La no­stra se­rie tv na­sce dal­lo stu­dio del­la cri­mi­na­li­tà

Ar­ri­va su Rai 1 «Io ti cer­che­rò» di Gian­lu­ca Ma­ria Ta­va­rel­li con Ales­san­dro Gass­mann. Ab­bia­mo in­con­tra­to gli sce­neg­gia­to­ri

Corriere della Sera - La Lettura - - Ma­sche­re / Ci­ne­ma - Di JESSICA CHIA

La se­ra pri­ma di mo­ri­re, Et­to­re (Lui­gi Fe­de­le) sem­bra fe­li­ce. Lui e la fi­dan­za­ta Mar­ti­na (Zoe Ta­va­rel­li), po­co più che ven­ten­ni, dor­mo­no nu­di sul­la ter­raz­za del­la ca­sa in cui vi­ve al Pi­gne­to a Ro­ma. Aspet­ta­no l’al­ba, pro­get­ta­no il futuro. Per que­sto quan­do da lì a po­che ore il ca­da­ve­re vie­ne tro­va­to sul gre­to del Te­ve­re, nes­su­no cre­de sia sta­to un sui­ci­dio, co­me in­ve­ce lo ar­chi­via la po­li­zia. Sa­rà il pa­dre di Et­to­re, Va­le­rio Fre­dia­ni (Ales­san­dro Gass­mann), ex po­li­ziot­to espul­so an­ni pri­ma per un’ac­cu­sa di spac­cio — in cui for­se è sta­to in­ca­stra­to — a cer­ca­re di da­re un sen­so a quel­la mor­te e sco­pri­re cos’è ac­ca­du­to a Et­to­re. Quel fi­glio un po’ ri­bel­le e idea­li­sta, da an­ni un estra­neo nel­la sua vi­ta.

La nuo­va se­rie tv Io ti cer­che­rò, in 4 se­ra­te su Rai 1 da do­ma­ni, lu­ne­dì 5 ot­to­bre (re­gia di Gian­lu­ca Ma­ria Ta­va­rel­li; sue, tra le al­tre, le se­rie su Pao­lo Bor­sel­li­no, 2004 e Il gio­va­ne Mon­tal­ba­no, 2012-2015), non è so­lo un gial­lo, ma si ba­sa sul rap­por­to man­ca­to tra un pa­dre e un fi­glio. Una se­rie (co­pro­du­zio­ne Rai Fic­tion e Pu­bli­spei di Ver­dia­na Bi­xio) con pro­ta­go­ni­sti, ol­tre a Gass­mann, Ma­ya San­sa (Sa­ra, ex col­le­ga ed ex aman­te di Va­le­rio) e An­drea Sar­to­ret­ti (Gian­ni, fra­tel­lo di Va­le­rio). A fir­ma­re la sce­neg­gia­tu­ra, con Mas­si­mo Ba­va­stro e Mo­ni­ca Ra­met­ta, è la cop­pia, sul la­vo­ro e nel­la vi­ta, for­ma­ta da Leo­nar­do Fa­so­li (1962) e Mad­da­le­na Ra­va­gli (1974), au­to­ri di se­rie co­me Go­mor­ra (quin­ta sta­gio­ne nel 2021), Ze­roZe­roZe­ro, o del film L’im­mor­ta­le (2019). A «la Let­tu­ra» rac­con­ta­no la nuo­va se­rie e il lo­ro la­vo­ro di scrit­tu­ra per la tv.

« Io ti cer­che­rò è la sto­ria di un uo­mo che guar­da al­le oc­ca­sio­ni man­ca­te del­la vi­ta an­dan­do a sco­pri­re chi è quel fi­glio che ha per­so di vi­sta — spie­ga Fa­so­li — fi­no al­la tra­sfor­ma­zio­ne: ac­cet­ta­re lo sguar­do sul mon­do che il fi­glio gli la­scia in ere­di­tà. Un ca­po­vol­gi­men­to dei ruo­li». Ra­va­gli pre­ci­sa: «Og­gi è cam­bia­to il le­ga­me ge­ni­to­ri-fi­gli. Pri­ma la du­rez­za del vi­ve­re ren­de­va me­no co­pio­si gli in­ter­ro­ga­ti­vi su que­sto rap­por­to. Ora c’è uno smar­ri­men­to dei ge­ni­to­ri ri­spet­to al­la pro­pria iden­ti­tà per­ché non ci so­no più sche­mi nei qua­li i fi­gli si sen­to­no com­pres­si, o in cui si pos­so­no iden­ti­fi­ca­re o ri­bel­la­re. E que­sta non è la sto­ria di una per­di­ta, ma del ri­tro­var­si».

Per Fa­so­li e Ra­va­gli l’ope­ra di scrit­tu­ra at­tin­ge dall’at­tua­li­tà, al cen­tro del­le lo­ro sto­rie. «Per scri­ve­re la tra­ma e gli in­trec­ci di un gial­lo co­me Io ti cer­che­rò ci af­fi­dia­mo al­le or­di­nan­ze di cu­sto­dia cau­te­la­re, cioè i do­cu­men­ti di un’in­da­gi­ne che il ma­gi­stra­to com­pi­la con la po­li­zia in­ve­sti­ga­ti­va, e che poi van­no al giu­di­ce. Ma­te­ria­le pre­zio­so per­ché de­scri­ve il mon­do cri­mi­na­le», ri­fe­ri­sce Fa­so­li. «Per esem­pio i dia­lo­ghi e la re­gi­stra­zio­ne mi­nu­zio­sa del­le azio­ni — con­ti­nua Ra­va­gli —, frut­to di in­ter­cet­ta­zio­ni am­bien­ta­li, pe­di­na­men­ti, so­no uti­li per ri­co­strui­re dal pun­to di vi­sta sce­no­gra­fi­co, e di so­stan­za, la ma­te­ria uma­na. E poi­ché le as­so­cia­zio­ni a de­lin­que­re so­no ra­di­ca­te nel ter­ri­to­rio, ab­bia­mo un puzz­le di re­la­zio­ni che è an­che una fo­to­gra­fia dei luo­ghi». E che in Io ti cer­che­rò «va dal li­to­ra­neo ro­ma­no al cen­tro sto­ri­co, cioè il viag­gio del ri­ci­clag­gio dei sol­di del­lo spac­cio per es­se­re rein­ve­sti­ti in at­ti­vi­tà pro­dut­ti­ve e im­mo­bi­lia­ri». Ma per ri­por­ta­re ap­pie­no que­sto mon­do oc­cor­re an­che il pun­to di vi­sta di chi ci sta den­tro, «con un la­vo­ro di in­ter­vi­ste a per­so­ne con­ti­gue a que­sta real­tà».

La pri­ma fa­se del­la scrit­tu­ra, cioè la ri­cer­ca (ap­pun­ti, im­pres­sio­ni, in­ter­vi­ste) ser­ve, in par­te, per af­fi­na­re la de­scri­zio­ne dei det­ta­gli; in par­te per stu­dia­re l’ani­mo uma­no. «Qui il pro­ble­ma è l’ap­proc­cio. È un mo­do di guar­da­re a sé stes­si, al pro­prio vis­su­to», pro­se­gue Ra­va­gli. L’au­to­re pro­va a rac­con­ta­re la ra­di­ce di un com­por­ta­men­to uma­no, «ma qua­si sem­pre ti ri­tro­vi con una do­man­da. E que­sto la­scia lo strug­gi­men­to del met­ter­ti in gio­co: at­tin­gi a ma­te­ria­le che è il tuo; un’ope­ra­zio­ne a vol­te in­do­lo­re, a vol­te me­no».

Poi c’è la fa­se del «ri­scon­tro». Co­sì Fa­so­li: «Ab­bia­mo tan­ti con­su­len­ti per com­pro­va­re se quel­lo che rac­con­tia­mo si di­sco­sta o no dal ve­ro»; sia in­ter­ni al­la ma­la­vi­ta, sia pro­fes­sio­ni­sti, co­me psi­chia­tri che ci aiu­ta­no a de­li­nea­re pro­fi­li psi­co­lo­gi­ci. Si pas­sa poi al­la co­stru­zio­ne del­la sto­ria: «Usia­mo il me­to­do ame­ri­ca­no del boar­ding, in spa­gno­lo det­to tra­mar: at­tac­chia­mo al­la pa­re­te tan­ti car­ton­ci­ni in cui rias­su­mia­mo le no­stre idee. All’in­zio è un puzz­le di­sor­di­na­to; poi le azio­ni che sce­glia­mo por­ta­no a del­le con­se­guen­ze, fi­no a tro­va­re i fi­li di una pun­ta­ta che rag­grup­pa­no i di­ver­si car­ton­ci­ni. Il la­vo­ro pro­gres­si­vo di spac­chet­ta­re sem­pre più un’idea si chia­ma brea­king the epi­so­de ». Con­ti­nua Ra­va­gli: «Ma le sce­ne de­vo­no sem­pre es­se­re coe­ren­ti ri­spet­to al­le in­ten­zio­ni dei pro­ta­go­ni­sti, per­ché ti per­met­te di te­ne­re sot­to con­trol­lo l’ar­co di tra­sfor­ma­zio­ne del per­so­nag­gio, che evol­ve, cam­bia, al­la fi­ne del­la sto­ria non è mai quel­lo che era all’ini­zio. Il suo è un viag­gio».

«Su se­rie com­ples­se, ab­bia­mo la­vo­ra­to con il si­ste­ma ame­ri­ca­no del­la wri­ting room — spie­ga­no en­tram­bi — in cui un grup­po di au­to­ri con abi­li­tà di­ver­se, co­me un buon dia­lo­ghi­sta o chi sa tes­se­re le tra­me, si con­fron­ta­no. Più si è, più ar­ri­va­no idee». Ag­giun­ge Ra­va­gli: «Una buo­na se­rie va un po’ pen­sa­ta co­me un ro­man­zo con­tem­po­ra­neo per­ché of­fre uno spac­ca­to eco­si­ste­mi­co del­la real­tà e lo fa in mo­do im­mer­si­vo. E que­sto ri­chie­de mol­to tem­po».

La scrit­tu­ra può es­se­re poi af­fi­na­ta sul set:

«Quan­do l’at­to­re dà cor­po al­la par­te pos­so­no emer­ge­re nuo­ve sfu­ma­tu­re. Un la­bor li­mæ che pro­se­gue con le ri­pre­se». Un mo­do di la­vo­ra­re re­cen­te, «che vie­ne da­gli Usa do­ve gli sho­w­run­ner, cioè gli au­to­ri del­le se­rie, han­no ini­zia­to a se­guir­le in di­ve­ni­re». Un con­fron­to che, ol­tre che sul set, av­vie­ne an­che con gli scrit­to­ri. È il ca­so di Go­mor­ra e di Ze­roZe­roZe­ro, se­rie di suc­ces­so ispi­ra­te ai due li­bri di Ro­ber­to Sa­via­no (Mon­da­do­ri, 2006; Fel­tri­nel­li, 2013): «Con Sa­via­no c’è sta­to un af­fian­ca­men­to in al­cu­ne fa­si del la­vo­ro. Vo­le­va­mo ri­pro­dur­re l’espe­rien­za del mo­do in cui lui ave­va vi­sto o sen­ti­to quel­le sto­rie, per ri­tro­va­re la stes­sa in­ten­si­tà». An­co­ra un’im­mer­sio­ne nel rea­le, quel­la li­nea sot­ti­le tra scrit­tu­ra e im­ma­gi­ne, ci­ne­ma e nar­ra­zio­ne che nell’«of­fi­ci­na» del­le se­rie di Fa­so­li e Ra­va­gli tro­va il suo pre­ci­so equi­li­brio.

Le im­ma­gi­ni Mad­da­le­na Ra­va­gli (Faen­za, Ra­ven­na, 1974) e Leo­nar­do Fa­so­li (Ro­ma, 1962; sot­to: fo­to di An­drea Apol­lo­ni) fir­ma­no la sce­neg­gia­tu­ra, con Mas­si­mo Ba­va­stro e Mo­ni­ca Ra­met­ta, di Io ti cer­che­rò (re­gia di Gian­lu­ca Ma­ria Ta­va­rel­li), se­rie tv su Rai 1 dal 5 ot­to­bre. A de­stra: Ales­san­dro Gass­mann (fo­to di Fa­bri­zio de Bla­sio) nel ruo­lo di un ex po­li­ziot­to che per­de il fi­glio, e gli at­to­ri che in­ter­pre­ta­no gli ami­ci del fi­glio Et­to­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.