spe­sa in­du­co­no un ‘ra­zio­na­men­to oc­cul­to del­le pre­sta­zio­ni,’ a sca­pi­to so­prat­tut­to di pa­zien­ti an­zia­ni e cro­ni­ci. Con­cor­da?

È ve­ro che un bud­get glo­ba­le equi­va­le a met­te­re un co­per­chio su una pen­to­la a pres­sio­ne. Non di­ce nul­la su co­sa suc­ce­de­rà den­tro la pen­to­la e po­treb­be im­pli­ci­ta­men­te con­dur­re a de­ci­sio­ni che li­mi­ta­no la spe­sa in am­bi­ti nei qua­li non so­lo il co­sto, ma an­che il va­lo­re del­le pre­sta­zio­ni è mol­to ele­va­to, pro­prio per­ché que­ste ri­guar­da­no pa­zien­ti af­fet­ti da pa­to­lo­gie cro­ni­che e mul­ti­ple. Un’al­ter­na­ti­va più tra­spa­ren­te ed ef­fi­ca­ce è quel­la di raf­for­za­re le va­lu­ta­zio­ni Hta (Heal­th Tech­no­lo­gy As­sess­ment) che con­sen­to­no di esclu­de­re in mo­do espli­ci­to dal­la LAMal pre­sta­zio­ni il cui be­ne­fi­cio per il pa­zien­te non cor­ri­spon­de al co­sto cau­sa­to al­la società. Si trat­te­reb­be di raf­for­za­re il pe­so di un’isti­tu­zio­ne esi­sten­te, lo Swiss Me­di­cal Board, le cui rac­co­man­da­zio­ni ora non so­no giu­ri­di­ca­men­te vin­co­lan­ti.

Al­tra mi­su­ra pro­po­sta: un ar­ti­co­lo nel­la LAMal che con­sen­ta di ‘spe­ri­men­ta­re nuo­ve so­lu­zio­ni.’ Qua­li?

La pri­ma idea che mi vie­ne in men­te è l’ap­pli­ca­zio­ne del con­cet­to “una pre­sta­zio­ne – un prez­zo”. Og­gi lo stes­so in­ter­ven­to vie­ne re­mu­ne­ra­to in mo­do di­ver­so se que­sto è ero­ga­to in re­gi­me sta­zio­na­rio o in day ho­spi­tal. Nel pri­mo ca­so si ap­pli­ca­no i Drg (o ‘for­fait per ca­so’), nel se­con­do si fat­tu­ra tra­mi­te Tar­med. Non so­lo. Nel pri­mo ca­so la fat­tu­ra è co­per­ta nel­la mi­su­ra del 55% dal Cantone e del 45% dal­la cas­sa malati, nel se­con­do vie­ne rim­bor­sa­ta per in­te­ro dall’as­si­cu­ra­zio­ne ma­lat­tia. Il pro­ble­ma è no­to, ma nel si­ste­ma el­ve­ti­co, di stam­po cor­po­ra­ti­vi­sta, è mol­to dif­fi­ci­le tro­va­re sul pia­no na­zio­na­le il con­sen­so ne­ces­sa­rio a rea­liz­za­re la ri­for­ma. Il nuo­vo ar­ti­co­lo per­met­te­reb­be di spe­ri­men­ta­re a li­vel­lo can­to­na­le, l’espe­rien­za pi­lo­ta an­dreb­be va­lu­ta­ta e sem­mai tra­sfe­ri­ta sul pia­no na­zio­na­le.

Lu­ca Cri­vel­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland

© PressReader. All rights reserved.