Ubs non pat­teg­gia

Il Di­par­ti­men­to di giu­sti­zia Usa ha av­via­to una cau­sa ci­vi­le

laRegione - - Economia - Di Ge­ne­ro­so Chia­ra­don­na

La vi­cen­da di mu­tui sub­pri­me non è an­co­ra sta­ta di­ge­ri­ta. La ban­ca è ac­cu­sa­ta di aver in­gan­na­to gli in­ve­sti­to­ri.

A die­ci an­ni dai fat­ti, da quan­do cioè il gran­de pub­bli­co ha sen­ti­to par­la­re per la pri­ma vol­ta di ‘sub­pri­me’, quel­le vi­cen­de che sem­bra­va­no or­mai pas­sa­te al­la sto­ria ri­tor­na­no di at­tua­li­tà. È il ca­so dell’av­vio di una azio­ne giu­di­zia­ria ci­vi­le ne­gli Sta­ti Uni­ti con­tro Ubs, ac­cu­sa­ta di aver in­gan­na­to gli in­ve­sti­to­ri pro­po­nen­do lo­ro dei ti­to­li ga­ran­ti­ti da pre­sti­ti ipo­te­ca­ri ri­schio­si, det­ti ap­pun­to ‘sub­pri­me’. Ri­cor­dia­mo che pro­prio Ubs, die­ci an­ni fa, fu salvata dall’in­ter­ven­to com­bi­na­to di Con­fe­de­ra­zio­ne e Ban­ca nazionale svizzera per­ché il suo bi­lan­cio era ap­pe­san­ti­to dai co­sid­det­ti ti­to­li tos­si­ci (sen­za più un prez­zo cer­to), tra cui an­che quel­li le­ga­ti ai mu­tui sub­pri­me. Si può di­re a posteriori – pur non co­no­scen­do nei det­ta­gli la que­stio­ne giu­di­zia­ria at­tua­le – che Ubs dell’epo­ca su­bì, al pa­ri di al­tri attori fi­nan­zia­ri, gli ef­fet­ti pe­rver­si dei ti­to­li sub­pri­me se­gui­ti al­la cri­si im­mo­bi­lia­re. Fu col­pa di ma­na­ger spin­ti dall’avi­di­tà o da scar­sa lu­ci­di­tà e lun­gi­mi­ran­za? Il ri­sul­ta­to pri­mo di quel­le scel­te e del­le at­ti­vi­tà ame­ri­ca­ne di Ubs fu quel­lo di met­te­re a ri­schio l’esi­sten­za stes­sa del­la pri­ma ban­ca svizzera. È pro­ba­bi­le che si fos­se sot­to­va­lu­ta­ta la pe­ri­co­lo­si­tà di ma­neg­gia­re que­sti ti­to­li fi­nan­zia­ri.

In un co­mu­ni­ca­to il Di­par­ti­men­to di giu­sti­zia sta­tu­ni­ten­se (Doj) so­stie­ne che Ubs con que­ste ope­ra­zio­ni ha con­tri­bui­to a in­ne­sca­re la cri­si fi­nan­zia­ria mon­dia­le del 2008. Il pro­ce­di­men­to è sta­to av­via­to do­po che la pri­ma ban­ca svizzera ha re­spin­to una pro­po­sta di ac­cor­do ex­tra­giu­di­zia­le, che pre­ve­de­va il pa­ga­men­to di una san­zio­ne di cir­ca due mi­liar­di di dol­la­ri, se­con­do fon­ti vi­ci­ne al dos­sier.

Il pro­cu­ra­to­re Ri­chard Do­no­ghue ha di­chia­ra­to che gli in­ve­sti­to­ri han­no su­bi­to “per­di­te ca­ta­stro­fi­che” per­ché la ban­ca non ha ri­ve­la­to tut­ti i ri­schi as­so­cia­ti ai ti­to­li ipo­te­ca­ri. Gli Sta­ti Uni­ti ac­cu­sa­no Ubs di aver pra­ti­ca­to una cul­tu­ra azien­da­le che si con­cen­tra­va sui pro­fit­ti piut­to­sto che sul­la pie­na tra­spa­ren­za nei con­fron­ti dei clien­ti. Da par­te sua, Ubs si è ri­fiu­ta­ta di com- men­ta­re l’azio­ne le­ga­le e le re­la­ti­ve trat­ta­ti­ve. Il grup­po ave­va an­nun­cia­to già mer­co­le­dì se­ra che si aspet­ta­va l’av­vio di un pro­ce­di­men­to giu­di­zia­rio, af­fer­man­do che le ac­cu­se del­la giu­sti­zia ame­ri­ca­na non era­no suf­fra­ga­te da fat­ti o dal­la leg­ge e che il grup­po le avreb­be con­te­sta­te “ener­gi­ca­men­te” nell’in­te­res­se dei suoi azio­ni­sti. La de­nun­cia pre­sen­ta­ta ie­ri men­zio­na, tra l’al­tro, un di­pen­den­te di Ubs che nel 2006 si era la­men­ta­to con i suoi su­pe­rio­ri dell’eti­ca del­la ban­ca, se­con­do cui “men­ti­re è be­ne”. Ne­gli ul­ti­mi an­ni, i tri­bu­na­li ame­ri­ca­ni han­no ri­sol­to con­tro­ver­sie si­mi­li con Ci­ti­group, Deu­tsche Bank, JPMor­gan Cha­se & Co, Cre­dit Suis­se, Mor­gan Stan­ley, Gold­man Sa­chs, Bank of Ame­ri­ca e Bar­clays. Ubs è l’ul­ti­ma ban­ca glo­ba­le che an­co­ra non è riu­sci­ta a li­be­rar­si dal­la sco­mo­da ere­di­tà dei sub­pri­me. Ubs è all’ori­gi­ne di pre­sti­ti ipo­te­ca­ri re­si­den­zia­li ame­ri­ca­ni (Rmbs) per un va­lo­re di 1,5 mi­liar­di di dol­la­ri: ci­fre uf­fi­cia­li non so­no no­te, ma la ban­ca – quan­do il mer­ca­to im­mo­bi­lia­re è crol­la­to – avreb­be su­bi­to per­di­te sti­ma­te a 45 mi­liar­di di dol­la­ri, per un in­ve­sti­men­to di 100 mi­liar­di su un mer­ca­to glo­ba­le di 5mi­la mi­liar­di. Que­sto fat­to da so­lo con­trad­di­ce la con­clu­sio­ne di una fro­de de­li­be­ra­ta, so­stie­ne la ban­ca. Ubs di­spo­ne di ac­can­to­na­men­ti mi­liar­da­ri per con­tro­ver­sie le­ga­li (2,31 mi­liar­di a fi­ne set­tem­bre, ndr). Esper­ti ri­ten­go­no che non sia­no suf­fi­cien­ti per la vi­cen­da le­ga­ta agli Rmbs.

KEYSTONE

L’ac­cor­do ex­tra­giu­di­zia­le sa­reb­be co­sta­to due mi­liar­di di dol­la­ri

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland

© PressReader. All rights reserved.