GdP, in­chio­stro agli­sgoc­cio­li

L’edi­to­re, il ve­sco­vo Laz­ze­ri, ha inol­tra­to l’istan­za di fal­li­men­to. ‘Non ho avu­to al­tra scel­ta’. Re­sta­no a ca­sa una tren­ti­na di di­pen­den­ti, a cui è stato ga­ran­ti­to il sa­la­rio di mag­gio ma non il pia­no so­cia­le. ‘Per riu­sci­re a pro­por­lo avrem­mo do­vu­to de­po

laRegione - - Il Fatto Del Giorno - Di Chia­ra Sca­poz­za

Il pun­to che con­clu­de una sto­ria lun­ga 92 an­ni lo ha mes­so ieri l’edi­to­re. De­po­si­tan­do i bi­lan­ci in pre­tu­ra a Lu­ga­no e in­ter­rom­pen­do la pub­bli­ca­zio­ne del ‘Gior­na­le del Po­po­lo’. Og­gi il gior­na­le è in edi­co­la, po­treb­be es­se­re l’ul­ti­mo nu­me­ro. «Non ho avu­to al­tra scel­ta», di­ce il ve­sco­vo Va­le­rio Laz­ze­ri quan­do gli chie­dia­mo i mo­ti­vi che lo han­no por­ta­to a pro­ce­de­re con l’istan­za di fal­li­men­to. Ieri mat­ti­na la co­mu­ni­ca­zio­ne al­la di­re­zio­ne, poi ai di­pen­den­ti. Una tren­ti­na. Nes­su­no di lo­ro si at­ten­de­va una fi­ne co­sì re­pen­ti­na: “Sia­mo tut­ti scioc­ca­ti”. Que­ste le pa­ro­le ai mi­cro­fo­ni del­la ‘Rsi’ del­la di­ret­tri­ce Ales­san­dra Zum­thor, che no­no­stan­te fos­se a co­no­scen­za del­le dif­fi­col­tà fi­nan­zia­rie con­se­guen­ti al fal­li­men­to di Pu­bli­ci­tas – la so­cie­tà a cui il GdP da gen­na­io si era af­fi­da­to per la rac­col­ta del­la pub­bli­ci­tà – pen­sa­va di po­ter pro­va­re a bat­te­re al­tre pi­ste per co­pri­re il bu­co, un po’ co­me già suc­ces­so in pas­sa­to. Bu­co quan­ti­fi­ca­to da Zum­thor in 400mi­la fran­chi, men­tre l’edi­to­re pre­fe­ri­sce non da­re ci­fre, la­scian­do in­ten­de­re che in gio­co ci sia­no im­por­ti più im­por­tan­ti.

Ve­sco­vo Laz­ze­ri, co­me com­men­ta la si­tua­zio­ne che si è ve­nu­ta a crea­re?

È una real­tà che ci ad­do­lo­ra pro­fon­da­men­te, so­prat­tut­to pen­san­do a co­lo­ro che non po­tran­no più la­vo­ra­re e ai let­to­ri che non avran­no più il gior­na­le tra le lo­ro ma­ni in fu­tu­ro. È chia­ra­men­te un mo­men­to dif­fi­ci­lis­si­mo per tut­ti. Ma d’al­tra par­te mi so­no tro­va­to do­po il fal­li­men­to di Pu­bli­ci­tas in una si­tua­zio­ne che non mi per­met­te­va al­tra scel­ta: l’agen­zia ave­va pro­mes­so di ga­ran­ti­re qua­si la me­tà del bud­get del gior­na­le. Il suo fal­li­men­to ci ha la­scia­ti sen­za la ne­ces­sa­ria li­qui­di­tà per por­ta­re avan­ti un la­vo­ro che gior­nal­men­te ri­chie­de una di­spo­ni­bi­li­tà mol­to im­por­tan­te di fon­di. Ho do­vu­to sce­glie­re: fa­re an­da­re avan­ti il la­vo­ro nell’im­pos­si­bi­li­tà di da­re lo sti­pen­dio il me­se prossimo op­pu­re chiu­de­re ades­so e fa­re in mo­do che dal me­se prossimo per i la­vo­ra­to­ri pos­sa­no su­ben­tra­re al­tre tu­te­le.

Ha scel­to la se­con­da op­zio­ne, ga­ran­ten­do lo sti­pen­dio di mag­gio. Non c’era­no dav­ve­ro al­tre pos­si­bi­li­tà per pro­lun­ga­re l’av­ven­tu­ra?

Chiusa la col­la­bo­ra­zio­ne col CdT ab­bia­mo fat­to un ten­ta­ti­vo estre­mo, de­ci­den­do di pro­se­gui­re in mo­do au­to­no­mo. È chia­ro che si può sem­pre tro­va­re uno spi­ra­glio per di­re che non si è pro­va­to pro­prio tut­to... Pe­rò non vor­rei mas­sa­cra­re ul­te­rior­men­te la ca­pa­ci­tà di so­ste­ne­re si­tua­zio­ni che non han­no fon­da­men­to. An­che se ci fos­se un’im­por­tan­te im­mis­sio­ne di ca­pi­ta­le ti­re­rem­mo avan­ti qual­che me­se, ma poi ci tro­ve­rem­mo nel­la stes­sa si­tua­zio­ne. Il pro­ble­ma è quel­lo di un cam­bia­men­to di epo­ca, che ren­de il gior­na­le car­ta­ceo un pro­dot­to de­li­ca­to e dif­fi­cil­men­te so­ste­ni­bi­le.

Col sen­no di poi è tut­to più fa­ci­le, ma la stra­te­gia di cam­mi­na­re da so­li non sem­bra es­se­re sta­ta quel­la giu­sta...

Bisogna te­ne­re pre­sen­te che il CdT era un partner im­por­tan­te del GdP, che ha per­mes­so al gior­na­le di an­da­re avan­ti per di­ver­si an­ni. Ma si trat­ta­va di un con­trat­to, non di una pre­sa a ca­ri­co da par­te del CdT con la ga­ran­zia di cor­reg­ge­re qual­sia­si si­tua­zio­ne di dif­fi­col­tà... Ciò si­gni­fi­ca che era­va­mo nel con­trat­to con degli im­pe­gni, del­le con­di­zio­ni, che do­ve­va­mo poi es­se­re in gra­do di one­ra­re. A un da­to pun­to ci sia­mo chie­sti se era­va­mo an­co­ra in gra­do di sti­pu­la­re un nuo­vo con­trat­to. So­no tut­te va­lu­ta­zio­ni che han­no dei pro e dei con­tro. In quel mo­men­to ci è sem­bra­to che era pos­si­bi­le an­da­re avan­ti sen­za con­di­zio­nar­ci trop­po per il fu­tu­ro, ab­bia­mo ten­ta­to e pur­trop­po non è an­da­ta be­ne.

È stato espres­so stu­po­re da par­te di col­la­bo­ra­to­ri e di­re­zio­ne, que­st’ul­ti­ma im­pe­gna­ta a co­pri­re il bu­co...

Le ci­fre io non vo­glio e non pos­so com­men­tar­le, vi­sto che c’è un’istan­za pre­sen­ta­ta al pre­to­re. È chia­ro pe­rò che se ab­bia­mo deciso que­sto pas­so è per­ché una so­lu­zio­ne fa­ci­le non c’era: del re­sto quante vol­te la Dio­ce­si ha im­mes­so ca­pi­ta­li ben più con­si­sten­ti di 400mi­la fran­chi per sal­va­re il gior­na­le. Se ci fos­se sta­ta que­sta pos­si­bi­li­tà, l’avrem­mo per­cor­sa... È evi­den­te che al di là di sal­va­re mo­men­ta­nea­men­te una si­tua­zio­ne, a un cer­to pun­to bisogna ar­ri­va­re a di­re “non ce la fac­cia­mo più”.

Un pia­no so­cia­le non è pre­vi­sto. Per i di­pen­den­ti co­sa si pre­fi­gu­ra?

La si­tua­zio­ne per lo­ro è quel­la di una so­cie­tà che ha in­tra­pre­so una pro­ce­du­ra di fal­li­men­to. So­no evi­den­te­men­te i pri­mi cre­di­to­ri che pos­so­no van­ta­re di­rit­ti e lo fa­ran­no nel­le for­me che so­no a lo­ro con­ces­se. Per il mo­men­to, non pos­sia­mo di­re al­tro, al­me­no fin­ché il pre­to­re non si sa­rà espres­so. Evi­den­te­men­te se non ab­bia­mo fat­to il pia­no so­cia­le è per­ché ci sia­mo tro­va­ti nel­la con­di­zio­ne di non po­ter­lo of­fri­re. Un pia­no so­cia­le per tren­ta col­la­bo­ra­to­ri vuol di­re met­te­re la Dio­ce­si in gi­noc­chio: un de­bi­to enor­me che avreb­be con­dot­to la Cu­ria a por­ta­re i li­bri in pre­tu­ra...

Ave­te va­lu­ta­to la pos­si­bi­li­tà di usci­re con un set­ti­ma­na­le?

Cer­to. Ma un set­ti­ma­na­le non im­pie­ga più di quat­tro o cin­que per­so­ne, quin­di il di­sa­gio sa­reb­be stato ri­dot­to di po­co per i col­la­bo­ra­to­ri. Gli in­ve­sti­men­ti inol­tre non so­no me­no gra­vo­si, sen­za pe­ral­tro al­cu­na ga­ran­zia di so­ste­ni­bi­li­tà di una si­mi­le impresa. È chia­ro che in fu­tu­ro do­vre­mo tro­va­re il mo­do di con­ti­nua­re a espri­me­re la vo­ce del­la Chie­sa cat­to­li­ca in al­tri mo­di. Fi­no­ra lo ab­bia­mo fat­to col gior­na­le, in pro­spet­ti­va do­vre­mo pen­sa­re e con­si­de­ra­re qua­li al­tre pos­si­bi­li­tà ci of­fre la si­tua­zio­ne at­tua­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland

© PressReader. All rights reserved.