Il po­po­lo so­pra e con­tro tut­to

laRegione - - Prima Pagina - di Ste­fa­no Guer­ra

L’iniziativa po­po­la­re det­ta ‘Per l’au­to­de­ter­mi­na­zio­ne’ non pre­ve­de la di­sdet­ta au­to­ma­ti­ca del­la Con­ven­zio­ne eu­ro­pea dei di­rit­ti dell’uo­mo (Ce­du). Di­ce che in ca­so di “con­trad­di­zio­ne” con la Co­sti­tu­zio­ne, que­sto e al­tri trat­ta­ti in­ter­na­zio­na­li po­tran­no “se ne­ces­sa­rio” es­se­re de­nun­cia­ti. Sa­ran­no in ogni ca­so go­ver­no e par­la­men­to, sem­mai il po­po­lo a de­ci­der­lo. E an­che se fra due set­ti­ma­ne pre­var­rà il ‘sì’, è im­pro­ba­bi­le che un domani pos­sa es­ser­ci in que­sto Pae­se una mag­gio­ran­za fa­vo­re­vo­le a un si­mi­le pas­so. Per­si­no i te­no­ri dell’Udc, do­po aver can­ta­to tut­to e il con­tra­rio di tut­to, ora fre­na­no: Ch­ri­sto­ph Blo­cher di­ce or­mai di non ave­re “nul­la” con­tro la Ce­du; e per il con­si­glie­re nazionale Hans-Ue­li Vogt, ‘pa­dre’ del te­sto, una de­nun­cia da par­te el­ve­ti­ca è esclu­sa. Quan­to ai giu­di­ci, l’iniziativa non dà lo­ro al­cu­na nuo­va, chia­ra con­se­gna sul da far­si. Non si sa mai, pe­rò. De­gli as­se­gni in bian­co, me­glio dif­fi­da­re. È le­git­ti­mo dun­que te­mer­ne le im­pli­ca­zio­ni per la tu­te­la dei di­rit­ti uma­ni, fos­se­ro so­lo quel­le sim­bo­li­che. E fa be­ne chi la com­bat­te a usa­re im­ma­gi­ni for­ti: il fon­da­to­re del­la Cro­ce Ros­sa Hen­ri Du­nant, “tra­di­to”; una se­ga che tri­tu­ra i di­rit­ti uma­ni; la Svizzera che “re­si­ste” ai Trump, ai Pu­tin, agli Er­do­gan che la fan da pa­dro­ne. Nei pan­ni di “Da­vi­de con­tro Go­lia”, de­mo­cen­tri­sti e le­ghi­sti fan­no gli scan­da­liz­za­ti. Am­mic­ca­no ai ‘mo­de­ra­ti’, con­fi­dan­do che ab­bia­no la me­mo­ria cor­ta e non ri­cor­di­no che i cor­vi, i to­pi, le pe­co­re ne­re e i la­dri (ne­ri, na­tu­ral­men­te) di pas­sa­por­ti ros­so­cro­cia­ti, af­fis­si fi­no a ie­ri a ogni an­go­lo di stra­da, so­no fa­ri­na del­lo stes­so sac­co. Udc e Le­ga han­no ca­pi­to l’an­ti­fo­na. San­no che un con­to è cri­ti­ca­re (non lo fan­no sem­pre a tor­to) sin­go­le sen­ten­ze del­la Cor­te di Stra­sbur­go, ma che tutt’al­tra sto­ria è as­su­mer­si ap­pie­no la re­spon­sa­bi­li­tà di spia­na­re la stra­da al­la di­sdet­ta del­la Ce­du o all’esclu­sio­ne del­la Svizzera dal Con­si­glio d’Eu­ro­pa, a se­gui­to di un ri­pe­tu­to, man­ca­to ri­spet­to del­le de­ci­sio­ni dei giu­di­ci ‘stra­nie­ri’. Me­glio met­ter­la su un al­tro pia­no, perciò. Si trat­te­reb­be al­lo­ra, né più né me­no, di “sal­va­re” la de­mo­cra­zia di­ret­ta dall’“abu­so di po­te­re” com­mes­so dal­le “éli­te po­li­ti­che li­be­ra­li e so­cia­li­ste che sie­do­no a Ber­na”, che “di­co­no al po­po­lo che può an­co­ra vo­ta­re, ma non l’ascol­ta­no più” (Blo­cher). Cer­to, an­che so­lo l’im­pres­sio­ne che il po­po­lo vo­ti e poi po­li­ti­ci o giu­di­ci non ne ri­spet­ti­no la vo­lon­tà, può ali­men­ta­re il ri­sen­ti­men­to nei con­fron­ti del­le isti­tu­zio­ni e fa­vo­ri­re l’asten­sio­ne, nuo­cen­do quin­di al­la de­mo­cra­zia di­ret­ta. Non è un aspet­to di po­co con­to, tan­to più se si pen­sa che me­no del­la me­tà de­gli sviz­ze­ri vo­ta e che so­no sem­pre più nu­me­ro­si gli ‘in­di­gen­ti me­dia­ti­ci’ (quan­do in­for­mar­si è un pre­sup­po­sto del li­be­ro eser­ci­zio del di­rit­to di vo­to). Ma fer­mia­mo­ci qui. La que­stio­ne ora va posta in al­tri ter­mi­ni. Piac­cia o no all’Udc, il po­po­lo che si vor­reb­be so­pra tut­to, è quel­lo che – in vir­tù del­la Co­sti­tu­zio­ne! – eleg­ge il par­la­men­to, che a sua vol­ta eleg­ge go­ver­no e giu­di­ci fe­de­ra­li e che de­ci­de co­me at­tua­re le ini­zia­ti­ve. È il po­po­lo che ha l’ul­ti­ma pa­ro­la sui prin­ci­pa­li trat­ta­ti in­ter­na­zio­na­li e può chie­de­re quan­do vuo­le di di­sdir­li. Ed è sem­pre lo stes­so, ‘in­fal­li­bi­le’ po­po­lo che non ha vo­lu­to sa­per­ne di ac­col­lar­si l’one­re di eleg­ge­re il Con­si­glio fe­de­ra­le (2013), né di es­se­re ob­bli­ga­to a vo­ta­re sui trat­ta­ti in­ter­na­zio­na­li (2012). Dei­fi­car­lo, pur con un’iniziativa sì per­ni­cio­sa ma astrat­ta, dal­le ar­mi spun­ta­te (di­fat­ti l’Udc ne ha già lan­cia­ta una as­sai più in­ci­si­va, per abo­li­re la libera cir­co­la­zio­ne), è mi­sco­no­scer­ne il ruo­lo: quel­lo di or­ga­no co­sti­tu­zio­na­le fra al­tri, che con­tri­bui­sce “al­la sag­gia coo­pe­ra­zio­ne” tra que­sti, af­fin­ché – co­me qual­cu­no ha ri­le­va­to – “il prin­ci­pio del­la mag­gio­ran­za non si tra­sfor­mi in dit­ta­tu­ra del­la mag­gio­ran­za”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland

© PressReader. All rights reserved.